10°

20°

Parma

Vignali a Errani: un limite ai negozi etnici

Vignali a Errani: un limite ai negozi etnici
Ricevi gratis le news
12

I negozi etnici? A Parma cominciano a essere tanti, troppi, e il rischio è che snaturino la fisionomia di interi quartieri della città, con i problemi che ne conseguono in termini di integrazione sociale. È ciò che pensa il sindaco Pietro Vignali, che ha preso carta e penna e ha scritto una lettera al presidente della Regione Vasco Errani, chiedendo che ai Comuni venga riconosciuta la facoltà di programmare sul proprio territorio la distribuzione e la tipologia delle nuove attività commerciali. Un potere che oggi i municipi non hanno, ma che secondo il primo cittadino di Parma dovrebbero avere. Come pure - aggiunge - dovrebbero essere riconosciuti incentivi a favore delle attività commerciali tipiche del territorio: e anche su questo punto Vignali chiede un intervento legislativo mirato da parte della Regione.
«Uno dei fenomeni di maggiore attrazione e vivibilità dei centri storici oggi - osserva il sindaco nella lettera indirizzata a Errani - è rappresentata dalle attività commerciali, sia per i propri cittadini che per i turisti che arrivano in realtà come Parma per vivere e apprezzare valori artistici e culturali, ma anche distintivi di un territorio: le produzioni tipiche e in primis l’enogastronomia».
Vignali lancia quindi la propria proposta in materia di normativa regionale: «Si propone alla Giunta regionale - scrive - di adottare una iniziativa legislativa in materia di commercio, mirata a consentire ai Comuni la potestà di adottare piani di programmazione, in particolari zone della città, che definiscano, senza ledere la concorrenza, limiti numerici e vincoli merceologici agli esercizi di vendita al dettaglio, con particolare riferimento a talune attività gastronomiche di tipo non tradizionale, che stravolgono la consuetudine commerciale di prossimità in alcune aree della città». Il riferimento è ovviamente alle kebaberie e agli altri negozi etnici analoghi.
L'orientamento dell'Amministrazione comunale è chiaro: pur essendo segno di una città moderna e multiculturale, quale si considera oggi Parma, «un’eccessiva concentrazione di attività commerciali etniche - si legge in una nota del Comune - rischia di condizionare fortemente l’offerta e di ghettizzare intere strade cittadine, non solo dal punto di vista commerciale, ma anche sociale. Una loro maggiore distribuzione sul territorio e integrazione, laddove sono già presenti, con altre tipologie di attività che rispecchiano pienamente la tipicità del territorio, porterebbe vantaggi sia per la varietà dell’offerta commerciale che per quanto riguarda la composizione sociale dei quartieri e, di conseguenza, l’integrazione nella nostra comunità dei nuovi cittadini».
Tornando all'aspetto normativo sollevato dal sindaco, Vignali nella lettera a Errani scrive che «la normativa di riferimento per l'Emilia Romagna rimane la legge regionale 14 del 2003, parzialmente emendata dalla legge regionale 6 del 21 maggio 2007, recante disposizioni in materia di distribuzione commerciale. Tale quadro normativo - lamenta il sindaco - non consente ai Comuni alcun potere di reale programmazione riguardo alle attività commerciali».
E a questo proposito l'idea del primo cittadino è quella di seguire l'esempio della Regione Lombardia. Un esempio che Vignali definisce «virtuoso». «La stampa nazionale - osserva - ha dato spazio nei giorni appena trascorsi a una proposta di legge che la Regione Lombardia ha avanzato in questa direzione e che potrebbe essere adottata ad esempio, ed eventualmente migliorata. In quella regione vige la legge regionale 12 del 2005, “Legge per il governo del territorio”, che consente ai Comuni lombardi la facoltà di programmare sul proprio territorio la distribuzione e la tipologia delle nuove attività commerciali. Chiedo pertanto - ribadisce il sindaco di Parma rivolto al presidente Errani - che anche la Regione Emilia Romagna possa introdurre questa discrezionalità da parte dei Comuni e che questo provvedimento sia accompagnato da un’incentivazione per l’apertura di locali che rispettino e anzi promuovano la tipicità di un luogo». Proprio l'apertura di nuovi negozi che si caratterizzino per la tipicità delle merci in vendita, secondo Vignali, può rappresentare «un valore aggiunto per il turismo e anche per la città», e, allo stesso tempo, «impedire la concentrazione di negozi “etnici”, che può stravolgere l’identità di alcuni quartieri cittadini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • patrizia

    21 Marzo @ 06.31

    mi da più fastidio il crescente numero di banche che fioriscono come funghi da un giorno all'altro. anche i centri commerciali crescono a dismisura.se ci sono molti negozi etnici è perchè a Parma ci sono molte comunità straniere.personalmente non m danno fastidio i negozi etnici, anche perchè non ho l'obbligo di frequentarli.se non mi piacciono non ci vado.

    Rispondi

  • ste

    21 Marzo @ 02.56

    mah..esiste una regola che è la domanda e l'offerta poi ci sono le stratosferiche tasse comunali, poi c'è il fatto che le autorizzazioni commerciali sono libere (legge bolkestein e l'ultima legge del suo capo Silvio..) poi c'è il fatto che fra pochi giorni apre il primo di altri 10 centri commerciali autorizzati proprio dal sindaco..poi...ce la prendiamo anche con gli stranieri che lavorano e si comportano bene con la loro piccola attività autonoma? ma dailà ma co dit?

    Rispondi

  • massimo

    21 Marzo @ 00.50

    Dissento spesso con le idee di Vignali ma questa mi sembra una idea buona. Sono di sinistra anche se non rispetto tutti i cliche...della sinistra per fare il figo come molti..almeno..penso con la mia testa a differenza di molti

    Rispondi

  • Luca Ronzoni

    20 Marzo @ 21.52

    ci risiamo.prima i limiti sulla vendita di alcolici alle kebaberie (ma non ai bar "nostrani" di via farini), ora cerca di moderare l'apertura di negozi "etnici"....a me tutti questi provvedimenti puzzano di razzismo...neanche in una giunta 100% Lega Nord verrebbero prese certe decisioni

    Rispondi

  • mauro

    20 Marzo @ 21.51

    hanno ragione:basta pullover etnici con lana di pecora sarda; basta piadine con prosciutto crudo di gosino padano

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY

Rugbista colpito in faccia: sviene e va all'ospedale

Il terza linea Belli è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

16commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

44commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro