12°

Parma

Tagli alla scuola. Tredici cattedre salvate. Ma ne mancano 102

Tagli alla scuola. Tredici cattedre salvate. Ma ne mancano 102
Ricevi gratis le news
6

Enrico Gotti

Tredici cattedre salvate. L’ufficio scolastico regionale ha rivisto i tagli alla scuola su Parma, una delle province più colpite in regione. A settembre gli insegnanti in meno saranno 102, non più 115. Briciole, ma il futuro delle classi si gioca anche su questi numeri.
 Il nuovo calcolo arriva dopo l’incontro con il provveditore Armando Acri, le proteste della Provincia e la lettera inviata a Bologna dal sindaco di Parma Pietro Vignali e dall’assessore comunale alle Politiche scolastiche Giovanni Paolo Bernini.
Al terzo anno di economie, le scuole non sanno più dove tagliare. A rischio, questa volta, ci sono soprattutto i rientri pomeridiani che gli istituti hanno attivato con risorse proprie. Sono diciassette in tutta la provincia i tempi pieni «virtuali», quelli che potrebbero scomparire. Già le famiglie delle future seconde della Corridoni e della Padre Lino Maupas di Vicofertile sono sul piede di guerra, preoccupate perché non saprebbero a chi lasciare i loro figli mentre sono al lavoro. Ieri pomeriggio c’è stata una riunione tra l’assessore comunale Bernini e il provveditore per fare il punto della situazione.
«Ci sono stati tagli ministeriali, che prevedono 881 docenti in meno in Emilia Romagna, - dice l’assessore Giovanni Paolo Bernini – In aggiunta a questi tagli ci sono stati criteri, condivisi dai sindacati regionali e dalla giunta regionale, che hanno penalizzato sicuramente Parma, che è la città con l’aumento più grande di bambini alle elementari: oltre 200 in più».
 
L'articolo completo è sulla Gazzetta di Parma in edicola
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • oberto

    07 Aprile @ 18.43

    Evviva la politica del governo in carica, PIU IGNORANZA PER TUTTI ( così vi governo meglio)

    Rispondi

  • Maurizio

    07 Aprile @ 18.28

    Che dire... Una politica lungimirante, tenuto conto del continuo aumento di alunni, soprattutto immigrati extracomunitari, con problemi di alfabetizzazione e quant'altro! Complimenti a questo Governo ed al Ministro per le scelte operate, con tanti auguri per gli operatori scolastici, viste le difficoltà che dovranno affrontare!

    Rispondi

  • bibi

    07 Aprile @ 13.08

    Le scuole elementari chiudono mentre le scuole superiori sono costrette a fare rientri pomeridiani per completare l'orario scolastico, i cui costi potevano tranquillamente essere riversati sul tempo pieno delle elementari. La demagogica abolizione della riduzione oraria a 50 minuti ha costi che vanno ben oltre le aspettative. A spendere molto di più non sono solo le scuole, ma anche le famiglie. Due rientri settimanali in ore pomeridiane sono un incredibile stress per i ragazzi e un ulteriore esborso per le famiglie. Chi abita fuori città rientra a casa spesso alle 18 o alle 19 e deve necessariamente pranzare fuori. Io mi chiedo: per anni sono stati formati ottimi professionisti che facevano ore da 50 minuti nella scuola superiore. Ma che bisogno c'era di portarle tutte a 60 minuti? Oltre naturalemente alla propaganda politica che ha spacciato l'iniziativa come un risparmio (ma sanno fare i conti?) e l'abolizione di un privilegio (???????) per gli insegnanti.

    Rispondi

  • Maurizio

    07 Aprile @ 12.27

    Gli effetti prodotti dalla politica scolastica attuata da questo Governo, responsabile della quale, è anche e soprattutto la coriacea paladina del Presidente Berlusconi, ministro Gelmini, che nelle ultime trasmissioni televisive, non si è occupata della scuola, bensì della difesa ad oltranza di Berlusconi. La situazione scolastica soffre di tagli e deficienze sempre più pesanti, sia per quanto riguarda i docenti ed il personale ATA, sia per il carente numero di dirigenti scolastici, molti dei quali dirigono in contemporanea due Istituti. Ciò appare particolarmente evidente a Parma, visto che ha subìto i danni maggiori nella regione Emilia-Romagna. Grazie Bologna ! Come al solito ! La responsabilità di tutto ciò va a chi ha creduto e sostenuto l'attuale maggioranza con il proprio voto, i genitori, nonchè in parte i docenti. Complici però sono stati anche in questi ultimi anni gli insegnanti e i dirigenti che non hanno manifestato dissenso, eludendo il sindacato con la mancata partecipazione alle assemblee sindacali, ove erano presenti alcuni ATA, pochi insegnanti più anziani e di ruolo da tempo, piuttosto di quelli giovani con contratti a tempo determinato, che brillavano per il loro menefreghismo anche in occasione degli scioperi, proclamati soprattutto dalla F.L.C.-CGIL scuola. Adesso cari precari del settore, che avete brillato per la vostra individuale e solidale assenza, per "ignoranza" o per non perdere la paga della giornata, cosa pensate di aver raccolto per il futuro ? Meditate gente, meditate, ma credo occorrerà parecchio tempo per ricostruire e riguadagnare ciò che è andato distrutto e perso. Questa è l'opinione di chi ha trascorso una vita nella scuola e, vista l'attuale situazione, è ben contento di essersene potuto andare per tempo a riposo, avendo raggiunto i fatidici quarant'anni di contribuzione. Rimane l'amaro di non aver potuto cedere il posto lasciato libero ad un giovane collega!

    Rispondi

  • andrea

    07 Aprile @ 12.22

    In pochi anni, da tanti insegnanti (troppi).....a pochi (ma davvero!!).

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

1commento

capodanno

Ecco le locandine: Fedez si fa. Ma dove? Domani la risposta

1commento

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

solidarietà

"Parma facciamo squadra" in campo per i bimbi poveri

Campagna fondi al via: Barilla, Chiesi, Fondazione Cariparma e Forum Solidarietà in prima linea

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS