-2°

Parma

Addio Pavlén, il "signore" delle barzellette

Addio Pavlén, il "signore" delle barzellette
Ricevi gratis le news
0

Gian Luca Zurlini

Con la scomparsa di «Pavlén» Parma perde un altro personaggio  importante della sua storia popolare. Un personaggio suo malgrado, perché Paolino Menozzi (sì, il nome era proprio con il diminutivo «parchè a séra nasù picén», diceva lui) era schivo e alle luci della ribalta parmigiana c'era arrivato quasi per caso, tra la fine degli anni Cinquanta e l'inizio degli anni Sessanta. Un periodo d'oro per la «parmigianità» cui anche Pavlén , che vedeva «al dialèt c'mé la mè léngua e l'italiàn na léngua forestéra», aveva partecipato. La sua «carriera» di barzellettiere in dialetto parmigiano era iniziata quasi per scherzo con gli amici dell'allora Caffè San Paolo di via Cavour. Concluso il suo lavoro di dipendente «tuttofare» all'Ordine dei medici, Pavlén si ritrovava al bar e, grazie a una verve spontanea e assolutamente inimitabile, intratteneva le persone raccontando barzellette come un attore consumato, ma dando sfogo a quella parmigianità che era nel suo «dna». Era nato infatti nel 1919 nel cuore di quel borgo del Naviglio che, quando lui era ancora piccolissimo, sarebbe stato uno dei «cuori» delle Barricate. E Paolino Menozzi, in arte «Pavlén» era un vero figlio del popolo, visto che la mamma era una “rezdóra” e il papà, invalido di guerra, ha lavorato prima nella ditta di tram di Muggia di Barriera Garibaldi e poi alle Officine Barbieri di via Bixio.  L'aria delle Barricate gli era rimasta dentro nel modo caustico con cui affrontava la vita: ad esempio, ricordava che era andato sotto le armi in Marina e «giusto parchè a son vón fortunè, al Duce la dichiarè la guéra intant ca séra in mèr». E qualche anno fa aveva smesso di fumare  «parché al dotór, a  otant'an sonè, al m'à dit c'al fum al fa morir giòvon».  La popolarità (ma non il denaro) gli piove addosso dopo che, a sua insaputa, vengono pubblicati i 45 giri con le sue barzellette, registrate quasi per scherzo in uno studio di incisioni. I dischi, che comprendono anche alcune recitazioni di poesie come «I dan l'Otello», vanno letteralmente a ruba, con decine di migliaia di copie vendute. A lui non «arriva neanche una ghinea», ma in compenso piovono chiamate per serate in tutti i locali di Parma e anche per i ritrovi di «strajè», persino una volta in Venezuela.  Intanto lui, unico maschio in una famiglia che, oltre alla moglie lo vedeva papà di quattro figlie femmine, ha sempre proseguito la sua vita semplice e senza fronzoli. Non pretendeva riconoscimenti se non uno: «A vój soltant che tutt j càpisson che al mè dialèt lé vér». Tradotto: quello di «Pavlén» era il dialetto parmigiano più vicino alla gente, non costruito su conoscenze letterarie, ma imparato e parlato sul campo fino all'ultimo. Come fin quasi all'ultimo «Pavlén» ha vissuto la sua città: abitava da anni da solo, dopo la morte della moglie, in via Buffolara, ma era sempre in giro per la città in sella alla sua bicicletta. E il suo «mondo» era quello dei circoli dell'Oltretorrente, dove il dialetto è ancora la «prima lingua» come il Pedale Veloce, oppure dove si respira l'aria della grande musica, come a «Parma Lirica». A fine novembre si era esibito ancora una volta, nonostante i suoi 91 anni, di fronte agli anziani della casa «Padre Lino» di viale Caprera. E' stata forse quella l'ultima apparizione pubblica di un piccolo, grande parmigiano, con una scorza solo all'apparenza «sgruza»  che nella sua vita umile e semplice, ma ricca di risate «procurate» agli altri e di battute tanto salaci quanto lievi nel suo affiorare, ha espresso al meglio l'anima popolana della città che sta tanto lentamente quanto inesorabilmente scomparendo.  E invece, mai come oggi ci sarebbe bisogno di persone «vere» come era, è e rimarrà nel ricordo di chi l'ha conosciuto Paolino Menozzi, in arte «Pavlén».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Oggi speciale su cani, gatti & Co. con la Gazzetta di Parma

Lealtrenotizie

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

elezioni

Salvini a Parma: "La flat tax per rimettere soldi nelle tasche degli italiani"

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

1commento

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

incidente

Pedone investito a Ramiola

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

Viabilità

Colorno, verifiche ai ponti dopo la piena

BORGOTARO

Addio ad Arnaldo Acquistapace

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

elezioni

Scuole seggio, chiuse dal 3 al 6 marzo. Per universitari fuorisede trasporti con tariffe agevolate

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

modena

Colpì una 15enne col manganello, chiesto processo per poliziotto

2commenti

SPORT

SPORT

Il ritorno del "Biscione" in Formula Uno: ecco l'Alfa Romeo C37 Foto

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

SOCIETA'

musica

Dopo quasi 30 anni tornano i primi dischi in vinile della Sony

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto