Parma

Grazie, vescovo Solmi, per quella porta aperta

Ricevi gratis le news
3

di Pino Agnetti

Accadono cose davvero strane in questa sempre più strana Italia.
 Accade, ad esempio, che in piena emergenza immigrazione siano gli imprenditori di Vicenza e Treviso – Nord-Est profondo che più profondo di così non si può – a dichiarare che «E’ doveroso, nell’emergenza, che ciascuno faccia il proprio dovere» (Roberto Zuccato, presidente della Confindustria di Vicenza). E a rincarare la dose ricordando che «Non si può semplicemente rilevare il problema e poi dire ma tanto si arrangeranno alcune aree del Paese a risolverlo» (Alessandro Vardanega, leader degli industriali di Treviso). E stiamo parlando di un sistema economico, sommando fra loro le due province, da 20 miliardi di euro di export annui e dove più di un quinto della manodopera industriale è straniero.
 Per quella impiegata invece nell’agroalimentare, valga la fotografia tracciata dal capo della Coldiretti Veneto, Giorgio Piazza, secondo il quale «La manodopera straniera è fondamentale per l’agricoltura di tutta la regione. E in particolare per la raccolta di frutta a Verona, degli ortaggi a Rovigo e per la vendemmia nel Trevigiano».
Dunque, almeno da quelle parti, pare non sia vero affatto che gli stranieri stiano portando via posti di lavoro agli italiani. Né che una maggiore presenza di extracomunitari risulterebbe di freno alla ripresa. Che anzi, sempre a detta degli imprenditori della zona, ha e avrà un bisogno crescente di braccia straniere pure per gli anni a venire. Proprio come certificato in questi giorni dal nostro ministro dell’Economia Giulio Tremonti (un altro che francamente ci vediamo poco nei panni del «pasionario» dell’integrazione a tutti i costi).
 Vedi la sua ormai celebre e da nessuno minimamente contestata battuta riferita ai circa quattro milioni di immigrati presenti oggi in Italia: tutti – ma guarda un po’ - rigorosamente «occupati». Per la semplice e di nuovo incontestabile ragione che, di italiani disposti appunto a fare «un lavoro da stranieri», non se ne vede più manco l’ombra da Tarvisio a Canicattì. Passando, naturalmente, per la «Food Valley» e per la nostra cara e vecchia Parma.
E qui, dato a «Cesare quel che è di Cesare», qualche parola per un Pastore che ha avuto l’ardire nella nostra città di usare per primo le parole giuste al momento giusto. Queste: «L’Italia e l’Europa non possono ora voltarsi da un’altra parte, anche se ben conosciamo i problemi e le insidie presenti in questo esodo».
 Poi, quel Pastore di nome Enrico Solmi, ha fatto di più. Ha fatto seguire le parole dai fatti. Spalancando le porte anche fisiche della Chiesa di Parma a un primo  drappello di migranti sbarcati a Lampedusa. Andando ad accoglierli e a dire loro «Siete i benvenuti!» di persona. Ed evitando di stare a lambiccarsi troppo il cervello con quella grottesca distinzione lessicale fra «profughi» e «immigrati» che lo stesso ministro dell’Interno, Roberto Maroni, ha giudicato per altro risibile e ormai da superare.
Seguiranno – sono già arrivati – insulti e imprecazioni a ripetizione. Che, però, rendono ancora più necessario e convinto il «Grazie, Vescovo Solmi» che anche una comunità permeata di autentico spirito laico e solidale insieme non deve temere oggi di rivolgere a quel Pastore.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Pino Agnetti

    21 Aprile @ 09.59

    Mi hanno segnalato questa letterina del coraggioso Renz che come tutti i campioni della maldicenza anonima del suo stampo non ha nemmeno il coraggio di firmarsi per nome e cognome. D'altra parte, proprio sul finire del mio articolo avevo pronosticato che sarebbero seguiti insulti e imprecazioni. Molto bene. Certe scempiaggini scritte col COPIA INCOLLA del peggiore armamentario disponibile sul web si commetano da sole. Pino Agnetti

    Rispondi

  • marco

    19 Aprile @ 19.46

    "stiamo parlando di un sistema economico, sommando fra loro le due province, da 20 miliardi di euro di export annui e dove più di un quinto della manodopera industriale è straniero"...... Chissà se questi dati incontestabili sfuggiranno a quello xenofobo che afferma che gli stranieri non lavorano ma vengono qua solo a spacciare e gozzovigliare.....io rimango dell'idea che chi non lavora è chi, dimostrando di non conoscere il mondo del lavoro, afferma certe castronerie.

    Rispondi

  • marco

    19 Aprile @ 19.26

    Non condivido questo articolo, fatto di comodi luoghi comuni da appiccicare col COPIA INCOLLA a qualsiasi articolessa convenzional- superficilal-umanitaria. Abbiamo capito che serve la manodopera... cosa c'entra la gente arrivata coi barconi x vivere di ESPEDIENTI, senza una qualifica, senza una selezuone, senza una programmazione dello stato italiano... i tanti emigranti italiani che sono partiti in passato, andavano in PAESI in PIENA ESPANSIONE economica che CHIEDEVANO manodopera ed avevano PIENA OCCUPAZIONE. Non c'era il VESCOVO ad accoglierli, c'erano medici, poliziotti e reclutatori di manodopera. Questi tunisini, quando capiscono l'andazzo, non vanno mica in Francia! li manteniamo a VITA e gli facciamo le pulizie con le cooperative (è x QUESTO che interessa l'accoglienza ! ) e a pregare nelle Chiese... sì ma TRASFORMATE in Moschee. Ma per piacere.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS