22°

Parma

«Io, interprete di giustizia, chiedo giustizia»

«Io, interprete di giustizia, chiedo giustizia»
Ricevi gratis le news
1

 Roberto Longoni

E' l'orecchio della legge. E' la sua bocca, perché la giustizia deve farsi capire e non solo ascoltare. Ed è la penna che mette per iscritto nella lingua dell'arrestato l'ordine di custodia, con il promemoria dei diritti  (manca questo pezzo di carta, e l'avvocato non deve nemmeno sprecarsi in un'arringa per ottenere il rilascio anche di un incallito criminale).  Per sua sfortuna, l'interprete di giustizia Mustapha (per ragioni di sicurezza gli diamo un nome di fantasia) è anche il buco nella tasca dello Stato, il suo orologio dalle lancette  parecchio indietro. Da otto mesi  aspetta una busta con un assegno. Attende che gli venga corrisposto quanto ha guadagnato impegnandosi per la collettività, al fianco di forze dell'ordine e magistrati. Ma intanto il suo padrone di casa si è stancato di aspettare con lui che arrivino i soldi per l'affitto. Lo sfratto è partito. Sa l'italiano, il francese e l'arabo, il tunisino Mustapha: ora sta imparando la lingua dell'amarezza e della delusione. «Non chiedo nulla di straordinario - allarga le braccia -. Vorrei che almeno fossimo pagati a fine mese. Che il nostro stipendio fosse regolarizzato, che ai rischi di questo mestiere non s'aggiungesse quello di non poterci pagar da vivere». Un caso preso a cuore dal Movimento nuovi consumatori. «Ci faremo promotori di una legge d'iniziativa popolare - annuncia il presidente Filippo Greci - volta alla raccolta di 50 mila firme per il riconoscimento e la costituzione di un albo nazionale degli interpreti e traduttori di tribunale. Con l'albo, avrebbero garantiti i loro diritti. E situazioni del genere non si verificherebbero più». Ora invece si contano a centinaia. «Solo che quasi tutti hanno altre fonti di reddito  in famiglia - spiega Mustapha -. Io no: a casa ho una moglie e tre figli che dipendono dai miei guadagni. Per questo ora sto cercando altro. E mi dispiace, perché adoro questa professione che mi fa sentire utile». In Italia, Mustapha è arrivato una ventina d'anni fa («con il permesso di soggiorno»), dopo la laurea in Tunisia. Aveva già in mente che avrebbe fatto questa professione. I primi tempi, s'è guadagnato da vivere con lavori occasionali in diverse città, continuando a migliorare la sua conoscenza dell'italiano. Approdato a Parma,  ha iniziato «a impegnarmi per lo Stato»  dice, con una punta d'orgoglio che poi si smorza, ricordando «lo Stato al quale dai tutto ciò che ti viene chiesto e poi non te lo riconosce, dimenticandoti». Era la fine degli anni '90, quando Mustapha è stato «arruolato. Sono stato addestrato a usare tutte le apparecchiature, i codici, ho conosciuto tanti ragazzi delle forze dell'ordine: anche loro danno molto, ricevendo poco in cambio». E' in quel periodo che la moglie lo ha raggiunto dalla Tunisia.  I tre figli sono nati qui. Un mestiere senza orari, che ti prende la vita, quello al quale fino a pochi mesi fa si dedicava. Un mestiere per il quale rischi che la vita qualcuno te la porti via per davvero. Minacce, lui ne ha collezionate un po'. I malviventi che parlavano in arabo, incomprensibili per le forze dell'ordine, ai quali lui ha guastato i piani non si contano. Così come le tonnellate di droga sequestrata grazie anche al suo orecchio di interprete. «Tonnellate tra cocaina, hascisc e marijuana, tra Parma, Reggio, Modena e  Bologna -  racconta -. E poi ci sono gli abusi sessuali, gli omicidi, delitti di tutti i generi». E le indagini su Al Qaeda, con Parma crocevia  dell'estremismo jihadista in Nord Italia. E' in queste occasioni che Mustapha ha dovuto assistere agli interrogatori con un cappuccio in testa. «Facevo tutto: udienze, indagini, intercettazioni». La paga? «Ogni due ore hai una vacazione, per la quale percepisci 30 euro, ma il 20 per cento viene subito detratto.  E dal 2003 i pagamenti avvengono sempre più in ritardo». Le intercettazioni, già: telefoniche, ambientali. «Devi impostare la tua vita su quella degli altri. Quando sei nel mezzo di un'indagine non hai più orari». Vivi un'esistenza parallela e nascosta nel chiuso di una stanza. «Un compito oscuro: da invisibili. Ma i criminali che hanno a che fare con noi ci conoscono eccome». Quanto basta per perdere la pace. «Gli interpreti come lui, di tutte le lingue - aggiunge Greci - sono nelle stesse condizioni dei collaboratori di giustizia, ma  senza scorta né soldi. Per Mustapha, ora, valuteremo le azioni da compiere nelle sedi opportune». Il presidente del Mnc ipotizza anche la messa in mora del ministero della Giustizia. Basterà per avviare un «rito abbreviato» anche per i pagamenti del dovuto agli interpreti? 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • mariana

    30 Gennaio @ 17.03

    Ci si trova in questa situazione ormai da tempo e le cose non fanno che peggiorare; purtroppo lo Stato si dimentica di quelli che sono le sue "orecchie", le persone che stanno attaccate delle ore davanti ad un computer per aiutare i PG a svolgere il loro lavoro e catturare quelli che sono piccoli o grossi delinquenti. Noi, interpreti-traduttori, a servizio della Giustizia e .... senza giustizia.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Anteprima Gazzetta

Anziani scippati, danni devastanti

Le anticipazioni della Gazzetta del direttore Michele Brambilla

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

2commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

22commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

chiesa

Smentite le voci sulla salute di Papa Ratzinger

2commenti

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»