-2°

Parma

Battaglia delle uova e tuffi nel laghetto: la scuola è finita - Ma al Marconi c'è chi le uova le ha portate alla mensa di Padre Lino

Battaglia delle uova e tuffi nel laghetto: la scuola è finita - Ma al Marconi c'è chi le uova le ha portate alla mensa di Padre Lino
Ricevi gratis le news
24

Uova, farina, acqua.... Viale Maria Luigia paralizzata (con le proteste degli automobilisti imbottigliati), via Costituente meno agitata che negli anni scorsi, qualche tuffo nel laghetto del Parco Ducale, un bel gesto di solidarietà....

E' la cronaca di una fine annunciata. Quella dell'anno scolastico, ormai da qualche anno caratterizzata da questo "rito". Chi alla vigilia aveva visto le nostre videointerviste nella rubrica La Vasca aveva potuto capire che, nonostante i divieti e le precauzioni di alcuni presidi, la "battaglia" delle uova ci sarebbe stata anche quest'anno.

Diciamo subito che non risultano incidenti particolari, e già questo è importante. E va anche aggiunto che polizia municipale e forze dell'ordine hanno discretamente vigilato sulla "cerimonia", per evitare che si degenerasse.

Poi, come sempre in questi casi, qualcuno ha un po' esagerato, così come qualcuno ha scelto festeggiamenti discutibili e forse poco salutari (ad esempio alcuni studenti si sono tuffati nel laghetto del Parco Ducale). Come sempre qualcuno si è lamentato (non del tutto a torto, se ci si mette nei panni degli automobilisti intrappolati nelle lunghe code in viale Maria Luigia). Qualcuno ha giocato d'anticipo: al Romagnosi la campanella è stata fatta suonare un po' prima. E alla fine la "battaglia" si è concentrata all'altezza del liceo Ulivi.

Un po' di movimento c'è stato anche davanti al Marconi in via della Costituente. Ma qui ci piace sottolineare soprattutto il gesto di quel gruppo di studenti che, una volta acquistate uova, farina e acqua, ha perferito portarle dove più potevano servire: alla mensa di Padre Lino. Per loro, l'anno scolastico si è davvero concluso con la lezione più bella.  E se proprio questa diventasse la nuova moda...?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • milo

    16 Giugno @ 13.04

    che tristezza....ma la cosa peggiore è che sono tutti giustificati a fare qualsiasi cosa...o perchè una cosa è già stata fatta o perchè non è mai stata fatta...gente che va a scuola a in pantoloni corti..."perchè c'è caldo" (eh già 10 anni fa invece non c'era caldo)...ma alla fine tutti hanno la spocchia di rispondere e perseguire quello che vogliono... che dire...?? in pieno stile qualinquista :" continuate a tirare le uova, a sporcare la città e a dare fastidio a chi della fine della scuola non gliene frega niente...continuate dovete divertirvi...e cmq troverete sicuramente una motivazione valida" questo è il paese delle motivazioni assurde...

    Rispondi

  • giacomo baiocchi

    13 Giugno @ 13.13

    Per rispondere a Maria dico che in via della costituente alle 11 si sono trovati studenti del marconi e di altre scuole. Scontato dire che di uova e farina se ne sono viste, ma molto MOLTO meno di come eravamo abituati gli altri anni. E' normale che qualche studente più esaltato c'è sempre. Ogni lamentela è lecita, ma considerare l'iniziativa come qualcosa di propagandistico e di facciata, beh... mi scappa da ridere.

    Rispondi

  • stefano

    13 Giugno @ 11.18

    Non era meglio una sana e rinfrescante battaglia a suon di gavettoni ( per i giovani disacculturati del giorno d'oggi : palloncini piccoli riempiti d'acqua !!!!! ), piuttosto che sprecare tanto ben di Dio ? Forse è troppo pretendere dai giovani attuali che altro non sanno fare se non ubriacarsi e combinarne di tutti i colori ,quando sono in libera uscita . Mi chiedo se sono così i giovani : " come sono i loro genitori e soprattutto le loro famiglie "??????

    Rispondi

  • guido campanini

    13 Giugno @ 09.25

    Il Dirigente di una scuola non ha il potere di perquisire zaini e zainetti, ma può vietarne l'ingresso a scuola (infatti io ho proibito di etnrare a scuola con zaini e borse, ovviamente sono entrati con libri e quaderni), né ha il potere di dare multe o fermare persone sulla pubblica via. Questo è il compito delle forze dell'ordine, chiamate per iscritto e per telefono dalla nostra scuola. Se le forze dell'ordine non intervengono, se qualche fotogiornalista addirittura incita i ragazzi a fare certi gesti per poterli immortalare con il proprio apparecchio fotografico, che cosa può fare il Dirigente scolastico? Può fare quello che ho fatto: evitare il più possibile che gli orari di uscita delle scuole coincidessero, fare accompagnare di persona le classi dai docenti ben lontano da viale Maria Luigia (ma se poi gli studenti tornano indietro, che cosa può fare la scuola?), sorvegliare gli ingressi e le uscite, cercare di fare in modo che davanti al cancello il "traffico pedonale" sia il più possibile normale. Rimane il discorso educativo, che facciamo e continuiamo a fare; però se alla scuola spetta educare, alle forze dell'ordine spetta intervenire ed eventualmente sanzionare i comportamenti che non rispettino le leggi. Il Dirigente scolastico del Liceo Romagnosi

    Rispondi

  • Matteo Ferrarini

    12 Giugno @ 23.17

    Sono ex (ormai molto ex) studente del Marconi, condivido tutti i commenti dei bacchettoni (salvo quelli che si preoccupano dei pedigree dei rampolli) e trovo scandaloso sia il qualunquismo dei ragazzi che non si preoccupano del "po' di farina" sia il tentativo del dirigente del Romagnosi di "tirare fuori" l'istituto dalla faccenda. A mio parere abbiamo fallito tutti (noi cittadini, noi famiglie e la scuola) se i ragazzi si divertono sprecando materie prime e imbrattando la pubblica via. Scopo e responsabilità della famiglia, di un educatore, della società, di un dirigente di un istituto è formare e sensibilizzare formando innanzitutto Cittadini e Uomini. La domanda che mi viene in mente, che vorrei rivolgere a tutti i dirigenti delle scuole è: visto che "di quel che accade sulla pubblica via non è responsabile la scuola né tantomeno il suo Dirigente", di cosa sono responsabili la scuola e i dirigenti scolastici?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biancanve

fiabe

Biancaneve, gli 80 anni della prima principessa Disney

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

13commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

7commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

sci

Sofia Goggia e' tornata, Hirscher gigante in Badia

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande