Parma

L'altra metà di Parma: interviste al femminile - Rossella Canadè: "Donne senza tacchi"

L'altra metà di Parma: interviste al femminile - Rossella Canadè: "Donne senza tacchi"
Ricevi gratis le news
1

Gabriele Balestrazzi

Rossella Canadè è una giornalista parmigiana che lavora alla Gazzetta di Mantova, dove ha creato un blog che ha dato spunto allo spettacolo teatrale "Donne senza tacchi" , in programma domani sera e nel fine settimana al teatro Europa. Ed è proprio con lei che abbiamo voluto parlare, oltre che dello stesso spettacolo, di una "Festa della donna" che per qualcuno non ha più senso. Una intervista via mail con cinque domande:

 Prima ancora di parlare dello spettacolo, una domanda da risposta secca: per te ha senso che esista una Festa della donna (quest'anno, oltretutto, mescolata dal calendario al carnevale...) ?

Si, quest'anno più che mai. Non tanto come festa, nel senso dell'uscita tra amiche condita dalle battutine dei compagni, quanto come momento di confronto e di solidarietà. Io quest'anno la vedo un po' come il proseguimento di quella giornata incredibile che è stata il 13 febbraio con "se non ora quando"

 Lo spettacolo nasce dal tuo blog, appunto "Senza tacchi"  ( http://canade-mantova.blogautore.repubblica.it/  ) sulla Gazzetta di Mantova. Partiamo da lì, e dimmi che esperienza è stata. Che cosa sono i "tacchi" di cui parli ?

Senza tacchi è nato come un blog di viaggi. All'inizio me l'ero immaginato come un luogo dove scrivere dei luoghi che mi avevano colpito, delle persone, uno spazio più libero rispetto alla "gabbia" della realtà in cui una cronista deve necessariamente stare. Scrivendo, come spesso accade, mi sono accorta che certi personaggi prendevano vita, che richiedevano parole diverse, e da qui sono nate delle storie. Mi piaceva questa possibilità di tradire la realtà. Alcuni di questi personaggi erano donne. e non era un caso: in quel periodo mi sono occupata diverse volte di violenze, perfino di donne uccise dai compagni. Donne che non erano riuscite a reagire agli abusi, non solo alle violenze fisiche, ma anche a quelle psicologiche.

Mi veniva voglia di gridare di scappare, lontano, senza voltarsi. E per scappare devi per forza toglierti i tacchi. Quelli veri, delle scarpe, ma anche quelli simbolici di una rassegnazione travestita da femminilità.
 

Oggi una donna deve essere più arrabbiata con gli uomini, che grazie al loro potere disegnano una società maschilista, o con quelle donne che si prestano al gioco, accettando ruoli subalterni, di esibizione o di "utilizzo" (la parola è dell'avvocato Ghedini...) del proprio corpo?  E come e quando cambierà questa situazione ?

Io credo che le arrabbiature servano a poco, in generale, se non fanno scattare dei cambiamenti. Penso, in ogni caso, che sia terribile quello che sta succedendo, che uomini di potere lo usino in questo modo. Ma la vera domanda è un'altra, secondo me: perché altri uomini e altre donne consentano questo. Queste ragazzine già vecchie a 17 anni che si prestano a giocare alle infermiere per avere  vestiti che costano come un affitto mi fanno pena, ma credo che quello che ci dovrebbe preoccupare è il baratro culturale che sta dietro la loro svendita. Le veline che vanno in Parlamento: sono questi i loro miti.  credo che un cambiamento sia possibile solo se uomini e donne accettino di strapparsi via le etichette di destra e sinistra e si ribellino, insieme.
 

 Intanto, quel tuo blog è diventato uno spettacolo teatrale, attraverso il lavoro con Chiara Rubes e Franca Tragni. Come è nato questo passaggio ? Che fatica e che emozioni contiene?

L'idea dello spettacolo è venuta a Chiara, che aveva letto una di queste storie di donne sul blog. All'inizio mi ha chiesto di scriverne altre da mettere in scena Naturalmente mi è venuto il panico.Non avevo ma scritto una sola riga per il teatro, pur avendoci vissuto dentro da sempre. Mentre pensavo a queste donne mi venivano in mente, come flash, episodi della mia vita che si legavano a queste storie. Quindi "senza tacchi" è diventato  un racconto, anche molto ironico, di una donna alle prese con guai sentimentali, in cui inciampa e si rialza, e i pasticci di tutti i giorni che lei e le amiche risolvono a modo loro. Cancellando dalla carta geografica i posti che fanno soffrire, ad esempio, i giuramenti mai mantenuti, i dolori che si sciolgono quando hai qualcuno a cui raccontarli. L'amicizia come rimedio contro la violenza, anche.

E' diventato tutta un'altra cosa. Ho dato il testo a Chiara e Franca dicendo che potevano farne quello che volevano. Non avrebbero potuto far di meglio, credo. Io non sono mai andata alle prove, non volevo interferire nel loro lavoro. Ogni tanto mi chiamavano e dicevano soltanto "mammacomestomale". "La "prima" è stata una sorpresa anche per me. In scena era come se ci fossimo tutte noi.
 

Un'ultima domanda sulla forma di giornalismo che ci accomuna: il web può essere un po' più "rosa" del giornalismo tradizionale, che sicuramente è maschilista ? 

Riconosco che noi donne abbiamo sofferto nell'accesso ai media tradizionali, anche se oggi io credo che alcune delle firme più prestigiose in Italia siano femminili, perfino in settori tradizionalmente off limits, come lo sport o le inchieste giudiziarie importanti. Io non penso  che il giornalismo tradizionale, su carta, sia maschilista. E' semmai l'organizzazione del lavoro, il "tempo" del lavoro che nei giornali è strutturato al maschile. Non c'è flessibilità. C'è poca attenzione per il tempo della cura, che per una donna è fondamentale. 

Guarda io non ricordo di aver mai discusso con un collega perché mi sentivo discriminata o perché il mio punto di vista non veniva tenuto in considerazione. Ho sempre avuto confronti che mi hanno arricchita. Forse sono stata fortunata, non so. Però ho litigato centinaia di volte sugli orari, modulati sulle esigenze dei colleghi uomini, che sono la maggioranza, e mi sono confrontata anche duramente sul modo di trattare le persone. Il web è per sua natura più democratico, più aperto, non è un muro da scavalcare. Io credo che soprattutto per la fascia più giovane sia una grande opportunità. E' uno spazio di maggiore libertà. 

gazzettadiparma.it/ROSA - La città delle donne

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Chiara Tincati

    27 Marzo @ 20.55

    Brava Rossella, grande donna e grande giornalista!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Grazie la collaborazione di un commerciante straniero denunciato ladro d’auto italiano

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

14commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

7commenti

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

6commenti

PARMA

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

1commento

modena

'Ndrangheta: fermato il presunto nuovo reggente della cosca emiliana

Carmine Sarcone, provvedimento della Dda e dei Carabinieri

SALUTE

In calo l'incidenza dei tumori a Parma, Piacenza, Reggio e Modena

Presentati i dati dell'Area Vasta Emilia Nord

economia

Rapporto Ismea, Parma nettamente in vetta per l'agroalimentare

DILETTANTI

Clamoroso a Felino: si dimette Pioli

GAZZAREPORTER

Un lettore: "Via Bassano del Grappa buia da più di una settimana" Foto

1commento

Lutto

Millo Caffagnini, una vita intensa con Bardi nel cuore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

salso

Addio alla maestra Angela Bonassera, in cattedra per 35 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

1commento

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

Salute

Le sigarette elettroniche pericolose per gli adolescenti

ALTO ADIGE

Slavine in Vallelunga: travolta una casa, evacuato anche un albergo Foto

SPORT

Tuffi

Tania Cagnotto è diventata mamma

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

2commenti

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video