ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

#Parmaweb: una maglia crociata a Times Square
Tg Parma

Top 10 #Parmaweb: una maglia crociata a Times Square Video

 
Studenti "Nei luoghi della guerra e della Resistenza a Parma"
tg parma

Studenti "Nei luoghi della guerra e della Resistenza a Parma"

 
Zibello: Festa del culatello in piazza fino al 2 giugno
Tg Parma

Zibello: Festa del culatello in piazza fino al 2 giugno

 
Antica Corte Pallavicina

Antica Corte Pallavicina

 
Processione con la statua della Madonna di Fatima
Parma

Processione con la Madonna di Fatima

 
Debutta la Jaguar F-Type Bloodhound
COVENTRY

Debutta la Jaguar F-Type Bloodhound

 
I commercianti: Parma è sporca. Hanno ragione?
Sondaggio

I commercianti: Parma è sporca. Hanno ragione?

 
La rassegna in piazza Duomo si farà
POLEMICA

La rassegna in piazza Duomo si farà

 
Tre studenti a lezione dai big del giornalismo
gazzettascuola

Tre studenti a lezione dai big del giornalismo

 
Sgarbi nel Labirinto di Ricci
fontanellato

Sgarbi nel Labirinto di Ricci

 
Torna la "Settimana della pubblica"
VOLONTARIATO

Torna la "Settimana della pubblica"

 
Parma Alimentare porta a Nizza le eccellenze del nostro territorio
mostra mercato

Parma Alimentare porta a Nizza le eccellenze del nostro territorio

 
Volontari in aiuto a chi parcheggia
Ospedale

Volontari in aiuto a chi parcheggia Video

 
IL FASCINO INDISCRETO DELL'AMORE

IL FASCINO INDISCRETO DELL'AMORE

 
Weekend: 5 proposte da non perdere
Inserto

Weekend: 5 proposte da non perdere

 
Sono fuoricorso, lavorano, hanno 25 anni: il profilo dei laureati a Parma
AlmaLaurea

Fuoricorso ma hanno lavorato: il profilo dei laureati a Parma

 
Dimmi come vesti e ti dirò chi sei
psicologia

Dimmi come vesti e ti dirò chi sei

 
Banca di Parma
credito cooperativo

Banca di Parma aprirà gli sportelli in ottobre

 
Padre Paolino
LIBRI

Padre Paolino la gioia della carità

 
Offerta di lavoro a cura di Publiedi
OCCUPAZIONE

Offerta di lavoro a cura di Publiedi

 
«Dialetto parmigiano, ecco le regole»
LIBRI

«Dialetto parmigiano, ecco le regole»

 
Crash
doctor web

Basta un sms per mandare in crash l'iphone

 
Bonusmalus
gazzarock

Bonusmalus

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 

C inema

Parma

Un certificato per gli chef che fanno cucina italiana

Un certificato per gli chef che fanno cucina italiana
0

Andrea Del Bue
E' stato presentato ieri pomeriggio, all’auditorium dell’Academia Barilla, il CPIC (Certification of Proficiency in Italian Cuisine). Si tratta del primo certificato di qualità per gli ambasciatori della cucina italiana nel mondo, che Academia Barilla ha voluto istituire per preservare la genuinità, i principi e la cultura della cucina tricolore; sarà rilasciato dopo una prova teorica ed una prova pratica per  valutare le abilità degli chef, italiani e non, residenti all’estero.
A spiegare motivi e principi del nuovo programma di certificazione, è Gianluigi Zenti, direttore di Academia Barilla: «Nel mondo - è la premessa -, ci sono  70 mila  ristoranti italiani, attorno ai quali lavorano oltre  800 mila persone, di cui solo un terzo provenienti dal nostro paese. E’ indubbio, quindi, che non tutti siano in grado di offrire ai consumatori la vera gastronomia nostrana: la cucina italiana, infatti, è sì quella più diffusa al mondo, ma anche la più contraffatta. Per preservarne le peculiarità, è esigenza improrogabile la qualificazione dei singoli professionisti che rispettano l’arte, la cultura, la filosofia dei nostri prodotti, diventandone ambasciatori in tutti i continenti».
Il primo corso è in programma   il 27 e 28 febbraio 2012. L'evento promosso ieri da Academia Barilla è stato visibile in tutto il globo in streaming, via web: «I nostri interlocutori devono essere soprattutto gli chef stranieri - precisa Zenti -, perché la realtà è che, in futuro, la cucina italiana non sarà fatta dagli italiani». I numeri, in effetti, parlano chiaro: esistono più ristoranti italiani all’estero che in tutta Italia. Ma sono pochi quelli che usano il marchio Italia onestamente: «La creazione del CPIC è anche l’occasione per sottolineare - continua il direttore dell’Academia Barilla - come molti prodotti, spacciati per nostrani, non siano realmente tali: su tutti il parmesan cheese, che non è Parmigiano Reggiano».
Della certificazione voluta ed istituita dall’ente cittadino non beneficeranno soltanto i singoli chef o ristoratori, ma l’intero indotto dell’enogastronomia: «A trarne vantaggio - conclude Zenti - sarà prima di tutto il turismo; il CPIC certifica come si mangia realmente in Italia».
La presentazione del nuovo programma di certificazione è stata preceduta da una giornata dedicata alla cucina italiana. Ha aperto i lavori una tavola rotonda con la stampa estera specializzata, dal titolo «Quale futuro per la cucina italiana nel mondo?»; poi  la dimostrazione pratica di due tra i più talentuosi cuochi stranieri, Angela Hartnett (chef patron al ristorante Murano di Londra; nonni originari di Bardi) e Yoshi Yamada (executive chef al ristorante Tempo di Londra).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0