17°

Parma

Stradone: nuove zebre? Chi le vorrebbe e chi no

Stradone: nuove zebre? Chi le vorrebbe e chi no
Ricevi gratis le news
1

 David Vezzali

Niente strisce pedonali sullo Stradone? Ha fatto discutere molto, sul sito Internet della Gazzetta di Parma, quanto dichiarato dall’assessore comunale alla Viabilità e ai trasporti, Davide Mora, secondo cui il Comune non ha alcuna intenzione di realizzare un semaforo a chiamata pedonale a metà di viale Martiri della Libertà. Ecco il parere dell’assessore Mora sull'argomento, pubblicato nei giorni scorsi sulla Gazzetta. «E' una strada ad alto scorrimento, anche se non veloce, che proprio a metà ha il sottopasso pedonale all’altezza della Cittadella. Realizzare un semaforo a chiamata avrebbe l’effetto di creare lunghe code con benefici relativi per i pedoni. Al massimo si devono comunque percorrere 250 metri, visto che il sottopasso dista 500 metri dal semaforo di barriera Farini e mi sembra una distanza non impossibile».  
Il «popolo» di Internet si è diviso in favorevoli e contrari a nuove strisce pedonali lungo viale Martiri della Libertà, in aggiunta a quelle già esistenti ai semafori di barriera Farini e del Petitot e al sottopassaggio all’incrocio con via XXII Luglio. Per questioni di spazio ci limiteremo a tre pareri favorevoli a nuove strisce e tre contrari, aggiungendo un intervento che cita il Codice della strada.  
Cominciamo  dai favorevoli a nuove strisce. Fausta dice: «E chi abita in via XXII Luglio e desidera andare in Cittadella coi bambini, uno sul passeggino e l’altro per mano, come fa a scendere dalle scale del sottopasso? Coi bambini 500 metri sono tanti. Inoltre, il sottopasso è impraticabile, perchè troppo sporco e maleodorante. Se ci stanno i dossi in viale San Michele, perchè non ci possono stare anche sullo stradone con relativo passaggio pedonale?».  Dice Falco: «A proposito del sottopasso dello Stradone, la signora pone giustamente un problema, anche alla luce della sicurezza sia delle persone, del clima, dei malintenzionati. Io aggiungo: le risulta che quel sottopasso sia a norma per le persone diversamente abili? A me no». Anche Gigi chiede nuove strisce pedonali sullo Stradone, considerando che tutti gli altri viali della circonvallazione ne sono dotati in maggior quantità: «Se prendiamo in considerazione via Berenini, che è meno della metà dello Stradone, vi sono tre passaggi pedonali, se poi andiamo su viale Tanara ve ne sono cinque, per non parlare di viale Fratti (sette o otto), viale Piacenza (undici). Sono tutte strade  della vecchia circonvallazione e frequentate alla stregua dello Stradone; vogliamo ridurre la velocità in città oppure è un optional?».  
E' il turno,  ora, di chi è contrario a nuove strisce pedonali sullo Stradone. «Io sono concorde - scrive Alberto Alinovi - con quanto detto da Mora. Io credo che siano sufficienti i passaggi che già ci sono, dal semaforo e dal Petitot! Mi spiace notare che come sempre ci sono i "soliti" cittadini di parte a cui piace lamentarsi solo per partito preso! Ben vengano le critiche, ma che siano con cognizione di causa e che siano per il bene della città....... non per il solito ostruzionismo inutile!». Paolo è un altro contrario alle nuove zebre: «Concordo: niente strisce sullo stradone, mettere le strisce è un’istigazione al suicidio oppure mettere a rischio persone che si sentono talmente sicure sulle strisce che nemmeno guardano la strada quando attraversano. Ci sono ancora quelle strisce a metà fra il ponte e barriera Farini, e quando vedo uno che attraversa mi vengono i brividi. Non è una questione di fare le corse sullo Stradone: è che nelle strade a quattro corsie le strisce sono pericolosissime». Anche Betti è contraria: «Se anche mettessero la strisce pedonali sullo  Stradone, non mi azzarderei ad attraversare perché sarebbero troppo rischiose e mi meraviglia che una mamma con due bimbi le solleciti».   Un cittadino, che si firma Gta,  cita il Testo del codice della strada, art. 190 (Comportamento dei pedoni): «I pedoni, per attraversare la carreggiata, devono servirsi degli attraversamenti pedonali, dei sottopassaggi e dei sovrapassaggi. Quando questi non esistono, o distano più di cento metri dal punto di attraversamento, i pedoni possono attraversare la carreggiata solo in senso perpendicolare, con l’attenzione necessaria ad evitare situazioni di pericolo per sé o per altri».   L'ultimo intervento citato è «inquietante». Effettivamente, abbiamo verificato con attenzione ripetendo più volte il passaggio in auto con il contachilometri che misura le centinaia di metri: la distanza tra il semaforo del Petitot e il semaforo di barriera Farini è di circa 600 metri e il sottopassaggio si trova a metà strada tra i due semafori. Da ciò deriva che ci sono due «fasce» di diverse decine di metri in cui i pedoni possono attraversare lo Stradone in senso perpendicolare e con la massima attenzione perché non ci sono le strisce, e sono autorizzati a farlo perché strisce e sottopassaggio distano più di cento metri. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nocciola

    13 Giugno @ 18.35

    è assurdo, siamo nel 2011 e le mamme improvvisamente sentono l'impellente necessità di dover andare col passeggino aperto OVUNQUE, pure sul bus (che abitudine del cavolo. La tep dovrebbe vietarlo definitivamente)! Eppure 20-30 anni fa', che c'erano già passeggini e carrozzine, nessuno creava dei casi di Stato per queste cavolate! Le mamme i bimbi in cittadella ce li hanno sempre portati e non mi sembra che ci siano state stragi di bambini investiti sullo stradone o di madri morte per stenti e fatica nel trascinarsi dietro i pargoli. Pensano prima a se stesse e poi ai bambini (l'importante è che non rompano le scatole no?). Poi magari le stesse mamme che si preoccupano così tanto sono le stesse che caricano i due pargoli, uno davanti e uno di dietro, sulla bici e poi via a fare la gimcana tra le auto! Quello non è pericoloso vero? Certo oggi si preferisce tenerli seduti e legati fino ai 5 anni... Poi per carità esistono da anni i passeggini che si chiudono con una sola mano e quelli che, udite udite, hanno pure la piattaforma per far salire il fratellino grande e spingere due piccioni con una fava! Non creiamo problemi dal nulla! Il sottopasso è migliorabile: ci si mette il saliscendi per i disabili, un paio di videocamere e magari con l'uso assiduo diverrà più sicuro e meno puzzoso (non che quello dal ponte di mezzo sia profumato di violetta cmq).

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

27commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

storia

Inaugurato il monumento ai Paracadutisti della Folgore

FONTANELLATO

Al via le "Autorevoli cene" al Labirinto della Masone: focus con Massimo Spigaroli e Michela Murgia Ascolta

Le interviste sono state realizzate in diretta da Andrea Gatti su Radio Parma

economia

Approvata all'unanimità la fusione di Banca di Parma in Emil Banca

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro