Parma

Al vér pramzàn dalla vecchia «Giära» alla «pisonära» del Regio

Al vér pramzàn dalla vecchia «Giära» alla «pisonära» del Regio
Ricevi gratis le news
0

 Carlo Allodi

 Si può scrivere del dialetto parmigiano senza parlare di ciò che hanno rappresentato nella sua storia il vecchio mercato della Ghiaia e il mitico loggione del teatro Regio? Certamente no. La «Giära» e la «piccionaia» hanno avuto soprattutto fino al secondo dopoguerra un ruolo così importante che qualcuno, scherzosamente, le ha chiamate le «culle» del nostro vernacolo. In questi luoghi storici della parmigianità per lungo tempo si è parlato il dialetto più genuino e frizzante di cui si abbia memoria. 
Tra le bancarelle della  Ghiaia che fu
Il mercato della Ghiaia, con la sua varia umanità, le bancarelle, le atmosfere, i personaggi popolari che lo animavano sembrava il cliché del parmigiano del sasso e in questo ambiente il dialetto la faceva da protagonista indiscusso. Anzi, dentro il luogo simbolo della città sembrava non esistesse altra lingua. Girare tra i banchi di primo mattino e ascoltare certe battute fulminanti, certi sfottò, gli slogan delle ortolane e delle vecchie venditrici di limoni o di chincaglieria, ti metteva subito di buonumore.
La «carovana facchini» e i suoi  altisonanti «stranomi» 
E se questo non bastava c'era sempre la «carovana facchini», costituita in prevalenza da uomini provenienti dai capannoni della Navetta o dai Capannoni dello zucchero, vere e proprie vestali del dialetto, come possono testimoniare i loro «stranomi altisonanti»: «Magnapónghi», «Marlètta», «Cagaréla», «Pasturón», «Mälfàt», «Fiss’ción», «Caldarén» e via dicendo. Tutto questo, ovviamente per il passato. Il futuro ci riserva una Ghiaia nuova e più luccicante, ma un po' meno parmigiana, dove il nostro dialetto dovrà vedersela con una concorrenza multietnica di lingue, dall’albanese al rumeno, dal congolese al portoghese, al cinese, all’algerino. 
Il loggione, dove stroncature e trionfi si urlano solo in «pramzàn»
L'altro tempio della parmigianità e del suo vernacolo, che finora non sembra aver subito, a differenza del mercato popolare, grosse contaminazioni anche se il dialetto che vi si parla non sembra più quello di una volta, è il loggione del Regio, dall’800 croce e delizia di ogni cantante d’opera.  
Nella «fossa dei leoni» le stroncature o i trionfi di un artista si sono sempre decretati rigorosamente in «pramzàn». E forse anche per questo le «bocciature» risultano ancora oggi più brucianti, come quel famoso «sìncov!» («cinque!») gridato ad un tenore di buona reputazione, ma forse non in serata di grazia dopo una famosa romanza verdiana. 
Da Barilli a Pedretti: i cantori  della sagacia «loggionista»
Sulla vitalità del nostro dialetto all’ultimo piano del Regio esiste una ricca letteratura che va dal libro-monumento al loggione «Il Paese del melodramma» di Bruno Barilli a «I dan l’Otello» di Renzo Pezzani (vero e proprio capolavoro della poesia vernacolare) al volume «Lassù in loggione» (Guanda editore), raccolta di una divertente rubrica in dialetto curata per oltre un trentennio sulle pagine della «Gazzetta» dall’indimenticabile (e indimendicato) giornalista e critico cinematografico Paolo Pedretti, di cui ricorre il prossimo maggio il ventesimo anniversario della scomparsa. Pedretti, alle prime di ogni stagione lirica, si mescolava tra i loggionisti e coglieva al volo le loro reazioni, i battibecchi e i loro salaci giudizi nella lingua popolare, che poi trasfondeva nella sua rubrica, la prima ad essere letta all’indomani sulla recita. Pedretti amava il dialetto, «tutto il dialetto in generale, poiché - come ha osservato acutamente il critico letterario Giuseppe Marchetti nella sua introduzione al volume uscito postumo - era certo che dal dialetto provenisse ancora, per coloro che sanno udire, il suono della tradizione, quella, appunto, che rende magica l’atmosfera del loggione e intenso, quasi unico, il suo modo di ascoltare la musica». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Festa al Dragoon pub di Salso

pgn

Festa al Dragoon pub di Salso Foto

Polemica tomori

Il messaggio

Toffa, malattia, post e polemiche: "Nadia, il cancro non rende fighi"

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche  Foto

social

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Trattoria "Al Voltone"

CHICHIBIO

Trattoria "Al Voltone", la generosa tradizione della Bassa

di Chichibio

Lealtrenotizie

'Ndrangheta, le infiltrazioni mettono ko le aziende sane

ALLARME MAFIE

'Ndrangheta, le infiltrazioni mettono ko le aziende sane

BORGOTARO

Laminam, nuove denunce e nuove smentite

SERIE B

Il Parma lotta e strappa un punto

Intervista

Thomas: «Sono un anti-social, mi esprimo nei live»

RICERCA

Cuore, da Parma parte la rivoluzione farmacologica

Recidivo

Ai domiciliari, continuava a spacciare cocaina

Furto sventato

Via Mameli, barista «placca» il ladro di biciclette

INAUGURAZIONE

Socogas inaugura due distributori sulla Brebemi

TARDINI

Il Parma non batte il Venezia: finisce 1-1

Due grandi occasioni gialloblù nel primo tempo. Poi lagunari in vantaggio con Pinato raggiunti su rigore da Calaiò, appena entrato. Lo Spezia piega la Salernitana e ci supera

CARABINIERI

Spaccio di cocaina e hashish fra Parma e Borgotaro: coinvolti 6 magrebini Video

Tre magrebini sono stati arrestati, altri tre sono ricercati nell'ambito dell'operazione "Pokemon Go" dei carabinieri

viabilità

Domenica con gelo e neve: possibili difficoltà in autostrada, anche in zona Parma

Il fatto del giorno

"Infiltrazioni mafiose a Parma: tenere le antenne dritte" Video

PARMA

Neve in città: in azione i mezzi del Comune. Previsto un abbassamento delle temperature

E' attivo un numero verde del Comune di Parma per segnalazioni e informazioni. Scuole chiuse a Lesignano e Neviano

11commenti

Gazzareporter

Risveglio con la neve a Parma Invia le tue foto

social

Derapate (follie?) con il quad in piazza Garibaldi Video

1commento

CONSIGLIO

Via Pontasso: il cavalcavia resterà chiuso ancora a lungo

Si discute il bilancio preventivo 2018: oggi la prima delle tre sedute previste fino alla votazione finale

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Stragi in Usa: se la proposta è armare gli insegnanti

di Paolo Ferrandi

4commenti

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

CASO LAMINAM

«L'aria di Borgotaro? Nessun rischio per la salute»

Caserta

Violenza sessuale durante l'esorcismo: arrestato un sacerdote

SPORT

GAZZAFUN

Parma-Venezia: fate le vostre pagelle

6 NAZIONI

Italia, 15° ko consecutivo: vince la Francia 34-17

SOCIETA'

il disco

1973: Edoardo Bennato spicca il volo

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day