Parma

Bonatti, 27 rientrati. Due sono parmigiani

Bonatti, 27 rientrati. Due sono parmigiani
Ricevi gratis le news
0

 Patrizia Ginepri

Effetto Libia anche su Parma. Una terra ancora poco battuta dalle nostre imprese anche se, negli ultimi anni, le dinamiche di interscambio sono sicuramente cresciute.
Certo è che in questa fase gli affari hanno subito un brusco stop, a cominciare dalle Fiere di Parma. «Avevamo organizzato in collaborazione con l'Ice un “incoming” dalla Libia in occasione di Mec-Spe, la fiera della meccanica specializzata che si terrà a Parma dal 24 al 26 marzo  - spiega Marcella Pedroni  responsabile relazioni esterne e progetti internazionali - e proprio ieri è arrivata l'annuncio del blocco dell'iniziativa. I rapporti riprenderanno, è scritto nella comunicazione, non appena la situazione politica lo permetterà». 
Anche alla Camera di Commercio i contatti con la Libia sono sospesi. L'ente fa sapere che non c'è alcun tipo di comunicazione, mentre da altri paesi come Algeria e Tunisia le richieste di certificazione d'origine delle merci continuano ad arrivare regolarmente. Un evento passato che ricorda la Cciaa è la missione in Libia organizzata dall'Ice nel 2005, in occasione della Fiera internazionale di Tripoli a cui parteciparono alcune imprese parmensi, tra le 18 emiliano-romagnole. Una di queste è la Storci (impiantistica alimentare) che in questo momento non ha contratti con il paese. «Le nostre attività in Libia hanno a che fare in prevalenza con finanziamenti pubblici - spiegano dal quartier generale di Lemignano - e sono ferme da molti  mesi».  
Bonatti Il gruppo fornisce aggiornamenti sulla situazione dei mille dipendenti presenti nelle 12 aree di lavoro libiche. «Sono iniziati i rientri - spiega Matteo Patera, responsabile della comunicazione -  27 dipendenti hanno raggiunto l’Italia con il volo straordinario Alitalia Tripoli - Roma delle ore 14. Tra questi anche due impiegati parmigiani della società che erano in missione in questi giorni. Il resto del personale dislocato nell’area est del Paese è stato trasferito in zona protetta in attesa di organizzare con sicurezza il loro espatrio. Non è stato registrato alcun problema per l’incolumità del personale, in contatto quotidiano con la nostra filiale di Tripoli, che sta coordinando le operazioni. Nel frattempo continua la piena collaborazione dei nostri colleghi libici per agevolare il rientro dei dipendenti non indispensabili alle operazioni, mentre prosegue l’impegno di coordinamento con l’unità di crisi del ministero degli Esteri e con i nostri clienti per individuare le migliori soluzioni per il rimpatrio del personale restante».
L'impiantistica alimentare Nel frattempo tirano il fiato diverse aziende parmensi dell'impiantistica alimentare, che hanno clienti in Libia, ma non commesse in corso in questo periodo.
«Vado in Libia dagli anni Novanta - racconta Stefano Folli, uno dei titolari della società Italpast di Fidenza - e sotto sotto la voglia di libertà c'era anche prima di questa rivolta. In molti mi hanno ricordato come fosse libero il paese prima dell'arrivo di Gheddafi.  Attualmente non abbiamo ordini e comunque anche in passato si è sempre trattato di forniture non grandi. Problemi non ne abbiamo mai avuti, anche se è un mercato particolare rispetto ad altri paesi». 
Stanno alla finestra anche alla Lanfranchi di Collecchio. «Abbiamo impianti installati in tutta l'area nordafricana, ma ora non ci sono nostri tecnici in Libia - assicura Alberto Signorini, responsabile finanziario - e anche le offerte sono ferme». Stessa situazione per il gruppo Cft. «Nessuna vendita in questo momento - dice il direttore commerciale Mario Gherri - certo, lavoriamo in Libia, anche se non è un mercato del tutto aperto». Nessun ordine avviato alla Sidel: «Siamo presenti in Libia - spiega il direttore delle risorse umane Guido Zatti - ma non abbiamo esposizioni al momento e neppure cantieri aperti».  Anche la Gea Procomac vende in terra libica, «ma al momento non c'è personale impegnato in quell'area - ci dicono da Sala Baganza -. Il nostro commerciale è fermo, così come i nostri agenti a Tripoli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

Calciomercato

Inter, nuovo obiettivo per il centrocampo

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS