Parma

Anche Slow Food dice no all'inceneritore

Ricevi gratis le news
0

Comunicato stampa

Parma: anche Slow Food dice no all’inceneritore
 
 
In questi giorni Parma celebra la propria cultura e tradizione gastronomica a Cibus Tour, la fiera a cui Slow Food Italia partecipa con un evento nell’evento: Po(r)co ma Buono.
Inevitabile che in questa situazione finiscano sotto i riflettori anche altri temi, ben più controversi: ci riferiamo in particolare alla vicenda della costruzione di un inceneritore di rifiuti proprio alle porte della città.
Il progetto per la costruzione dell’inceneritore è nato nel 2005 e si concluderà nel 2012, quando l’impianto verrà messo in funzione. Molti cittadini e organizzazioni della società civile si sono mobilitati fin dalle primissime fasi, organizzandosi nell’Associazione gestione corretta rifiuti e risorse di Parma (AGCR) e portando avanti campagne di informazione e sensibilizzazione, soffermandosi soprattutto sugli aspetti sanitari e sull’impatto ambientale di questa struttura, quali l’emissione di po lveri sottili e di diossina nell’atmosfera.
«Slow Food Italia non può esimersi dal prendere una posizione chiara su questo tema, cosi rilevante sia per la salute dei cittadini che per il futuro del territorio. Sosteniamo la campagna dell’AGCR No Inceneritore, Si Rifiuti Zero, schierandoci contro la costruzione di un impianto definito incompatibile dalla legge italiana con le produzioni agricole di qualità. Gli impianti di incenerimento rientrano infatti tra le industrie insalubri di classe I in base all’articolo 216 del testo unico delle Leggi sanitarie (G.U. n. 220 del 20/09/1994, s.o.n.129)» commenta Roberto Burdese, Presidente di Slow Food Italia.
«Il problema della gestione dei rifiuti e il diritto a un cibo buono, pulito e giusto sono fortemente correlati, se pensiamo che la maggior parte dei rifiuti che produciamo è proprio legata ai prodotti alimentari e ai loro imballaggi. Da tempo Slow Food sostiene politiche di riciclaggio e riduzione degli sprechi: ne abbiamo fatto un tratto distintivo persino dei nostri grandi eventi, a partire dal Salone del Gusto di Torino. La nostra sensibilità si sta sempre più spesso traducendo in iniziative concrete come quelle che vedono impegnata la Condotta Slow Food Vesuvio. In un territorio dilaniato dal problema delle immondizie, infatti, i rappresentanti locali di Slow Food, in collaborazione con associazioni ambientaliste e comitati di cittadini, hanno fondato “Cittadini per il parco&rd quo;, un movimento per lo sviluppo sostenibile dell’area vesuviana. Al suo interno tre gruppi di studio analizzano la situazione per cercare concrete soluzioni per la riqualificazione ambientale e l’attuazione del modello “Rifiuti zero” ideato da Paul Connett», continua Burdese.
La combustione dei rifiuti, infatti, rispetto al riciclaggio, pone il serio problema della contaminazione dei suoli, danneggiando le filiere agricole, patrimonio di valore inestimabile e fiore all’occhiello del parmense. «È ora di iniziare un profondo cambiamento nel nostro stile di vita, e dobbiamo partire proprio dal nostro modello alimentare, senza cercare palliativi e soluzioni temporanee. Se un pezzo di questa rivoluzione prendesse le mosse proprio da Parma, luogo simbolo del buon cibo, sarebbe un segnale straordinario per tutta Italia», aggiunge Antonio Cherchi, Presidente di Slow Food Emilia Romagna.
«L’incenerimento dei rifiuti è una tecnologia ormai in via di abbandono, come testimoniano numerosi Paesi europei che stanno spegnendo, o pensando di farlo, i loro impianti: dire NO all’inceneritore non significa risolvere i problemi ambientali, ma può voler dire molto di più. Significa dire SI alle politiche delle 4R che l’Europa ci chiede in tema di rifiuti: Riduzione, Riuso, Riciclo e Recupero. Significa dire SI a un cibo pulito, significa preservare risorse per le prossime generazioni», commenta Antonella Ferrari, Fiduciaria della Condotta Slow Food Parma, e conclude «Anche se AGCR non riuscirà a bloccare l’accensione dell’inceneritore, continueremo a promuovere quei comportamenti virtuosi che portino al suo spegnimento, per iniziare ad alleggerire il carico inquinante, per tutelare la salute dei nostri figli e la terra in cui viviamo, considerati i dati emersi dalle ultime ricerche, che ne confermano la pericolosità. I limiti di legge sugli inquinanti sono infatti insufficienti in quanto considerano per le diossine rilevamenti nell'aria, mentre è riconosciuto che ben più efficaci sarebbero le analisi su matrici ambientali quali esseri umani, animali, piante e suolo dove la diossina si deposita e si accumula nella catena alimentare nel corso degli anni. I filtri degli impianti di ultima generazione non riescono poi a intercettare le nanopolveri, che possono passare attraverso gli alveoli polmonari, entrare nel circolo ematico e sono in grado di modificare il DNA».
  
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene record, perché e come è succeso

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è succeso

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perchè Parma non capì il suo talento?

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS