-2°

Parma

Quelli che... se ne infischiano delle piste ciclabili

Quelli che... se ne infischiano delle piste ciclabili
Ricevi gratis le news
5

Margherita Portelli

A primavera fioriscono. Con il sopraggiungere della bella stagione nei prati sbocciano prepotenti violette e margherite, e nelle strade - altrettanto variopinti - ciclisti e amatori delle due ruote si moltiplicano. Così gli automobilisti, più o meno volentieri, si ritrovano a dire addio all’invernale monopolio della carreggiata. La convivenza, spesso, non è delle più facili e dai due «opposti schieramenti» capita di cogliere fantasiosi epiteti e colorate esternazioni volte a connotare l’altrui interpretazione del codice stradale. Diversi lettori, in questi primi giorni di sole e temperature miti, ci hanno inviato lettere per lamentare il comportamento di alcuni cicloamatori: caschetti e casacche catarifrangenti (che da qualche mese sono divenute obbligatorie per chi va in bici dopo l’imbrunire fuori dai centri abitati) spesso mancano all’appello, e le piste ciclabili - chilometri e chilometri di percorsi potenzialmente sicuri in città -, talvolta sono un optional. Infatti c’è chi, in sella al velocipede, decide di snobbare le piste appositamente realizzate per le biciclette e occupare la carreggiata. In via Budellungo, ad esempio, dove una nuovissima pista ciclabile è a disposizione della cittadinanza, un lettore coglie in fallo un ciclista, scatta una fotografia e, a corredo dell’immagine, commenta «come si può benissimo notare, la signora che si è appena recata al supermercato per fare la spesa sulle due ruote utilizza la pista ciclabile e il cicloamatore no».
Chi di trasporto «dolce» se ne intende, però, fa notare come non tutte le piste ciclabili in città garantiscano sicurezza: «Perché una pista sia sicura deve essere continua, priva di ostacoli e mantenuta in buono stato - spiega Andrea Mozzarelli, presidente di Bicinsieme Fiab Parma -. Ce ne sono alcune in città che io per primo non utilizzerei mai, come quella che in via San Leonardo va in direzione Centro Torri, dove ci sono attraversamenti della tangenziale e dove ci sono già stati investimenti, uno dei quali mortale».
Altre piste ciclabili «della discordia», come quella che verrà realizzata in via Volturno, lasciano i cicloamatori quantomeno perplessi: «La pista verrà realizzata sul marciapiede - continua Mozzarelli -, e questo inevitabilmente creerà conflitti tra pedoni e ciclisti. La scelta è stata giustificata dalla necessità di preservare la auto in sosta, e qui sta l’errore. La logica non è quella giusta: se Parma vuole, come dice, puntare tutto sulla mobilità dolce, bisogna avere il coraggio di prendere decisioni se vogliamo anche impopolari, ma giuste». E sulle altre questioni, il presidente di Bicinsieme specifica: «Il caschetto non è obbligatorio per legge, certo noi consigliamo di indossarlo, così come consigliamo di mettersi il giubbino catarifrangente anche in città e anche di giorno, perché garantisce visibilità. Proprio questo è uno degli aspetti che maggiormente assicura sicurezza, la visibilità. Con essa anche la ridotta velocità delle auto, che devono imparare ad andare piano nei centri abitati, nella logica di condivisione della strada, di cui i ciclisti non devono essere ritenuti degli ospiti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ghito

    01 Aprile @ 00.11

    La benzina a 500 euro al litro devono mettere....

    Rispondi

  • Nocciola

    31 Marzo @ 09.05

    per favore piantiamola con la balla secondo cui le piste ciclabili che abbiamo non vanno bene. Sono tutte balle. A parma, come in tutte le città italiane, le strade non consentono di costruire le piste come hanno in nord europa (tanto si sa che arriva il genio che tirerà in ballo olanda, svezia e chissà cos'altro). Abbiamo città antiche con strade strette. Fatevene una ragione. E ringraziate di avere le piste che abbiamo perchè l'alternativa è non averle. E ridimensioniamo il discorso delle "piste senza ostacoli" o altre menate. Se volete correre senza pensare a tombini, pedoni, animali, buche o intersezioni ANDATE IN UN IMPIANTO SPORTIVO non in città. Cosa credete, che la carreggiata non preveda ostacoli? Buche? Tombini? Altri utenti? Semafori? Forse, cari ciclisti, vi pesa "qualcosa" all'idea di mettere il piede a terra o rallentare? Di sicuro ogni scusa è buona per lamentarsi e continuare a fare i propri porci comodi, che tanto un motivo per giustificarsi lo si trova.

    Rispondi

  • trippa

    30 Marzo @ 23.36

    Fare le foto dei ciclisti mentre si guida denota un atteggiamento ossessivo compulsivo...oltre ad essere pericoloso. Baffo marzolara, l'unico posto a cui sei destinato è il bar...vacci con calma e fuma poco.

    Rispondi

  • errebi

    30 Marzo @ 23.35

    L'autunno scorso ho visto una Gazzella dei Carabinieri affiancare i ciclisti che percorrevano Via Emilia Est - erano tre, separati fra di loro - invitandoli a spostarsi sulla pista ciclabile. Alcuni giorni dopo non ho visto fare altrettanto da due Agenti della Polizia Locale, che procedevano a piedi, in Via Venezia. Ma fosse solo questo il problema della viabilità!

    Rispondi

  • restiani.fernando

    30 Marzo @ 20.45

    visto che in città tutti vi criticano vi invito ,tutti a venire nella superpistaciclabile....stradella berceto.... li nessuno vi garantisco si permetterà di criticare in alcun modo il vostro comportamento e voi potrete tranquillamente pedalare anche a gruppetti di quattro naturalmente in file orizzontali con buona pace di tutti compresi coloro che magari poi multano il malcapitato automobilista che viaggia ai 54 nel centro abitato...meditate ciclisti...meditate.....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

1commento

TV PARMA

Parma calcio, stasera a Bar Sport parla la società: in studio Malmesi

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

2commenti

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

parma

Lucarelli non molla: "Per la A ci proveremo fino alla fine"

1commento

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

1commento

Iren

Parma-Venezia al Tardini, esposizione contenitori rifiuti sabato entro le 9: le vie coinvolte

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

PARMA

Cinquanta ragazzi di Baganzola a scuola... di golf Foto

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

1commento

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

SOCIETA'

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

GAZZAFUN

Tutti 18enni: ecco un nuovo quiz della patente

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto