-1°

Parma

"I miei 30 anni dietro al banco del Savoy"

"I miei 30 anni dietro al banco del Savoy"
Ricevi gratis le news
0

Lorenzo Sartorio

Un tempo era l’albergo - ristorante  «Verdi»  che  esisteva   ancor prima della  seconda   guerra mondiale,  di proprietà   di Maria  Sala. Un locale situato  nella centralissima   via XX Settembre, ad un tiro di schioppo dalla stazione ferroviaria  e  dalla  piazza.
 Nel 1981  l’albergo parmigiano cambiò nome e proprietari e,  da «Verdi»,  fu ribattezzato «Savoy». Al bureau  due belle  persone:  Elvira  e Millo Caffagnini.  L’hotel,   che  con i nuovi proprietari  fu  completamente  ristrutturato   al punto  di meritarsi  le quattro stelle, oggi rappresenta   una moderna struttura  dotata di ogni confort seguendo  i suggerimenti  di Aldo Caffagnini, figlio di Millo,  che  attualmente  conduce   l’albergo   che si affaccia anche su strada  Garibaldi avendo acquisito,  a suo tempo    i locali dell’ex salumeria  Cavatorta. Un albergo, il «Savoy»,   che,   oltre raccontare  una  fetta di storia  parmigiana,  narra  la storia  della vita non certo «piatta»  del suo fondatore, Millo  Caffagnini, autentico  personaggio   dallo stile   del  gentleman  anglosassone  con  quel garbo e  quella  classe tipica di coloro  che sono  abituati  a stare dietro un bureau.

Ottantaquattro anni   portati  molto bene, fisico  asciutto  da atleta (è stato  centravanti   del Colorno e del Bardi, sciatore e  adesso giocatore  di bocce del team  della Bocciofila Aquila), vedovo dal 2003,   Millo,  nativo di Montechiarugolo, unitamente  ai genitori,  all’età di 14 anni  si  trasferì   a  Bardi  dove   papà Veraldo era  autista  della  corriera   di linea  dell’allora «Sorit»  e mamma  Isa    ai fornelli   dell’albergo ristorante «Pavone» che i Caffagnini acquistarono  nel 1937. Un locale destinato  a diventare,  grazie  alle magie culinarie   della cuoca  Isa,   un punto di riferimento  e il  gotha dei gourmet. Rimangono  infatti memorabili il  suo risotto ai funghi,   gli anolini della casa  e l’arrosto  al limone. Il giovane  Millo si  trova a  suo agio in cucina,  ma soprattutto si muove disinvolto e cordiale tra i tavoli e impara l’arte dell’albergatore   che instillerà   nel  figlio Aldo mentre la figlia  Laura,  giornalista,  intraprende  un’altra strada. La passione del giornalismo,  comunque,  affascina   anche Millo  il quale,  dopo  un periodo  di collaborazioni  con il «Resto del Carlino», approda alla Gazzetta di  Parma  come corrispondente da Bardi.  Ma  a Millo   piace  viaggiare   ed allora,  per affinare la sua professionalità,  fa un’esperienza  in Inghilterra,  impara  la lingua e  rafforza  il suo aplomb di albergatore  raffinato e  capace.

Quindi il felice  matrimonio   con  Elvira Antoniazzi,   nata in Galles ma di origini  bardigiane  e, con la moglie,   l’arrivo a Parma  nella   gestione del «Savoy» dove,    anche ora,  è  una  presenza  moto importante  e  significativa  a fianco    del  figlio Aldo.
Amarcord    di questi trent’anni vissuti in strada   Garibaldi?  Davvero tanti che  Millo snocciola  con una  parlata  che non tradisce  alcuna inflessione   dialettale, tipica  del professionista  di classe. Politici, artisti, cantanti, attori, giornalisti sono transitati  in  questo trentennio   al «Savoy». Facciamo qualche  nome? Rossano Brazzi,  Franca Rame, Biagio Antonacci,  Altan,  Giuseppe  Bertolucci, solo per citarne alcuni.    Episodi  curiosi?   Alcuni davvero  simpatici  come  la consegna di una valigia,  dimenticata  da una cliente  brasiliana,  a San Geminiano  sobbarcandosi  ben  640 chilometri  tra andata e ritorno  e  il trasporto sulla canna della bici  di una cliente  giapponese,    tifosa del Parma  ai tempi  di Nakata,   che non sapeva  dov’era lo stadio   ed era  in ritardo rispetto all’orario  d’inizio  della partita.  Ma un altro  episodio,  caro al cuore di Millo,  è stata  una cena da lui stesso preparata   per  i carissimi e indimenticabili  amici,  Baldassarre  Molossi e Aldo Curti, quand'erano rispettivamente  direttore  e vice direttore  della Gazzetta  di Parma.   «Due persone  che non  dimenticherò  mai»,  ricorda commosso Caffagnini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

LUDOPATIA

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto di Nicola Riccò

calcio

Parma a caccia dei gol

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

FONTEVIVO

Furto di gasolio: romeno sorpreso e arrestato

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5