12°

Parma

L'associazione Gestione Corretta dei Rifiuti: "Lo studio del Leap? Conclusioni fantascientifiche"

Ricevi gratis le news
2

Comunicato stampa

Lo strabiliante studio sulle polveri fini

Sono strabilianti le conclusioni (fanta)scientifiche dello studio "Emissioni di polveri fini e ultrafini da impianti di combustione", commissionato da Federambiente al Leap (Laboratorio energia e ambiente di Piacenza).
Il lavoro è stato realizzato da docenti del Politecnico di Milano, dell'Università di Parma e di Brescia, coordinati dal Stefano Consonni, e le loro conclusioni lasciano di stucco: "Il contributo di polveri fini e ultrafini emesse dai termovalorizzatori di nuova generazione è irrilevante per l' ambiente".
Talmente irrilevanti che perfino Enia (ora Iren) nello studio di impatto ambientale dell'inceneritore di Parma, volume D pag. 15, dichiara che verranno emesse ogni anno, nonostante il tanto acclamato teleriscaldamento (con conseguente eliminazione dei motori di cogenerazione a gas), oltre 3 tonnellate di PM10 in più rispetto alla situazione già molto critica della qualità della nostra aria.
Questa pare essere quindi la ricetta per risolvere il grave problema dei continui sforamenti dei PM10. Aggiungerne 3 tonnellate, per dare il colpo di grazia !
Questi incrementi di polveri, ammessi da Enia nello stesso progetto, saranno forse sfuggiti agli illuminati docenti.
Enia, nello studio di impatto ambientale, fa riferimento al particolato PM10 che, per quanto piccolo e da evitare e prevenire, rappresenta solo la frazione grossolana di particelle, le quali si depositano nelle vie aeree superiori e comportano effetti soprattutto di tipo infiammatorio tra cui bronchiti e asma.
Vi sono però particelle molto più minute, che recano molto più danno e che sono in grado di penetrare addirittura nei nuclei delle cellule.
Che lo si accetti o no, gli inceneritori sono grandi produttori di particolato ultrafine, in quanto lavorano ad alte temperature per cercare di limitare la produzione di diossine e congeneri.
Gli inceneritori moderni ( non dimentichiamo mai che la parola “termovalorizzatore” non esiste e che la Comunità Europea ci ha invitati a non ricorrere più a questo maquillage semantico) sono impianti che superano i 1000° C in camera di combustione.
Le particelle ultrafini non possono essere completamente trattenute dai sistemi di abbattimento dei fumi, dal momento che anche i più efficienti filtri secondo le migliori tecnologie disponibili (BAT) sarebbero tutt'al più in grado di trattenere efficientemente particelle al di sopra di 0,8 micron.
Inoltre i gas in uscita dai camini condensano con quanto trovano in atmosfera: ozono, vapore acqueo, radicali liberi, formando una quantità enorme di particolato fine secondario. Il processo è catalizzato dalle radiazioni solari.
Le polveri secondarie nascono, in quantità enorme, ben lontano dal camino, diventando veicolo per altre polveri che si trovano in atmosfera.
E' cruciale, per le sue ripercussioni ai fini degli studi di impatto ambientale, sottolineare l'importanza dal punto di vista quantitativo del particolato secondario.
In realtà, nei progetti degli impianti di combustione, che vengono normalmente sottoposti alle valutazioni di impatto ambientale, vengono riportati unicamente i valori del PTS (particelle totali sospese o ultragrossolane anche oltre ai 10 micron) emesso al camino, che non rappresenta la totalità del particolato realmente emesso da una ciminiera, con la conseguente grave sottostima delle emissioni.
A proposito di sottostima, è doveroso ricordare ( per restare nell'alveo scientifico e non emotivo, come auspicano gli autori sopracitati ), che l'inceneritore raddoppia la massa in uscita dei rifiuti in ingresso, in quanto per governare una combustione di materiali così eterogenei (medicinali, rifiuti ospedalieri, fanghi, rifiuti urbani, gomme, plastiche, metalli, polistirolo, materiale organico e chi più ne ha più ne metta), occorre aggiungere materie prime quali ammoniaca, bicarbonati, calce, acqua ed altri additivi.
Secondo diversi documenti, tra cui un esposto alla Procura della Repubblica presentato da alcuni medici ferraresi l'11 Luglio 2007 (contro l' ampliamento del già critico inceneritore cittadino), da una tonnellata iniziale di rifiuto da trattare produciamo una tonnellata di fumi, 650 kg di acqua da depurare (e dove finirà ciò che abbiamo depurato dall'acqua? ), 300 kg di ceneri pesanti, 30 kg di ceneri volanti e 25 kg di gesso.
Da una tonnellata iniziale di rifiuti da bruciare esce il doppio di materia di quella che si voleva trattare, senza considerare le poveri secondarie che si formano per condensazione e che possono ampiamente superare da sole quella massa.
Da quel camino, pertanto, usciranno migliaia di tonnellate di materia aggressiva per la nostra salute, altro che tracce. Per questo motivo verranno corrisposte compensazioni milionarie ai comuni più colpiti dalle emissioni.
Apprezziamo l' impegno dei docenti succitati a migliorare sempre più l' efficienza e l'affidabilità di questi impianti, ma (per restare nell'alveo scientifico e non emotivo) sentiamo il bisogno di appellarci al principio di Albert Einstein, secondo il quale non usciremo dal presente stato di crisi se non abbandoneremo il modo di pensare che lo ha generato.
Il 10 Gennaio scorso abbiamo portato all'Auditorium Paganini gli “Eroi dell'Ambiente“, Michael Braungart e William McDonough. E' in atto un cambiamento, oggi non si parla più di rifiuti, bensì di nutrienti, secondo l'equazione rifiuti uguale cibo. Le attività umane oggi seguono un processo che va dalla culla alla culla e non più dalla culla alla tomba (inceneritore o discarica che sia).
Emblematica la decisione della Van Gansewinkel Groep, la corrispondente Iren olandese, che chiuderà gli inceneritori per aderire ai principi c2c, dalla culla alla culla.
In un pianeta finito con risorse finite, avendo superato la capacità di carico del pianeta, è un dovere morale recuperare materia. Serve un cambiamento repentino, in modo che le future generazioni non abbiano da accusare chi li ha preceduti.
In tempo di guerra convertimmo l' industria civile in bellica dall'oggi al domani.
In tempo di pace non riusciamo a promuovere un cambiamento altrettanto celere dedicato alle future generazioni?
Parma vuole dire sì al futuro. Prima lo abbracciamo, prima diviene realtà.
Iren imiti la Van Gansewinkel Groep.

Parma, 26 febbraio 2011

-435 giorni all'avvio dell'inceneritore di Parma, ORA lo possiamo fermare.

+268 giorni dalla richiesta a Iren del Piano Economico Finanziario del Pai, forse perché l'inceneritore costa 315 milioni di euro?

Associazione Gestione Corretta Rifiuti  e Risorse di  Parma - GCR
Via Zaniboni 1 - Parma
Skype gestionecorrettarifiuti
www.gestionecorrettarifiuti.it
gestionecorrettarifiuti@gmail.com

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • andrea

    18 Marzo @ 10.14

    la cosa TERRIBILE è che i politici preposti alla tutela della salute (nostra) ed ambiente (nosto pure quello!) sono apertamente, schierati a favore dell'inceneritore. Idem vale per legambiente che si è vista regalare la nuova sede....e quindi tace. ma bravi.

    Rispondi

  • gianfranco ferrari

    02 Marzo @ 15.58

    Non interessa quello che brucerà e uscirà con i fumi, l'importante, da parte dei politici, era intercettare molti soldi gestirli a proprio modo, e dividersi i posti di comando che fruttano stipendi fantascientifici. Inoltre i notevoli proventi futuri potete immaginare come saranno indirizzati.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

1commento

capodanno

Ecco le locandine: Fedez si fa. Ma dove? Domani la risposta

1commento

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

solidarietà

"Parma facciamo squadra" in campo per i bimbi poveri

Campagna fondi al via: Barilla, Chiesi, Fondazione Cariparma e Forum Solidarietà in prima linea

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS