ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Fondazione Monteparma cede la quota di Banca Monte Parma
Economia

Fondazione Monteparma cede la quota di Banca Monte Parma

 
Declassamento Palatina, Pizzarotti: "Grave errore"
Cultura

Declassamento Palatina, Pizzarotti: "Grave errore"

 
Monica Farina: "This Christmas"
Musica

Monica Farina: "This Christmas" Video

 
Campioni attori per la Nike: il 2° video più visto
YOUTUBE

Campioni attori per la Nike: il 2° video più visto

 
Una ricetta al giorno: la stella di Natale
gusto

Una ricetta al giorno: la stella di Natale

 
Ginnastica: la festa Coop Nordest
Sport

Ginnastica: la festa Coop Nordest

 
Incubo furti nel parcheggio di via Moletolo
topi d'auto

Incubo furti nel parcheggio di via Moletolo

 
Quaranta docenti: 6 motivi per dire no al sabato a casa da scuola
Bertolucci

Quaranta docenti: 6 motivi per dire no al sabato a casa

 
Classe B, Mercedes alza l'asticella
RESTYLING

Classe B, Mercedes alza l'asticella

 
Natale? Perfetto per il "digital detox": 5 consigli
Hi-tech

Natale? Perfetto per il "digital detox": le 5 mosse

 
Parmalat cresce in Australia. Acquisita la Longwarry Food Park
Alimentare

Parmalat cresce in Australia

 
Bertolucci: "Da Parma un abbraccio fortissimo"
Cultura

Bertolucci: "Da Parma un abbraccio fortissimo"

 
L'Albania vista dagli italiani in guerra
immigrati

L'Albania vista dagli italiani in guerra

 
Torna il presidio di protesta dei dipendenti comunali
portici del grano

Torna il presidio di protesta dei dipendenti comunali

 
L'AMORE BUGIARDO - GONE GIRL

L'AMORE BUGIARDO - GONE GIRL

 
Seattle: dove osano i falchi
viaggi

Seattle: dove osano i falchi

 
4mila foto: ed ecco il Natale di Parma in TimeLapse
video

4mila foto: il Natale di Parma in TimeLapse

 
Fra Giuseppe: il cappuccino dagli occhi a mandorla
fidenza

Fra Giuseppe: il cappuccino dagli occhi a mandorla

 
Settimana Moda: top 5 news
in passerella

Settimana Moda: top 5 news

 
"Anolén" o "caplètt"?
Tradizioni

"Anolén" o "caplètt"?

 
Bottoms up!
Band di provincia

Bottoms up!

 
Trattoria La Boschina

Trattoria La Boschina

 
Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!
Kauppa

Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 

C inema

IO E TE

IO E TE

Genere Drammatico

Durata 97

 

Parma

Un certificato per gli chef che fanno cucina italiana

Un certificato per gli chef che fanno cucina italiana
0

Andrea Del Bue
E' stato presentato ieri pomeriggio, all’auditorium dell’Academia Barilla, il CPIC (Certification of Proficiency in Italian Cuisine). Si tratta del primo certificato di qualità per gli ambasciatori della cucina italiana nel mondo, che Academia Barilla ha voluto istituire per preservare la genuinità, i principi e la cultura della cucina tricolore; sarà rilasciato dopo una prova teorica ed una prova pratica per  valutare le abilità degli chef, italiani e non, residenti all’estero.
A spiegare motivi e principi del nuovo programma di certificazione, è Gianluigi Zenti, direttore di Academia Barilla: «Nel mondo - è la premessa -, ci sono  70 mila  ristoranti italiani, attorno ai quali lavorano oltre  800 mila persone, di cui solo un terzo provenienti dal nostro paese. E’ indubbio, quindi, che non tutti siano in grado di offrire ai consumatori la vera gastronomia nostrana: la cucina italiana, infatti, è sì quella più diffusa al mondo, ma anche la più contraffatta. Per preservarne le peculiarità, è esigenza improrogabile la qualificazione dei singoli professionisti che rispettano l’arte, la cultura, la filosofia dei nostri prodotti, diventandone ambasciatori in tutti i continenti».
Il primo corso è in programma   il 27 e 28 febbraio 2012. L'evento promosso ieri da Academia Barilla è stato visibile in tutto il globo in streaming, via web: «I nostri interlocutori devono essere soprattutto gli chef stranieri - precisa Zenti -, perché la realtà è che, in futuro, la cucina italiana non sarà fatta dagli italiani». I numeri, in effetti, parlano chiaro: esistono più ristoranti italiani all’estero che in tutta Italia. Ma sono pochi quelli che usano il marchio Italia onestamente: «La creazione del CPIC è anche l’occasione per sottolineare - continua il direttore dell’Academia Barilla - come molti prodotti, spacciati per nostrani, non siano realmente tali: su tutti il parmesan cheese, che non è Parmigiano Reggiano».
Della certificazione voluta ed istituita dall’ente cittadino non beneficeranno soltanto i singoli chef o ristoratori, ma l’intero indotto dell’enogastronomia: «A trarne vantaggio - conclude Zenti - sarà prima di tutto il turismo; il CPIC certifica come si mangia realmente in Italia».
La presentazione del nuovo programma di certificazione è stata preceduta da una giornata dedicata alla cucina italiana. Ha aperto i lavori una tavola rotonda con la stampa estera specializzata, dal titolo «Quale futuro per la cucina italiana nel mondo?»; poi  la dimostrazione pratica di due tra i più talentuosi cuochi stranieri, Angela Hartnett (chef patron al ristorante Murano di Londra; nonni originari di Bardi) e Yoshi Yamada (executive chef al ristorante Tempo di Londra).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0