Parma

"La Carta di Parma? E' incostituzionale"

"La Carta di Parma? E' incostituzionale"
Ricevi gratis le news
11

 Addio  alle ordinanze sulla sicurezza dei sindaci scaturite dalle esigenze evidenziate dalla «Carta di Parma». La Corte costituzionale, con una sentenza che è stata pubblicata ieri pomeriggio, ha infatti dichiarato incostituzionale la legge del 2008 con la quale il ministro Maroni aveva dato la possibilità ai primi cittadini di emanare ordinanze su problemi di ordine pubblico, come ad esempio l'accattonaggio o la prostituzione. La Consulta  si è mossa su richiesta del Tar del Veneto cui si era rivolta l'associazione «Razzismo Stop» per bloccare un'ordinanza contro l'accattonaggio del sindaco di Selvazzano Dentro in provincia di Padova.   La norma viene bocciata nella parte in cui non limita le ordinanze dei sindaci ai casi «contingibili» e «urgenti» ma le estende fino a violare il principio di eguaglianza dei cittadini, la riserva di legge, il principio di legalità sostanziale in materia di sanzioni amministrative. L'uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge è stata lesa perché  «gli stessi comportamenti potrebbero essere ritenuti variamente leciti o illeciti, a seconda delle numerose frazioni del territorio nazionale rappresentate dagli ambiti di competenza dei sindaci». 

Vignali: Sentenza da rispettare
Il sindaco Pietro Vignali, che era stato fra i principali promotori della «Carta di Parma», uscita proprio dall'incontro organizzato nella nostra città fra diversi primi cittadini di capoluoghi di provincia non polemizza con la Consulta: «Per quanto mi riguarda dico che le sentenze vanno comunque rispettate e quindi noi, se sarà necessario, ci adegueremo.  Allo stesso tempo ci tengo però a ribadire che le ordinanze che ho emanato nel corso di questi ultimi due anni sono state fatte tenendo conto di un preciso quadro legislativo, all'interno del quale mi sono rigorosamente attenuto a quello che prevedeva la legge. E ribadisco la convinzione che queste ordinanze sono state adottate interpretando un'esigenza che veniva prima di tutto dai cittadini».    Il sindaco sottolinea poi che «le ordinanze sono state emesse da sindaci di tutta Italia, di paesi o capoluoghi di provincia, e di ogni colore politico a dimostrazione di un bisogno che era presente nei cittadini. Adesso toccherà al Parlamento approvare una nuova legge che sia in grado di recepire la sentenza della Corte costituzionale. Nell'attesa, nei prossimi giorni cercheremo di capire gli sviluppi della situazione e  ci adegueremo alle indicazioni a livello nazionale».

Maroni: «Rifaremo la legge»
Il ministro dell'Interno Roberto Maroni ha affermato: «Ritengo che la bocciatura del potere di ordinanza dei sindaci da parte della Corte costituzionale sia stato un errore. Si tratta di un fatto formale: ci vuole una legge e non un decreto amministrativo e noi rimedieremo per ripristinare questa norma importante».

I commenti di altri sindaci
Duro il commento di Flavio Tosi, primo cittadino leghista di Verona: «La decisione della Consulta è sbagliata perché la norma è sacrosanta e utilissima. Per Flavio Zanonato, sindaco Pd di Padova, «sono stati confermati i dubbi che avevo e quindi rifarò l'ordinanza anti-prostituzione, ma collegandola ai problemi del traffico e non della sicurezza urbana». «La pronuncia non sorprende, perché manca un quadro organico legislativo che andrà adesso creato», dice infine il presidente dell'Anci e sindaco di Torino Sergio Chiamparino.g.l.z.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Franco

    09 Aprile @ 15.13

    Giustizia è fatta.

    Rispondi

  • giancarlo

    08 Aprile @ 19.06

    Già i sindaci fanno male i sindaci, figuriamoci gli sceriffi. La sicurezza è cosa seria e va affidata a chi ha esperienza e personale qualificato. Ricordo che in Italia esistono la polizia di stato, i carabinieri, la guardia di finanza, la polizia provinciale, la forestale e forse qualche altro corpo militare. Ci serve ancora altro? Per esorcizzare la paura bisogna per forza vivere in uno stato di polizia?

    Rispondi

  • massimo

    08 Aprile @ 18.23

    Con i processi brevi e gli indulti...le carceri sovraffolate e le sospensioni delle pene...non serve a niente. L'importante è che i politici corrotti e i finanzieri che stanno trascinando il nostro paese nel letame restino impuni.

    Rispondi

  • Giovanni

    08 Aprile @ 17.36

    L'unico obiettivo della magistratura e della sinistra è gettare il paese nello sfascio totale con l'unica speranza di tornare a mettere il lato B su comodi scranni. State attenti perchè il giochino non funziona, se la maggioranza silenziosa dei cittadini scende in piazza lo farà per bastonare questa magistratura e quei politici che per fini elettorali sono dosposti a gettare il paese in vacca. CARI GIUDICI COSTITUZIONALI .......FATE SCHIFOOOOOO. attenti che si avvicina l'ora della secessione del pese e da tutti questi organi inutili e dannosi che sono il vero marcio del paese.

    Rispondi

  • marco

    08 Aprile @ 15.59

    NELLA NUOVA ITALIA le sole cose che si fanno sono a FAVORE dei criminali: pocessi brevi, prescrizioni facili, aministie. Le misure CONTRO il crimine sono OSTEGGIARE sia dalla sinistra che SPECIALMENTE dalla DESTRA

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

PIENA

Enza in piena: evacuazioni in corso a Casaltone e Lentigione Foto

emergenza

La Parma esonda a Colorno: acqua nel cortile della Reggia. Evacuata la piazza Video 1-2

La sindaca: "State lontani dagli argini"

emergenza

Lentigione finisce sott'acqua: evacuazioni in corso Foto

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

IL CASO

Collecchio dichiara guerra al gioco d'azzardo

LUTTO

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

SEMBRA IERI

Una "pennellata" di teatro con Maurizio Schiaretti (1993)

Incidenti

Corcagnano e via Spezia: due pedoni investiti, sono in gravi condizioni Video

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

UNIVERSITA'

Smart Production Lab 4.0 al servizio del futuro

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

VAPRIO D'ADDA

Sparò e uccise il ladro: "Legittima difesa". Caso archiviato

COREA DEL NORD

Pyongyang prepara la guerra batteriologica?

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS