Parma

La Cgil sulla scuola: "Pericoloso ritorno al passato"

Ricevi gratis le news
0

COMUNICATO STAMPA              
 

Secondo la FLC - Federazione Lavoratori della Conoscenza della Cgil di Parma, con il Decreto Legge 1 settembre 2008, n. 137, pubblicato in G.U., ai bambini e alle bambine il Governo porta via ore di scuola, perché si riduce l'attuale orario di lezione abbassandolo a 24 ore settimanali; porta via il tempo pieno, che sarà sostituito - al massimo e se ce ne saranno le condizioni – da un po' di ore in più, non si sa fatte da chi né da chi pagate; e porta via insegnanti specializzati, perché si costringe un unico docente ad insegnare tutto ciò che fino ad ora viene garantito da 3 docenti appositamente formati.
Riuscire a distruggere la quinta scuola per qualità al mondo rappresenta la concreta attuazione di un attacco spietato al diritto dei bambini ad avere una scuola più ricca e non più povera di opportunità.
Le dichiarazioni fatte in questi giorni dal ministro Gelmini e da altri esponenti del Governo rappresentano, secondo la Cgil e la Flc di Parma, una pura propaganda per far digerire i tagli, una cortina fumogena di pseudo-psicologismi che servono a nascondere l'imponente opera di demolizione di ciò che di meglio sta dando la scuola italiana.

La nostra scuola elementare è infatti ai primi posti nelle classifiche europee per i risultati di apprendimento degli alunni. Tempo pieno e moduli si sono rivelati negli anni modelli scolastici efficaci, graditi alle famiglie che hanno spesso rivendicato l'implementazione di un modello didattico/organizzativo costoso ma efficace come il tempo pieno, che si proponeva di superare i confini angusti di una relazione didattica povera e passiva, per liberare tempo per il gioco, l'espressività, l'apprendimento attivo, la ricerca, la manipolazione, le relazioni, la creatività.

Tutto questo verrà a mancare, senza che nulla di alternativo venga aggiunto. Una politica totalmente in controtendenza con la piattaforma che la Cgil ha messo a punto per ridare centralità alla conoscenza e all’istruzione, per offrire un futuro alla scuola italiana.

Siamo di fronte ad un pessimo fumo formato da un mix di provvedimenti che guardano alla scuola degli anni '50, alla privatizzazione della scuola pubblica e ad una netta separazione della scuola per aree geografiche. Un pessimo fumo con il quale si cerca di nascondere un autentico disastro determinato dal Decreto Tremonti che prevede un taglio di 150.000 posti nella scuola pubblica da ottenersi, di fatto, aumentando gli alunni per classe e riducendo le ore di scuola.

A fronte di questa situazione anche a Parma sarà necessario definire un calendario di mobilitazione e di lotta per contrastare scelte sbagliate ed inaccettabili. La scuola reale è molto più avanzata dei suoi governanti e non accetterà questa restaurazione, né si farà convincere dalle chiacchiere di chi pensa di potersi buttare alle spalle decenni di cultura pedagogica. Occorre un deciso passo indietro verso una politica più saggia e più rispettosa, che non si adagi su spot populisti togliendo nel frattempo diritti alle famiglie e ai bambini.


 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS