-1°

Parma

"Controllori Tep, grazie: mi avete reso orgoglioso della mia normalità"

Ricevi gratis le news
31

Pubblichiamo la lettera arrivata in redazione:

Tep: desiderio esaudito

"Uso spesso l'autobus per recarmi al lavoro e rientrare a casa ma ogni volta che entro in vettura, l'acuto "beep" che emette l'obliteratrice sul mio biglietto mi suggestiona quasi a captare un pensiero trasversale di alcuni dei passeggeri presenti: guarda quel pirla che paga sempre...
Consapevole di essere naturalmente "nel giusto" e di pagare semplicemente un servizio che utilizzo, afferro tranquillamente un "apposito sostegno" mentre l'autobus riprende nel suo tragitto.
Abbandonato al dondolio del percorso, prende poi forma un dubbio ricorrente: se io sono il solito pirla che paga sempre,
quanti saranno in questa corsa i furbi che non pagano mai? Possibile che non ci sia un po' di controllo e giustizia per un dovere così banale? Ebbene questa sera verso le 18:30 quando stavo rientrando dal lavoro sulla  linea urbana n.15 direzione via Naviglio, il mio desiderio è stato finalmente esaudito.
Circa all'inizio di via Farini entrano in vettura due controllori della Tep ed iniziano il loro lavoro.
Tutti presentano il regolare titolo di viaggio meno una signora che alle  ripetute richieste dei pubblici ufficiali, tenta di uscire dalla porta centrale ovviamente tenuta chiusa, non mostra alcun segnale di nota, non risponde nulla, non gira nemmeno lo sguardo nella loro direzione, insomma li ignora totalmente come se non esistessero.
Un controllore rinnova gentilmente la richiesta facendo notare alla signora che tutti i passeggeri hanno mostrato il biglietto e manca solo il suo ma se proprio non l'avesse la invitano a mostrare un documento: ancora nessuna
risposta.
Il controllore illustra allora alla signora che il passo successivo sarebbe di richiedere la presenza della polizia.
La signora guarisce improvvisamente dalla "temporanea sordità" si gira ed accusa i controllori di "comportamento arrogante" continuando a non mostrare alcun documento.
Dopo ulteriori tentativi senza esito,  il controllore messo alle strette allora applica semplicemente il protocollo e notifica via radiotelefono la richiesta della polizia. (realmente?)
A questo punto la signora cede e consegna la carta d'identità che permette al controllore di compilare il verbale di cui consegna una copia alla signora.
Lo so che è assolutamente banale ma volevo semplicemente ringraziare la TEP ed in particolare  i due controllori che in quei pochi minuti mi hanno fatto sentire orgoglioso della mia "normalità" oltre che avere compiuto correttamente e gentilmente il loro lavoro senza la minima traccia di arroganza o prepotenza.
Molto tempo è trascorso da quando il bigliettaio era a bordo di ogni vettura ed ogni passeggero era sicuramente titolato ad essere tale. Ho motivo di credere che se venisse reintrodotta questa mansione la Tep potrebbe vantarsi di creare nuovi posti di lavoro sicuramente coperti dai nuovi copiosi introiti che deriverebbero dalla inevitabile vendita di biglietti oltre a reintrodurre un senso di giustizia sempre più raro e sempre più a senso unico dove "i furbi", indipendentemente dal colore della pelle, hanno sempre e
solo diritti e mai doveri.
In alternativa potrebbero essere eseguiti controlli più frequenti.
Chissà se poi quella signora pagherà veramente la multa o troverà un "sindacato delle vittime a prescindere" pronto ad assolvere tale dovere magari  con soldi pubblici".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • fabio

    01 Aprile @ 16.39

    E vai, qualunquismo alla parmigiana come se piovesse! Le meglio sono: FRANBONO "ma perchè non si può usare anche qui il sistema come ormai usano in tanti comuni italiani? quando si sale lo si può fare solo dalla porta anteriore e si oblitera il biglietto davanti all'autista, se non si oblitera non si sale" Se ci dici di grazia quali sono tutti questi comuni in Italia te ne siamo tutti grati. Sembrano quei racconti che ti facevi da piccolo (L'amico di un mio amico una volta ha visto un asino che vola...) che non sapevi mai a chi erano successi o dove. Io faccio il rappresentante, giro tutta la penisola e devo ancora trovare il posto dove in autobus ti obbligano a salire davanti. Per la cronaca è vero che a Modena avevano messo i tornelli, ma li stanno già togliendo perché sno vietati per motivi di sicurezza (in caso di incidente tieni la gente murata nell'autobus?); DENTE AVVELENATO: loda i servizi puntuali e capillari... DI MALTA??Ma stiamo scherzando? Ma di cosa stiamo parlando? Non pensi che forse c'è un tantino di differenza a fare andare gli autobus a Parma, una provincia di 400mila abitanti, con l'università, con un territorio in parte in pianura e in buona parte in appennino, piuttosto che su un'isola?? Su uno scoglio in mezzo al mare che fa forse 2mila abitanti d'estate. Oltretutto quando usi i bus a Malta forse non badi troppo alla puntualità (hai l'orario per timbrare quando vai in spiaggia?). And the winner is... FRANCESCO: quello che denuncia per sequestro di persona perché l'hanno tenuto su 2 minuti di più per finire di controllare i biglietti. No, dai, spalanchiamo le porte subito e facciamo scendere tutti, anche quelli che non hanno il biglietto, chissenefrega, c'è Francesco che ha fretta e denuncia tutti. Lo capisci che stanno facendo un servizio ANCHE PER TE a tener chiuse le porte 30 secondi di più per fare in modo che i soliti furbi non la facciano franca? Ma fammi la cortesia...

    Rispondi

  • Gianluca Pasini

    31 Marzo @ 15.44

    La lettera di rebelde è un cumulo di sciocchezze. Il latente giustificazionismo che tenta di far valere è uno dei mali che affliggono nostro paese e lo rendono scalcagnato e ciabattone come è. Il piacere dell'onestà nasce dalle piccole cose, come avere lo scrupolo di pagare il biglietto. Non è segno di meschinità, bensì segno di rettitudine, che non ha bisogno di misurarsi su cose grandiose, ma su piccoli gesti della quotidianità. Fatti con rigore. Se un servizio pubblico poi funziona male è colpa anche di chi non lo paga pur usufruendone. E chi paga, alla fine paga anche per chi non lo fa. Ed è giusto che si dia notizia anche di comportamenti disonesti, per additarli alla pubblica disapprovazione. E oggi apprendiamo che un altro viaggiatore abusivo (e violento) era extracomunitario. Strano. Se poi qualcuno rimproverasse qualcun altro di razzismo, vuol dire che egli avrebbe un'ottusità mentale inversamente proporzionale alla sua intelligenza.

    Rispondi

  • monica

    31 Marzo @ 15.22

    faccio notare che, in base alla testimonianza, \"tutti i passeggeri\" hanno presentato il titolo di viaggio, tranne la famosa \"signora\"; quindi, forse, gli \"anormali\" sono la maggioranza, dopo tutto.....

    Rispondi

  • dott.marco

    31 Marzo @ 12.42

    sarebbe sufficiente mettere il vecchio bigliettaio sugli autobus.

    Rispondi

  • Francesco

    31 Marzo @ 12.20

    Mentre noi commentavamo questo articolo, nel pomeriggio di ieri, 30 Marzo, altri due extracomunitari senza biglietto , sull' autobus della linea 21 , hanno aggredito i controllori della TEP e la Polizia. VOGLIAMO SUBIRLI ANCORA UN PO' O CI DECIDIAMO A METTER LORO I FICHI A DUE LIRE ? Il primo passo verso l' "inserimento" è insegnare che , in una Società avanzata , non possono comportarsi come nella jungla del Congo belga ( o nella steppa dell' Ucraina).

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5