-1°

Parma

Caselli: "Il monumento alla memoria dei caduti, ennesimo scempio in una città Medaglia d'oro della Resistenza"

Ricevi gratis le news
14

Matteo Caselli, consigliere comunale del Pd, interviene sulla notizia della deposizione di una lapide nel cimitero della Villetta in memoria dei caduti della Repubblica Sociale Italiana, decisa dalla Giunta Comunale nelle scorse settimane ed apposta ieri, 2 Giugno, Festa della Repubblica.
" La notizia apparsa oggi sugli organi di stampa è davverograve. Ieri, di soppiatto nel timore di contestazioni,  l'amministrazione comunale ha inaugurato una lapide al cimitero della Villetta in ricordo dei caduti della Repubblica Sociale Italiana. I giornali di oggi,
adeguatamente informati di questo "atto meritorio" da parte dell'Ufficio stampa del Comune, raccontano di questa scelta,
concretizzatasi ieri, 2 Giugno, nel giorno della Festa della Repubblica. Ritengo questa scelta l'ennesimo atto dichiaratamente
revisionista operato da questa Amministrazione Comunale, ormai da mesi impegnata in attività assai lontane dal professato antifascismo del suo Sindaco. Sia chiaro: non è in questione l'umana pietà per i morti di quella guerra civile, qualsiasi fosse il loro schieramento. Altra cosa è celebrare chi si schierò dalla parte sbagliata, dalla parte del nazismo, della dittatura, della soluzione finale della questione ebraica, anche nel caso di chi lo fece in buona fede. Una scelta sbagliata, drammaticamente sbagliata, rimane una scelta sbagliata- L'inaugurazione della lapide il 2 Giugno, festa della Repubblica nata dalla Resistenza, sembra un ulteriore affronto alla storia della nostra città, decorata dalla Medaglia d'Oro al valor militare per la guerra di Liberazione. Sono ormai troppi gli episodi di questa natura per pensare di essere di fronte a semplici "sviste". Dopo il mancato ricordo delle Barricate di Parma, dopo la Via dedicata a Mantelli, occorre un pronto chiarimento da parte del sindaco Vignali nei confronti della città. Sindaco, mi rivolgo a Lei: è questo il concetto di Antifascismo del tanto decantato "civismo" parmigiano? Per il civismo di oggi si è antifascisti in questo modo? Se vi era almeno una questione su cui tutta la città era unita, era l'Antifascismo. Anche durante la precedente esperienza amministrative "civica" guidata da Elvio Ubaldi e in cui Lei era Assessore. Volete rompere anche questo filo che lega tutta la città? Magari per far contenti qualche Partito con cui vorreste candidarvi alla guida della città fra un anno o qualche Assessore della sua Giunta che da sempre si dichiara nostalgico dell'epoca fascista? Addirittura nella sua Giunta qualcuno, come si apprende dalla stampa, non è riuscito a votare questa decisione e si è dovuto astenere. Ma nemmeno questo l'ha indotta a riflettere su questa ennesima offesa alla memoria della città. E' ormai urgente e non più rinviabile un chiarimento: nel corso del prossimo Consiglio Comunale del 7 Giugno, attraverso una comunicazione urgente, Le chiederemo di chiarire se l'Antifascismo è ancora uno dei valori che animano questa Giunta Comunale. "

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • nicola perrotta

    05 Giugno @ 20.26

    Se è vero che la pietà è un sentimento che non deve vedere il colore della pelle e delle convinzioni personali, è pur vero che in vita alcune persone hanno sacrificato la loro esistenza per la libertà di tutti noi, mentre altri hanno scelto di diffondere morte terrore e insicurezza. Se la Storia ha un senso, se la memoria da conservare per le generazioni future affinché nn ripetano gli stessi errori ha un una funzione pedagogica, allora decantare e celebrare chi sbagliò si riverla un infelice autogol, un modo soft di offendere chi, invece, morì scegliendo di stare dalla parte della libertà.

    Rispondi

    • tex

      07 Giugno @ 22.30

      Ovviamente siamo d'accordo che i defunti vanno tutti rispettati (in quanto tali) ma determiinate onoreficenze è giusto attribuirlle a chi le merita, e non a dei criminali di guerra fascisti e/o peggio.ancora complici dei nazisti (ufficialment considerati come tali dai tribunali internazionali).

      Rispondi

  • Aldo B.

    05 Giugno @ 20.22

    Penso che la levatura morale di chi cerca visibilità politica prendendosela con i caduti, si misura da sola

    Rispondi

  • gilberto

    04 Giugno @ 18.15

    Confermi la tua miopia oltre che la tua ignoranza, che rispecchia peraltro il tuo pensiero. Detto che gli errori fatti nello scrivere, sono stati dovuti alla fretta, io non ne faccio un discorso di parte politica ma di orgoglio nazionale. Come la Russia non deve andare fiera di Stalin, noi italiani ci dobbiamo vergognare del ventennio fascista invece che fare lapidi in suo ricordo. Inoltre trovo vergognosa l'incoerenza dimostrata dalla nostra Giunta, che con lo stesso caos con cui gestisce la città, non riesce a distinguere da che parte stare, se con i fascisti o con chi come i partigiani hanno liberato l'Italia da squadre di balordi capaci solo a farsi forza grazie al numero del branco. Davide mi fai schifo!

    Rispondi

  • Davide C.

    04 Giugno @ 12.21

    Gibo mi scrive: "Davide mi indegno per chi come te non riesce a fare distinzione tra un morto ad un paladino della libertà e della patria e a morti come Mussolini, Hitler, Obama Bin Laden che non meriterebbero neanche di essere nati...allo stesso modo di chi come servi, ha obbedito ordini da quest'ultime persone. Vergognati e ragiona prima di scrivere!" Rispondo solo che dovresti vergognarti tu anche per le torture che infliggi alla lingua italiana (che non è invece la mia madrelingua). Chi è Obama Bin Laden? Un parente del presidente degli Stati Uniti o del terrorista Osama (che si pronuncia comunque Usamah, come scrivono i giornali di tutto il mondo tranne quelli italiani) bin Laden. Guarda caso nella tua breve lista hai dimenticato un bel tipetto: Iosif Vissarionovič Džugašvili ovvero Stalin. Solo un lapsus?

    Rispondi

  • Paolo

    04 Giugno @ 10.42

    Oddio, una lapide! Occhio che morde! In Spagna, dopo la Guerra Civile, fu costruita la Valle de los caidos, destinata ad ospitare e ricordare i caduti di entrambi gli schieramenti, sia i vincitori falangisti sia i vinti repubblicani. Perché i morti sono morti, e vanno onorati comunque, senza troppe pippe mentali. Però, la Spagna è un Paese civile, noi... noi no.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

LUDOPATIA

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto di Nicola Riccò

calcio

Parma a caccia dei gol

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

FONTEVIVO

Furto di gasolio: romeno sorpreso e arrestato

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5