-1°

Parma

Il cavalier Gelmino lascia il timone del suo ristorante

Il cavalier Gelmino lascia il timone del suo ristorante
Ricevi gratis le news
1

Chiara Pozzati
Sarà che ha fatto dei cappelletti un’arte, sarà per la sua torta Maria Luigia degna di palati regali, o semplicemente per quella cucina intrisa di profumi e buon umore.
Ma stringe il cuore al pensiero che il cavalier Gelmino abbandoni il timone del suo ristorante dopo più di mezzo secolo. Una pensione dettata dalla voglia di un sano e meritato riposo («in fin dei conti ho passato oltre 50 anni dietro questi fornelli»), fatto sta che lo chef dalle mani nodose e la pazienza rara non riesce a nascondere un pizzico di malinconia mentre sguscia tra i tavoli per salutare i clienti di una vita.
Già, perché non poteva che salutare così la sua Viarolo: offrendo, ancora una volta, tavole imbandite e gustosi manicaretti.
Tra gli invitati spiccano anche i neotitolari («due bravissime persone – tiene a precisare Gelmino Bacchi – che, sono convinto faranno la felicità dei buon gustai») ma soprattutto i suoi avventori «quelli che porto sempre con me e che ho seguito dal battesimo fino al matrimonio ed oltre», racconta sorridendo. Nato a San Lazzaro nell’agosto 1934, Gelmino ricorda ancora con orgoglio «il lavoro nei campi, la fronte imperlata di fatica di mio padre, gli intingoli di mia madre e le ricette della nonna che mi hanno insegnato i segreti della cucina». Figlio di agricoltori, si è trasferito a Viarolo nel 1949. «Ho frequentato la scuola fino alla quinta elementare – prosegue lo chef della bassa – poi ho abbandonato i banchi per lavorare nel podere di famiglia». Fino al 1958 quando «non solo ho aperto il ristorante ma mi sono anche sposato» aggiunge scoccando un’occhiata complice verso la cucina. Già, perché Gelmino e signora hanno condiviso non solo il focolare ma anche il lavoro. «Inizialmente avevo aperto una piccola osteria che sorgeva a pochi metri dall’attuale ristorante, in cui mi sono trasferito dopo qualche mese, mantenendo sempre lo stesso nome». «Ricordo ancora quando mi chiedevano lasagne e grandi scodelle di minestrone – prosegue rapito dal racconto – ma il nostro cavallo di battaglia sono sempre stati i cappelletti e quella torta Maria Luigia che solo mia moglie sa fare con tanta cura». Cavaliere del lavoro, Grande Ufficiale e pure Commendatore, Gelmino Bacchi ha sempre considerato il suo locale una seconda casa «e – assicura – negli anni ho cercato di offrire il massimo ai miei clienti». Una «casa» in cui sono cresciuti i due figli dello chef, Gianluca e Luciano, e che è riuscita ad ottenere un posto speciale sulla Guida Michelin. «Dopo mezzo secolo trascorso in cucina sento il bisogno di riposarmi – conclude con un pizzico di malinconia – ma per chi volesse gustare ancora una volta i veri cappelletti tradizionali l’invito è sempre valido». Solo che questa volta invece che le porte del ristorante Gelmino spalanca quelle di casa.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gio

    29 Aprile @ 08.12

    Bravo Gelmino !!Brava la Signora !

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

LUDOPATIA

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto di Nicola Riccò

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

FONTEVIVO

Furto di gasolio: romeno sorpreso e arrestato

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La sfida degli anolini: ecco quali sono i più buoni a Parma

In gara dieci gastronomie della città

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5