Parma

De Cataldo e il caso Moro: "Dubbi sul ruolo dello Stato"

De Cataldo e il caso Moro: "Dubbi sul ruolo dello Stato"
Ricevi gratis le news
0

Laura Birra

Giovedì, 16 marzo 1978. Il Tg lancia un'edizione straordinaria. Quella che, quando la senti, vuol dire che è successo qualcosa di grave. Il Paese si ferma: hanno rapito Aldo Moro. Sono gli anni di piombo, delle bombe in piazza e dei morti ammazzati. Ma sono anche gli anni di Gladio, della commistione - mai totalmente rivelata - tra i servizi segreti e la strategia della tensione. Anni di un Paese diviso. Per concludere gli appuntamenti di «Legendaria» - rassegna dedicata alla lettura, curata dall'Istituzione biblioteche e patrocinata dall'assessorato alla Cultura del Comune - è arrivato l'autore di molti libri, il più famoso dei quali - «Romanzo criminale» - è ambientato in quegli anni. Un autore che prima di tutto è un giudice: Giancarlo De Cataldo. 
Se «Legendaria» quest'anno è dedicata all'identità nazionale, l'incontro con De Cataldo scandisce già nel titolo il senso della sua presenza a chiudere la rassegna: «Il terrorismo e il caso Moro. Un paese diviso». Un'identità nazionale, quella degli anni di piombo, frammentata dalla violenza in strada, dal ruolo di uno Stato che forse combatte ma forse anche partecipa a quella violenza. 
Intervistato dal giornalista della «Gazzetta» Filiberto Molossi, De Cataldo rivela i suoi dubbi sul caso Moro: «Il ruolo dello Stato non è mai venuto totalmente allo scoperto. Emerge tra le pieghe di questa storia. L'Italia è il Paese che meno di tutti ha voluto far luce sul suo passato oscuro». Da quella via Gradoli, che ha ospitato il covo delle Br e appartamenti stranamente collegati ai servizi segreti, alle lettere di Moro, mai ritrovate in originale. E poi, l'ombra lunga delle organizzazioni criminali, dalla banda della Magliana alla Nuova camorra organizzata di Cutolo, in prima linea nel mediare tra rapimenti e affari di stato. 
«Durante il sequestro - spiega De Cataldo - è stato organizzato un comitato di crisi per trattare il caso. Uno dei membri, un americano, tempo dopo ha raccontato la sua verità: “Non era importante salvare Moro - ha detto - ma far digerire alla gente l'idea che forse non sarebbe mai tornato”». Di fronte a una verità oscura e mai accertata del tutto, ti si gela il sangue. Viene da chiedersi se la giustizia esista davvero. Ma «l'importante - dice De Cataldo - è che non bisogna mai perdere la speranza. Io credo che la giustizia sia un'aspirazione. Non raggiungeremo mai la giustizia perfetta. Ma abbiamo il dovere a tendere verso di essa».  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS