21°

Parma

Tedeschi che arrivano a Parma. E se ne innamorano

Ricevi gratis le news
0

 Klaus Jager

I tedeschi a Parma. Nonostante sia stato il primo articolo che mi ha chiesto il direttore della Gazzetta di Parma Giuliano Molossi, è diventato l’ultimo che mi accingo a scrivere. Nel frattempo so che sono diverse decine i tedeschi che vivono a Parma. Peccato, però, che sia tutt’altro che facile scovarli. Cercare una sorta di comunità, o di ghetto dove i tedeschi se ne stanno tra di loro, è inutile. A quanto pare, non c’è. I tedeschi si sono perfettamente integrati con i parmigiani. In alcuni casi diventando quasi degli italiani al cento per cento.
Un esempio paradigmatico ne è il professor Gerhard Hassler. Questo docente di liceo di Freiburg nel Breisgau è approdato a Parma, in veste di insegnante, nel 1990. Dopo il tirocinio non aveva infatti trovato subito un lavoro e così si era deciso a fare un anno all’estero. Trovò come primo impiego quello di assistente alla facoltà di Lingue dell'Università di Parma. Passa un anno, ne passano due e, visto che in Germania continuava a non avere alcuna prospettiva di lavoro, Hassler decise di comperare dalla vedova del fondatore appena scomparso la «Leitmotiv London School». Un istituto dove oggi gli italiani possono imparare il tedesco, l’inglese, il francese, lo spagnolo, il portoghese, il giapponese, il cinese, il russo e l’arabo. Ogni corso impiega rigorosamente insegnanti di madrelingua. Ma nella scuola di Hassler ci sono anche corsi di italiano, il che rende il «prof» molto noto tra i tedeschi residenti a Parma. Nel corso degli anni poi, la scuola si è anche attestata come sede di esami del Goethe-Institut di Roma. Questo spiega perché Gerard Hassler sia un uomo molto impegnato: tocca a lui il ruolo di esaminatore di tedesco in tutte le scuole della città così come all’università.
La sua compagna è di Lucca. I figli sono nati e cresciuti in Italia. Ma ovviamente bilingue. E lui, come si sente dopo 21 anni trascorsi a Parma: tedesco o italiano? Io probabilmente avrei dei dubbi, lui nemmeno uno. «La mia patria resta Freiburg», risponde d’istinto questo signore oggi 50enne. «E immagino che continuerò a pensarla così, almeno fin tanto che ci sono i miei genitori». Il podere nell’angolo più a sudovest della Germania, il vino, il salame, la lingua, tutto questo – dice – è per me casa.
Hassler racconta che un nutrito gruppo di tedeschi lavora all’Agenzia  europea per la sicurezza alimentare (Efsa). E il motivo è presto detto. Fino a qualche anno fa, in Germania, esisteva il numero chiuso per la facoltà di Veterinaria. Uno sbarramento che si poteva però aggirare con un soggiorno di un anno all’estero. E l’Efsa, non ultima perché situata nell’Italia del nord, risultava perfetta allo scopo. «Il fatto è che poi molti non se ne sono più andati», aggiunge Hassler. 
Provo allora a mettermi in contatto con questi tedeschi. Ma di nuovo mi areno. Allora vado direttamente all’Efsa, parlo con l’ufficio stampa. Lì mi viene dato il numero di una collega che parla bene il tedesco e che, così vengo rassicurato, mi potrà sicuramente aiutare.  E invece mi viene semplicemente comunicato che fino al 5 giugno la stragrande maggioranza dei collaboratori è in vacanza. Così aspetto e solo a inizio settimana mi rimetto in moto. E di nuovo mi ritrovo subito fermo alla linea di partenza. La collega che cerco non c’è, mi viene detto, mentre un’altra mi chiede perché non scrivo semplicemente una mail.
 
Solo quando ormai sono quasi fuori tempo massimo mi viene fornito un elenco con i nomi di tre collaboratori disposti a incontrarmi. Prendo appuntamento con Vivian Abratzky, 43 anni, economista, lavora da tre anni nell’amministrazione dell’Efsa. Il suo contratto scadrà nel 2013. E Abratzky ha avuto grande fortuna, non a tutti viene offerto infatti un contratto quinquennale. Lei mi racconta la propria esperienza di enclave. All’Efsa di Parma lavorano 500 persone, di cui il 90 per cento stranieri. E questi costituiscono sì un’enclave a sé, anche se i motivi di questa «cittadella» hanno più a che fare con ragioni organizzative che altro. L’Efsa gestisce, infatti, anche una propria scuola e così come la propria associazione sportiva. Viviane Abratzky aggiunge: «Certo questo non facilità la conoscenza della città, il viverla. Qui molti collaboratori non hanno mai fatto conoscenza con un abitante di Parma». Ma ci sono ovviamente anche gli altri tedeschi, assolutamente integrati nel contesto cittadino, solo che questi non lavorano all’Efsa.
Detto ciò, non si può affatto dire che Viviane Abratzky trasmetta l’impressione di essere una «straniera». Abita in una villa anni Trenta nel quartiere Cittadella, un quartiere residenziale molto ben servito e di grande «charme». Il suo compagno, conosciuto anni fa a Torino sul lavoro, è di Parma, anche se ora lavora a Milano. Viviane Abratzky parla inoltre un italiano impeccabile,  l’ha studiato a fondo all’Università per gli stranieri di Siena. Tutto questo le facilita ovviamente la vita all’estero. Inoltre è una persona abituata a traslocare continuamente. Dopo l’università, Viviane Abratzky, che originaria di Colonia, ma con qualche radice anche a Dresda, ha lavorato inizialmente per l’Ue: a Rostock, una città che si affaccia sul Mar Baltico, ha lavorato come «city manager» a un progetto per la rivitalizzazione dei centri storici. «E’ così che sono finita nella scia della Ue» spiega. Sono seguiti lavori in altri paesi del Mar Baltico, poi è stata la volta di Torino, Bruxelles e Vienna, e infine è approdata nuovamente in Italia.
Ama questo paese? «Certo», replica, senza pensarci su nemmeno un secondo. «Anche se di tanto in tanto lo odio pure», aggiunge poi pensierosa. I diritti civici  vengono poco rispettati e il senso per la cosa pubblica è assai lacunoso. Queste le sue accuse alla società italiana.
Se alla domanda cosa le piace particolarmente di Parma risponde di getto –  «E’ una città ben organizzata, sia per quel che riguarda i servizi del Comune sia le infrastrutture. E ho trovato qui degli amici molto colti e molto aperti» –,  le ci vuole più tempo per indicare cosa le dà maggiormente fastidio. Poi però sorride e dice: «In un paese con un patrimonio culturale così impressionante, in una città dove il cibo, il gusto ha tanta importanza, dove ha sede l’Efsa, non capisco proprio come possano essersi insediati discount alimentari. Non capisco come la popolazione li abbia accettati». Parole dalle quali non si può non captare un pizzico di militanza per lo slow-food.
Vivere a Parma. A conti fatti anche per i tedeschi è tutto semplice. Me ne sono potuto rendere conto anch’io in questo breve lasso di tempo, tre settimane, che vi ho trascorso. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

19commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

1commento

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

6commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

1commento

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

5commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

1commento

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

Tg Parma

Affare Parma - Desports: la Cina apre gli investimenti esteri Video

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: 5 passi nel nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto