-0°

16°

Parma

Parma: che cosa resterà degli "Anni Zero" ?

Parma: che cosa resterà degli "Anni Zero" ?
Ricevi gratis le news
0

"Cosa resterà di questi anni 80?" chiedeva Raf in una canzone di discreto successo. E che cosa resterà degli "Anni Zero", ovvero dell'inizio (2000-2010) del Terzo millennio ?

Il libro in edicola in questi giorni con la Gazzetta di Parma (che ripercorre questi undici anni attraverso le più importanti prime pagine ed i relativi articoli) aiuta  a mettere in ordine i fatti e le emozioni che hanno segnato questo periodo. Da quelle internazionali (o addirittura planetarie, come il paralizzante pomeriggio dell'11 settembre 2001) ai fatti di casa nostra. Ed è illuminante scorrere e rileggere - uno in fila all'altro - i fatti che hanno segnato la storia più recente della nostra città.

A parte l'arrivo del Duemila (salutato anche a Parma da un concerto di fuochi d'artificio, ma anche dalla paura del "baco del Millennio"), i primi fatti di cronaca locale furono tristi: una tragedia ferroviaria (5 morti a Solignano) e la morte di un grande poeta come Attilio Bertolucci. Poi il Duemila fu anche la grande paura per il Po, con ben diecimila sfollati.

Il 2001, prima del terrore delle Torri Gemelle, fu l'anno delle celebrazioni verdiane ( un vero "grande" Festival  e la presenza di Ciampi) e di una festa sportiva tutta rosa, con il Giro d'Italia sullo Stradone. Poi, ripartire dopo l'11 settembre non fu facile: arrivarono anche le difficoltà legate all'avvento dell'euro; e mentre la Gazzetta cambiava casa, arrivando nell'attuale sede di via Mantova, a 100 chilometri di distanza l'omicidio Biagi ci disse che il terrorismo era ancora vivo.  E in quel 2002 ci fu anche il secondo "schiaffo" politico alla sinistra, con la prepotente conferma, già al primo turno, del sindaco Elvio Ubaldi.

Il 2003 fu un anno intenso e contraddittorio. Un inizio nel segno della cultura, con la mostra dedicata al Parmigianino, e poi la perdita di due figure importantissime per la città: il presidente della Provincia Andrea Borri e lo storico direttore della Gazzetta Baldassarre Molossi. Ma fu a metà dicembre che la cronaca riservò a Parma, quasi nelle stesse ore, due clamorose notizie di segno opposto: l'arrivo dell'Authority per la sicurezza alimentare (e forse otto anni dopo ci si può chiedere fino a che punto questo arrivo abbia davvero "rivoluzionato" la città) e soprattutto il deflagrare del crac Parmalat, con il clamoroso fermo di Calisto Tanzi e le altrettanto clamorose cifre di una bancarotta senza precedenti.

Così, il 2004 fu soprattutto l'anno della ripresa in silenzio. E le prime pagine (crac Parmalat a parte) furono appannaggio soprattutto delle vicende internazionali: dal tragico ritorno del terrorismo di Al Qaida (192 morti a Madrid) alla morte di un protagonista del Medio Oriente quale Arafat. Unico volto parmigiano, nelle "copertine" di quell'anno, Vincenzo Bernazzoli, erede di Borri alla presidenza della Provincia e simbolo di una parziale rivincita a sinistra, dopo la sconfitta in Comune.

Nella prima parte del 2005, un triste evento mondiale (la morte di papa Wojtyla) e due feste parmigiane: quella della città invasa dagli alpini e quella del Parma calcio, sopravvissuto alle vicende Parmalat e capace di strappare la permanenza in serie A dopo un indimenticabile spareggio a Bologna. Ma la "festa parmigiana" avrebbe lasciato, di lì a poco, ancora spazio al terrore internazionale: la strage nella metropolitana di Londra e quella fra i turisti di Sharm, prima della scia di morte dovuta stavolta alla furia di un uragano: Katrina, capace di inondare e travolgere New Orleans.

Nel 2006, viceversa, neppure eventi come l'elezione del presidente Napolitano e la grande festa per l'Italia campione del mondo di calcio riescono ad attutire il ricordo - tutto parmigiano - dell'anno "orribile". L'anno di Tommy, di Virgy, del taxista Salvarani, di Roveraro, di Helidon, di Silvia: una lunga, orribile scia di sangue capace di trasfigurare la città. Una scia che solo adesso sta faticosamente concludendo il percorso della giustizia, ma spesso senza riuscire ad aggiungere - al nome dei colpevoli - anche un "comprensibile" perchè.

2007: l'addio a personaggi amati come Luciano Pavarotti ed Enzo Biagi. L'anno di Sarkozy. E a Parma, soprattutto, l'anno del passaggio di consegne in Municipio: da Ubaldi a Vignali. Con l'inevitabile considerazione su quanto appaia già lontana la foto che ritrae vecchio e nuovo sindaco esultanti insieme con le braccia alzate...

Nel 2008, ancora ci colpisce e ci interroga la prima pagina sulla morte di Matteo Bagnaresi, ultrà del Parma che lascia vita e sogni sotto le ruote di un pullman di tifosi juventini, in un'area di servizio. Poi le tre vittime di una tragedia aerea:  un Piper che precipita nella zona delle Fiere. E un sogno sportivo infranto, per un Parma che ritrova la serie B dopo 18 anni di eccellenza.  Un sogno infranto, forse, è anche quello che porta in carcere Matteo Cambi, l'uomo della margherita Guru. La folia che fa strage a Salso (uomo ammazza moglie e figlie, poi si uccide a sua volta). Infine il sipario che a Parma si alza sulla rassegna del Correggio e a Washington sulla avventura politica di Barack Obama, primo presidente nero dell'America.

Siamo ormai ai giorni più vicini a noi. Nel 2009 il cuore di Parma batte anche in Abruzzo, in appoggio alle popolazioni messe in ginocchio dal terremoto; il cuore sportivo torna a battere in serie A (dopo un solo anno di purgatorio); il cuore politico torna a battere a sinistra (conferma di Bernazzoli). E il cuore religioso della città viene ferito da un fulmine che si scarica sul campanile del Duomo e sull' "Angiolèn" caro a tutti i parmigiani. Una ferita ancora aperta, nelle difficoltà del cantiere.

Infine il 2010, aperto da una supervincita (70 milioni al Superenalotto), ma poi insagnuinato dalla cronaca nera: l'omicidio di un trans in via del Traglione, un omicidio-suicidio in via Imbriani che pone fine a una drammatica vicenda familiare.  E la cronaca resta cupa e triste per tutto l'anno: la morte del principe Carlo Ugo di Borbone, la tragedia del bimbo nigeriano annegato a Corcagnano,  il medico della Bassa ucciso da un paziente, l'omicidio a Medesano di un boss della camorra. E a fine anno il verdetto sul crac Parmalat, con la condanna a 18 anni di Calisto Tanzi.

Sì, ci siamo davvero tutti noi (con le nostre emozioni, le nostre angosce e le nostre speranze per il futuro) in questo libro in edicola con la Gazzetta, che nelle case dei parmigiani non può mancare.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

PACIFICO

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Opinioni a confronto sui lupi

IL DIRETTORE RISPONDE

Opinioni a confronto sui lupi

Lealtrenotizie

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

anteprima gazzetta

Quei ragazzini terribili che imperversano in centro Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

verso le elezioni

Da "W la fisica" a "Poeti d'azione" e "Rinascimento" (Big compresi) Ecco tutte le liste

Chiuso il termine per la presentazione in Viminale dei simboli: tra 48 ore si saprà chi è ammesso

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

manifestazione

Bimbi e tifosi abbracciano il Felino (contro tutte le mafie) Gallery

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

IL CASO

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

2commenti

brescello

Ricicla su Internet motori diesel rubati, denunciato 50enne parmigiano

WEEKEND

Bancarelle, musica e benedizioni degli animali: l'agenda della domenica

POLITICA

M5s, Ghirarduzzi replica a Pizzarotti: "Il suo è effetto cadrega"

1commento

TORRILE

Fine dell'incubo per i vicini del piromane

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

tennis

Australian open, gli ottavi: Seppi eliminato. Stasera gioca Fognini

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti