Parma

Barba, baffi e brillantina lunghi dodici mesi

Barba, baffi e brillantina lunghi dodici mesi
Ricevi gratis le news
0

Chiara Cabassi 

 

Barbiere da strapazzo, c’è molto da aspettare?” Il film è “I fuorilegge”. Totò entra nella bottega di Peppino. Pettini e rasoi allineati sul bancone, il ragazzo che si volta, giovane e impaurito, col camice bianco. No, non c’è molto da aspettare.
Gli artigiani del capello, del rito pennello-crema-panno caldo, col movimento deciso sulla lista di cuoio per affilare il rasoio, le botteghe con l’ingresso e i poster alle pareti per “soli uomini” sono luoghi e attività in declino. Luoghi all’antica sacrificati alla fretta, clima da covo maschile svilito dalla sfumatura unisex e dai centri benessere. Da ultimo si è ritirato Felice in Oltretorrente.
La sua saracinesca è scesa un’ultima volta, dopo lunga e onorata carriera. Soprannome della barberia: “la dogana”. Perché di lì passavano tutti. E, tra qualche giorno, quando metteremo di schiena il primo foglio dell’anno, a qualcuno torneranno in mente i calendari che profumavano il portafoglio di colonia e borotalco? Quelli del barbiere. Ormai, perduto frutto della stagione invernale che sapientemente allungato, dopo le rasature delle Feste, ricambiava la mancia natalizia. Strenna anche maliziosa. Accompagnato da una strizzatina d’occhio al pensiero di quelle donnine un po’discinte. A  Parma  qualcuno c’è che li ricorda. Anzi di più. Paolo Ferrara ha fatto di questa scomparsa un’ostinata ricerca che segue quella del padre Mario. Nel suo “armadio delle meraviglie” Ferrara conserva 2000 almanacchini in libroni a tasche: dentro ognuno un “pizzino” che ne racconta la storia. Calendari dal 1876 agli anni ’70. Per ognuno recita pronto il nome del disegnatore, la barberia, mostra un particolare. Quadrati di bellezza di un mondo in cui la pubblicità non era prepotente e usava tutti i sensi per farsi largo nel quotidiano: l’utilità, l’olfatto, la dimensione tascabile, il colore intenso, il proibito. I primi furono prodotti dalle case di profumi  poi i barbieri se ne appropriarono.
In testa il nome del negozio, in coda, le foto dei ragazzi di bottega che ringraziano “della preferenza”. Capolavori tenuti insieme da un cordoncino di seta rosso e da una bustina ruffiana che conservava l’odorosa impressione dei momenti di beatitudine in barberia dove la conversazione dell’attesa passava al setaccio il buono e il cattivo, il calcio, i fatti della città, la politica e i posti dove andar per funghi.  “Il nostro periodo preferito” dicono Paolo e la moglie Luisa - che confessa di aver scovato molti calendari in quel baratto tra collezionisti che si teneva in Piazza Garibaldi il mercoledì mattina - “ è il trentennio che vede il passaggio tra Noveau e Decò. L’inizio del secolo, con le immagini cromolitografiche romantiche e floreali. Anche la foggia è un fiore, un ventaglio, una testa di animale. E anche il gusto ricercato del “novecento” che l’avvento del fascismo trainò verso il realismo. Sono edizioni raffinate che dicono quanto l’azienda puntasse al calendario come testimonial”. Sì, perché gran parte di questa storia l’hanno fatta le case di profumi. La più prolifica fu la Bertelli di Milano, poi la Kofler di Padova, ma subito dopo vengono le nostre Opso e Borsari. I  profumi suonavano come “sogno segreto”, “notti romane”, “segreto d’amore”. Creme e prodotti per capelli si chiamavano “ovolina”, “tricofilina dei colli fioriti” ,“vellutine”. L’anno è il 1914. Ne apri uno a caso,nel retrocopertina c’è uno spazio da riempire: “Memorie indispensabili”. Le misure di guanti, collo e scarpe del proprietario.
Sono soprattutto oggetti d’eleganza, con gli abiti e gli atteggiamenti alla moda, che non cessano di essere prodotti e diffusi neanche durante le due Guerre. Negli anni Venti la donna è farfalla, aria, bolle di sapone, creatura dei giardini. Negli anni trenta è associata agli sport, alla crociera, al mito del biondo platino. Oppure, alludendo alla pittura celebre, visionaria creatura del mare, eroina. Una scusa, per disegnare quel seno scoperto, che negli anni sessanta faranno intravedere le dive del cinema di casa e d’Oltreoceano. Ma sempre protagonista di un sogno, di un desiderio, di una fantasia maschile dorata e innocente riposta con il suo profumo tra le pieghe del borsello. E se nella sua City ideale Baricco ha infilato un barbiere che taglia gratis il giovedì, che bello sarebbe se lo stesso barbiere omaggiasse il cliente di un libricino dorato che conta il passare del tempo tra fiori e sorrisi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

STADIO TARDINI

Il Parma col Cesena punta alla cinquina Diretta dalle 15

I crociati hanno vinto le ultime quattro gare in casa ma i romagnoli sono in gran forma con un attacco prolifico. Fuori Munari, gioca Dezi

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

ALLUVIONE

Tra ruspe e "angeli del fango": a Lentigione si lavora senza sosta Foto

Messa domenicale sul sagrato della chiesa

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

8commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

1commento

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260