ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI TUTTE  LE SEZIONI DEL SITO

Speciale economia del 31 ottobre
Tg Parma

Speciale economia del 31 ottobre

 
Federico Pagani al Labò
spettacolo

Federico Pagani al Labò Video

 
A Parma si allontana lo spettro della deflazione
soldi

A Parma si allontana lo spettro della deflazione

 
Riconosciuta ai docenti precari l'anzianità maturata
Tribunale del lavoro

Riconosciuta ai docenti precari l'anzianità maturata

 
Rapid Spaceback, l'essenza di Skoda
PROVA SU STRADA

Rapid Spaceback, l'essenza di Skoda

 
Piazza Garibaldi: arrivano le panchine
parma centro

Piazza Garibaldi: arrivano le panchine

 
Unitalsi, solidarietà quotidiana: ecco i corsi per i volontari
Tg Parma

Unitalsi, solidarietà quotidiana: ecco i corsi per i volontari

 
La notte di «Galloween» per l'Abracadabra
solidarietà

La notte di «Galloween» per l'Abracadabra

 
"Care" tasse universitarie? L'Ateneo: "Dati errati"
Università

"Care" tasse universitarie? L'Ateneo: "Dati errati"

 
La nostra Grande Guerra: una galleria di vite e di storie
CULTURA

La nostra Grande Guerra: una galleria di vite e di storie

 
3,2 milioni di disoccupati: mai così tanti dal 2004
lavoro

3,2 milioni di disoccupati: mai così tanti dal 2004

 
Il soccorso al capriolo ferito nella Parma
Video dei lettori

Il soccorso al capriolo ferito nella Parma

 
Brittany Maynard
USA

Brittany non ha ancora deciso se morire: la storia 

 
LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI

LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI

 
Torna il "November porc": si parte da Sissa
tg parma

Torna il "November porc": si parte da Sissa Video

 
Reggio: ragazze pestano coetanea perché non è musulmana
Reggio emilia

Ragazze pestano coetanea perché non è musulmana

 
Stonehenge
VIAGGI

Stonehenge, una magia millenaria

 
La montagna ha ricordato il cardinal Bruno Bertagna
Tg Parma

La montagna ha ricordato il cardinal Bruno Bertagna Video

 
E in passerella va il cioccolato
PARIGI

E in passerella va il cioccolato Video

 
Sousa,  indó l’àni catè chilù? Mauri l’ùnnica béla notìssja
Dialetto

Sousa, indó l’àni catè chilù? Mauri l’ùnnica béla notìssja

 
Addio per sempre, Bridget Jones
comare & co.

Addio per sempre, Bridget Jones

 
Trattoria Pescacciatore

Trattoria Pescacciatore

 
#Parmaweb: e il Tg pesca nella Rete
Tv Parma

#Parmaweb: e il Tg pesca nella Rete

 
Las Karne Murta, sostegno dal palco
Venerdì prossimo

Las Karne Murta, sostegno dal palco

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 
Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!
Kauppa

Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!

 

C inema

Parma

Un certificato per gli chef che fanno cucina italiana

Un certificato per gli chef che fanno cucina italiana
0

Andrea Del Bue
E' stato presentato ieri pomeriggio, all’auditorium dell’Academia Barilla, il CPIC (Certification of Proficiency in Italian Cuisine). Si tratta del primo certificato di qualità per gli ambasciatori della cucina italiana nel mondo, che Academia Barilla ha voluto istituire per preservare la genuinità, i principi e la cultura della cucina tricolore; sarà rilasciato dopo una prova teorica ed una prova pratica per  valutare le abilità degli chef, italiani e non, residenti all’estero.
A spiegare motivi e principi del nuovo programma di certificazione, è Gianluigi Zenti, direttore di Academia Barilla: «Nel mondo - è la premessa -, ci sono  70 mila  ristoranti italiani, attorno ai quali lavorano oltre  800 mila persone, di cui solo un terzo provenienti dal nostro paese. E’ indubbio, quindi, che non tutti siano in grado di offrire ai consumatori la vera gastronomia nostrana: la cucina italiana, infatti, è sì quella più diffusa al mondo, ma anche la più contraffatta. Per preservarne le peculiarità, è esigenza improrogabile la qualificazione dei singoli professionisti che rispettano l’arte, la cultura, la filosofia dei nostri prodotti, diventandone ambasciatori in tutti i continenti».
Il primo corso è in programma   il 27 e 28 febbraio 2012. L'evento promosso ieri da Academia Barilla è stato visibile in tutto il globo in streaming, via web: «I nostri interlocutori devono essere soprattutto gli chef stranieri - precisa Zenti -, perché la realtà è che, in futuro, la cucina italiana non sarà fatta dagli italiani». I numeri, in effetti, parlano chiaro: esistono più ristoranti italiani all’estero che in tutta Italia. Ma sono pochi quelli che usano il marchio Italia onestamente: «La creazione del CPIC è anche l’occasione per sottolineare - continua il direttore dell’Academia Barilla - come molti prodotti, spacciati per nostrani, non siano realmente tali: su tutti il parmesan cheese, che non è Parmigiano Reggiano».
Della certificazione voluta ed istituita dall’ente cittadino non beneficeranno soltanto i singoli chef o ristoratori, ma l’intero indotto dell’enogastronomia: «A trarne vantaggio - conclude Zenti - sarà prima di tutto il turismo; il CPIC certifica come si mangia realmente in Italia».
La presentazione del nuovo programma di certificazione è stata preceduta da una giornata dedicata alla cucina italiana. Ha aperto i lavori una tavola rotonda con la stampa estera specializzata, dal titolo «Quale futuro per la cucina italiana nel mondo?»; poi  la dimostrazione pratica di due tra i più talentuosi cuochi stranieri, Angela Hartnett (chef patron al ristorante Murano di Londra; nonni originari di Bardi) e Yoshi Yamada (executive chef al ristorante Tempo di Londra).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0