11°

17°

Parma

"Cattedrale occupata": 40 anni fa l'episodio più clamoroso del Sessantotto parmigiano

"Cattedrale occupata": 40 anni fa l'episodio più clamoroso del Sessantotto parmigiano
Ricevi gratis le news
2

di Gabriele Balestrazzi

Tra pochi giorni sarà affollata dai turisti dall'Italia e dall'estero, che verranno a Parma per ammirare la cupola del Correggio nell'ambito della grande mostra dedicata all'artista. Ma 40 anni fa, esattamente in questi giorni, la Cattedrale di Parma era alla ribalta delle cronache per tutt'altro motivo.
Erano le 17 di una sabato di fine estate, quando all'ingresso del Duomo, fra i due leoni antelamici, comparve il clamoroso striscione “Cattedrale occupata”. Una protesta simbolica quanto eclatante, messa in atto da un gruppo di giovani denominati “I protagonisti”: uno dei gruppi cattolici del dissenso che erano nati (così come il gruppo “Mattei”) nella nostra città. Alla testa dei contestatori, “lo studente Schianchi”, per dirla con la Gazzetta di allora: uno studente che si era già proposto come uno dei leader del '68 a Parma, che anche qui si era fin lì espresso soprattutto nel mondo dell'università.
Naturalmente arrivarono subito in Duomo rappresentanti della diocesi: don Mazzoli e mons. Triani ebbero i primi vivaci scambi di opinione con gli occupanti. I quali avevano anche spiegato in un volantino-manifesto le ragioni dell'occupazione: in particolare si chiedeva alla Chiesa “il coraggio di scelte a favore dei poveri e contro il sistema capitalistico”. Inoltre si protestava contro “la rimozione di preti senza avere interpellato i fedeli”: il riferimento era in questo caso ben preciso, e riguardava un sacerdote di Santa Maria della Pace che si era reso protagonista di alcune iniziative tanto coinvolgenti per i giovani (come la “messa beat” con il complesso dei Corvi) quanto criticate dai “benpensanti”, e viste con perplessità dalla Curia. Alla fine, il giovane sacerdote venne spedito in una parrocchia di montagna: era don Pino Setti, oggi in città nella parrocchia della Trasfigurazione e sicuramente uno dei sacerdoti più amati in città.
Alle 18,30, in quel clima di tensione, monsignor Rossolini celebrò la messa, dopo avere rifiutato la proposta degli occupanti di una discussione sul vangelo al momento dell'omelia. E monsignor Grisenti dissuase i giovani dalla volontà di interrompere la celebrazione, di fronte al rifiuto di monsignor Rossolini. Il quale lesse invece la lettera di un partigiano alla moglie, scritta poco prima di essere ucciso.
Al termine della celebrazione la Cattedrale avrebbe dovuto essere chiusa, ma gli occupanti si rifiutarono di uscire. E a sgomberare il Duomo furono allora le forze dell'ordine, mentre i giovani opponevano “una resistenza passiva e non violenta”: molti di loro furono trascinati fuori a braccia.
La lunga giornata, però, non era ancora conclusa: alle 21, sul sagrato della cattedrale, si tenne infatti una “assemblea del popolo di Dio” con circa 200 partecipanti.
Grande fu ovviamente il clamore della notizia, anche fuori da Parma. Nei giorni successivi ci furono diverse reazioni: nuove polemiche si accesero anche in seguito a un comunicato dello stesso don Setti. Nei giorni successivi intervenne ufficialmente anche il  vescovo Amilcare Pasini, che prima incontrò i 100 sacerdoti di Parma in seminario, e poi diffuse un comunicato ufficiale, nel quale si diceva che “il rinnovamento non si realizza con atti che impediscono il dialogo”.
Mons. Pasini, negli interventi di quei giorni, cercò di rasserenare gli animi, ma in realtà visse quell'episodio come una profonda e dolorosa lacerazione: me lo fece capire lui stesso quando molti anni dopo (proprio in occasione di un altro decennale) rifiutò una intervista per Tv Parma dicendomi che non voleva “riaprire quella ferita”.
E un profondo scalpore lo provocarono le parole del Papa. Paolo VI volle accennare ai fatti di Parma durante l'udienza generale del mercoledì a Castelgandolfo, condannando “le occupazioni di Cattedrali” e le azioni dei “cattolici inquieti che diventano molesti e nocivi alla Chiesa di Dio”.

Avete vissuto quellì'episodio e le altre vicende del Sessantotto parmigiano? Come le ricordate? Avete aneddoti da raccontare o riflessioni o documenti da proporre 40 anni dopo? Dite la vostra, utilizzando lo spazio commenti a fianco di questo articolo nella colonna centrale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Mario Calzetti

    15 Settembre @ 12.42

    Non ho vissuto l'esperienza di quei giorni (nè l'avrei mai vissuta perchè dovevo tribolare per garantirmi il pane e andare a scuola di notte), ma conosco bene don Pino Setti che vive una testimonianza di Cristianesimo elevatissima. Cristianesimo non sempre coincide con Cattolicesimo e don Pino visse allora proprio questa dicotomia cercando di renderla unica. Lui che vive nella Povertà e che conosce la Carità di chi dà.

    Rispondi

    • Eco

      15 Settembre @ 13.22

      Non me lo ricordo. Sarebbe stato bello che, sullo stile di Don Camillo e Peppone, il Vescovo di turno fosse uscito strappando lo striscione e restituendolo ai manifestanti avesse detto: "Con questo fasciatevi la testa: QUELLA e' occupata!"

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

STADIO TARDINI

Pazzo campionato: il Parma segna su azione, vince ed è a 3 punti dalla vetta

Guarda la classifica. Barillà:"Stiamo crescendo" (Video) - Scozzarella: "Iniezione di fiducia" (Video) - Grossi: "Tre punti pesanti" (Videocommento)

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

DA GENNAIO

E la Ue "sdogana" gli insetti a tavola

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va