-3°

Parma

Movida: tutti i motivi del ricorso al Presidente della Repubblica

Ricevi gratis le news
6

Pubblichiamo l'intervento del comitato civico Farini:
"Dopo le recenti notizie di stampa circa il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica contro il Piano di Zona e il relativo Regolamento Dehors, il Comitato civico Farini, che coordina i singoli cittadini ricorrenti, intende fare alcune considerazioni.
In primo luogo dobbiamo precisare che il nostro ricorso non è il primo presentato per via Farini, ma è stato preceduto da analogo ricorso al Presidente della Repubblica, proposto da altri cittadini, con istanza di sospensiva dei provvedimenti impugnati che sarà esaminata prossimamente dal T.A.R. di Parma. In secondo luogo vogliamo sottolineare che il ricorso al Presidente Napolitano, aldilà dell'altisonanza del nome, è un ricorso amministrativo che potremmo definire più tranquillo di un comune ricorso al T.A.R, tantopiù se, come nel nostro caso, non si chiede la sospensiva dei provvedimenti impugnati. Dobbiamo aggiungere che nel ricorso, ovviamente, non si fanno “richieste” al Comune di provvedimenti di favore, ma si domanda al Giudice amministrativo di valutare se determinati provvedimenti già adottati dallo stesso Comune violano diritti soggettivi o interessi legittimi dei singoli cittadini. E' bene allora ricordare che questo ricorso viene dopo ripetuti verifiche effettuate dall'A.R.P.A. di gravi sforamenti dei limiti massimi d'inquinamento acustico in zona Farini, e più di un anno di incontri con Sindaco e Assessori per sensibilizzare l'Amministrazione sul fatto che da troppi anni la 'movida' di Via Farini, come fenomeno notturno di aggregazione che si protrae spesso fino alle 3 di notte, vìola i diritti elementari dei residenti.
Come abbiamo più volte detto, consentire che si producano in ore notturne 75/80 decibel sotto le finestre delle abitazioni significa infatti avallare un illecito penale (disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone - art. 659 c.p.), un illecito civile (lesione del diritto al sonno e alla salute - art. 32 Cost.) e infine un illecito amministrativo (violazione del piano di zonizzazione acustica del Comune di Parma del 2005). Al di là delle generiche promesse, il Comune di Parma in concreto ha solo anticipato di mezz'ora la chiusura dei locali di Via Farini, prevista attualmente alle 1.30 il venerdì e il sabato e alle 12.30 gli infrasettimanali: ci sembra molto poco, sopratutto considerando che, per la normativa nazionale e il Piano di zonizzazione acustica dello stesso Comune di Parma, la fascia di rispetto del riposo dei residenti, col il limite max. di 55 decibel, dovrebbe iniziare alle 10 di sera. Ci sembra anche ingiusto e discriminatorio che si mantengano questi orari quando, ad esempio, per la nuova Ghiaia si stabilisce che i locali dovranno chiudere tutti i giorni entro la mezzanotte. Ma soprattutto ci sembra grave che nel Piano di Zona impugnato, sostanzialmente si preveda la possibilità di occupare con tavolini e sedie Strada Farini per quasi tutta la sua lunghezza, espressamente dichiarando che “la disciplina regolamentare sui “dehors” è finalizzata ad un utilizzo razionale del suolo pubblico per ulteriori spazi di ristoro all’aperto (tavolini, sedie, pedane, strutture coperte, ecc.), nonché all’offerta di nuovi servizi per il turismo”, con ciò rivelando la volontà di confermare Via Farini come via della movida, che da noi è e resta prevalentemente una forma di divertimento notturno alternativo alla discoteca. Ribadiamo infine che tutte le argomentazioni sulla validità della movida per la sicurezza delle strade e la rivitalizzazione del centro storico sono e restano pretestuose. Cosa dire infatti di tutte le altre strade di Parma, sono forse ostaggio della criminalità più efferata? Se così fosse la movida dovrebbe essere permanente e dappertutto, per la gioia di chi vive in Via Montebello, o Via del Popolo, o qualsiasi altra strada della città. Anche la rivitalizzazione del centro non crediamo possa passare attraverso la movida, ma richiede una seria riflessione sul perché il centro è poco popolato di giorno, mentre viene occupato militarmente da migliaia di ragazzi vocianti la notte, col corollario di relativi accessi in auto, sosta selvaggia, deiezioni e quant'altro. Qualcuno ha dimenticato che il centro storico dovrebbe essere vitale di giorno, come 'centro commerciale naturale', mentre dovrebbe tornare ad essere un grande quartiere residenziale la notte, come è sempre stato: oggi la situazione è sostanzialmente rovesciata anche grazie a una politica della viabilità che ad una rigida chiusura diurna fa seguire una apertura notturna indiscriminata, ed una politica urbanistica che ha favorito l'espulsione dal centro storico del terziario, in particolare dell'artigianato e delle professioni.
Per queste ragioni i cittadini coordinati dal Comitato civico Farini hanno sentito la necessità di ricorrere al Giudice amministrativo, riservandosi altre possibili iniziative giudiziarie pur nella volontà di proseguire il dialogo con l'Amministrazione, nella speranza di vedere riconosciute concretamente le proprie ragioni.
Giovanni Passerini p. Comitato civico Farini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianpiero

    23 Febbraio @ 15.17

    cara Violetta, i debiti sono una cosa e per inciso sono tutt'altro che sotto controllo, anzi sono del tutto fuori controllo. Secondo, le imprese non sono certo quei 3 bar da barboni che schiamazzano in via Farini. Terzo se vuoi fare veramente una città viva non lo fai in un ghetto spazio-orario (via Farini al venerdì e sabato dalle 11 alle 3 di notte) e lasci deserta tutto il resto della città. Quarto, non so se lo hai capito ma la gente in via Farini si è rotta i coglioni.

    Rispondi

  • Claudio

    23 Febbraio @ 13.55

    "E che du bali". Già il centro città è un mortuorio per i giovani...se poi togliamo anche "la movida" da via Farini, non ci resta che andare alle Piccole figlie a prendere un Té con i ricoverati...non capisco tutte queste lamentele..il popolo frequentatore delle feste parmigiane mi sembra abbastanza educato (anadate a Reggio e Modena a vedere come sono e li nessuno si lamenta). E poi spostarla in ghiaia non risolverebbe nulla, sarebbero poi loro a lamentarsi..

    Rispondi

  • rudolf73

    23 Febbraio @ 13.40

    Mi rivolgo ai cittadini che hanno fatto il ricorso. Io abito in zona e capisco che il fine settimana ci sono problemi, ma se va via la movida con lo spaccio che dalla stazione poi in via garibaldi e adesso fino in pilotta arrivverebbe in via farini. Ricordo che nei primi anni 80 era un covo di tossici, pensando di risolvere un problema ne troviamo uno maggiore ATTENZIONE.

    Rispondi

  • Viola

    23 Febbraio @ 13.16

    Cara GLuca meglio debiti sotto controllo e far lavorare le imprese con un po' di lungimiranza che l'immobilismo assoluto che non giova a nessuno

    Rispondi

  • Viola

    23 Febbraio @ 10.37

    Siete ancora lì? Quando traslocate?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Il dolore del cuore” di Giovanni Scialpi (Shalpy) si trasforma in un messaggio universale d’amore

MUSICA

“Il dolore del cuore”: ecco il nuovo singolo di Scialpi Video

Lealtrenotizie

Incendio in una casa a Siccomonte: foto

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

9commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento