19°

Parma

Inno di Mameli a scuola. Iniziamo da Parma

Ricevi gratis le news
1

Pino Agnetti

Negli Stati Uniti lo eseguono anche alle inaugurazioni dei supermercati. In Europa se un inglese, un francese o un tedesco si impappina o non sa che da parte cominciare, si becca regolarmente le occhiatacce dei vicini. Da noi capita ancora che a cantarlo prima dell’ultima partita disputata dalla Nazionale di Prandelli a Dortmund contro la Germania sia stato l’oriundo Thiago Motta, a differenza della scena penosamente muta offerta da qualche ben più «italico» collega in maglia azzurra.
Argomento, se vogliamo, vecchio quello dell’Inno di Mameli e delle mille dimenticanze, rimozioni e pernacchie in salsa varia di cui è stato lungamente oggetto. Insieme, peraltro, ad altre espressioni, tipo «Patria» e «Tricolore», liquidate a loro volta come spia di grave e biasimevole arretratezza culturale. Adesso, per recuperare un po’ del terreno perduto, un amplissimo schieramento bipartisan, formato da una novantina di parlamentari sia di maggioranza che di opposizione, ha presentato un disegno di legge per rendere obbligatorio l’insegnamento del «Canto degli Italiani» in tutte le scuole elementari della Repubblica. Il provvedimento, racchiuso in un solo articolo, ha anche il non piccolo pregio di specificare come il nostro Inno nazionale vada non solo «insegnato» (questo Paese ne ha già abbastanza di papere e di quaquaraquà capaci solo di recitare il loro bravo compitino a memoria). Ma anche «spiegato» nei suoi vari fondamenti storici e ideali.
Insomma, verrebbe quasi da gridare al miracolo. Anche se, dopo la performance di Benigni a Sanremo che ha definitivamente «sdoganato» il testo di Goffredo Mameli musicato da Michele Novaro, qualcuno potrebbe parlare di una proposta nata solo per rincorrere la moda. Dopo un ritardo durato la bellezza di 150 anni, altro che moda! Qui ci sarebbe da precipitarsi tutti all’istituto primario più vicino a casa e chiedere di potersi iscrivere «fuori corso» per assistere alle lezioni sull’Inno che dovrebbero partire da settembre in coincidenza con l’inizio del nuovo anno scolastico.
Anzi, perché aspettare così tanto? Ed allora ecco un’idea, utile forse anche a rinvigorire le celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia a Parma e provincia. Cominciamo da subito (ci sono ancora circa due mesi di lezioni) a insegnare e a cantare «Fratelli d’Italia» nelle scuole locali possibilmente non solo primarie, ma di ogni ordine e grado. Così, spontaneamente - insomma chi ci sta ci sta - e prima ancora che una circolare ministeriale obblighi insegnati e studenti a farlo. In modo che, quando la legge sull’Inno sarà come si spera diventata tale, i nostri ragazzi siano già un po’ più avanti nella conoscenza e nell’uso della colonna sonora di tutti gli italiani. E possano, coi rispettivi insegnanti, avere anche l’orgoglio di avere fatto da apripista. Proprio qui, nella città di Giuseppe Verdi che nel suo Inno delle Nazioni del 1862 affidò proprio al «Canto degli Italiani» il compito di rappresentare la nostra Patria, ponendolo accanto alla «Marsigliese» e al «God Save the Queen». Tutto troppo «patriottico»? Può darsi. Perché, è forse un difetto?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giorgia

    25 Marzo @ 18.21

    Uno che ci azzecca sempre. Anche mia figlia è d'accordo. Bravo Agnetti e avanti così che la seguiamo sempre per la sua lucidità e la sua coerenza. Dubito solo che certi presidi saranno d'accordo. Giorgia con sua figlia Daniela

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

TUTTAPARMA

Le «sóri caplón'ni», angeli in corsia

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

COMUNE

Guerra: «Capitale della cultura, ecco perché possiamo farcela»

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro