19°

Parma

Termovalorizzatore - GCR: scoprire gli abusi e porre i sigilli

Ricevi gratis le news
18

Termovalorizzatore - «Che siano messi in luce gli eventuali abusi e siano posti i sigilli se tali abusi sono riscontrati». A chiederlo è l'associazione Gestione corretta rifiuti, che con una nota interviene dopo la notizia di un esposto alla magistratura relativo alle autorizzazioni edilizie per il termovalorizzatore in costruzione a Ugozzolo. «L'opera non possiede concessione edilizia - osserva il comitato - in quanto così consente una legge regionale dell'Emilia Romagna. Ora delle due l'una. O l'opera è pubblica e quindi andava fatto un appalto per aggiudicare le opere (cosa che come si sa non è stata fatta). O l'opera non è pubblica e quindi la concessione edilizia è dovuta (e visto che non c'è, il cantiere va sigillato per non perpetrare l'abuso)».

L'associazione aggiunge di avere già segnalato la situazione alla polizia municipale, chiedendo le verifiche del caso.

Cittadella -  Oggi GCR ha inviato un comunicato sulla situazione della raccolta differenziata in Cittadella:

Differenziare in Cittadella

Un lettore ci chiede notizie sul nostro silenzio riguardo la situazione della raccolta differenziata domiciliare nel quartiere Cittadella.

Affrontiamo volentieri l'argomento, per dare il nostro personale contributo alle informazioni che circolano sull'argomento, non sempre corrette e lungimiranti.

Un corretto riciclo dei materiali inizia nelle nostre case, non vi è dubbio su questa affermazione.

Senza un apporto collaborativo dei cittadini la raccolta differenziata è destinata al fallimento.

I cittadini devono però essere accompagnati in questo cammino, per renderli consci del valore del loro contributo, e far loro toccar con mano i vantaggi.

La raccolta domiciliare è la chiave di volta di una corretta gestione dei rifiuti.

Anche se da sola non è sufficiente a raggiungere quelle performance necessarie a imprimere una svolta positiva e senza ritorno al sistema.

Vediamo di spiegarci per sommi capi.

I materiali devono essere differenziati intanto tra secco e umido. Ma questa pratica non può essere applicata solo ad alcuni cittadini e non ad altri, altrimenti il rischio è di creare cittadini di serie A e cittadini di serie B, dando anche l'impressione che si tratti non di una scelta definitiva e irrinunciabile ma di sperimentazioni senza certezze.

Ad esempio oggi il centro città è ancora scoperto sull'umido.

Mantenendo i flussi mischiati otteniamo un indifferenziato sporco, ingestibile, non differenziabile ulteriormente, una materia utile solo per il forno. E sappiamo che c'è chi apprezza questa situazione.

I cittadini devono avere poi l'opportunità di separare più frazioni possibili, tenendo però separato il vetro dalla plastica e dal barattolame, perché la densità è talmente diversa che mischiandoli causiamo un peggioramento qualitativo importante.

Andrebbe così introdotta anche la raccolta separata dei pannolini e dei pannoloni, altri materiali “difficili” che “sporcano” il nostro rifiuti secco.

Ma è sulla tariffa che si gioca l'asso decisivo per la buona riuscita del sistema.

Una tariffa che deve premiare chi ricicla e appesantire la bolletta di chi non lo fa.

Il cittadino virtuoso fa risparmiare soldi alla collettività: è giusto che a lui sia riconosciuto parte del risparmio ottenuto. Solo con la tariffa puntuale è possibile lo scatto verso la prevenzione dei rifiuti, che significa in soldoni diminuzione dei materiali da smaltire ed aumento delle frazioni riciclate.

Il comune di Parma è in grave ritardo sulla raccolta differenziata ed è l'anello debole del nostro territorio provinciale. Se una città come San Francisco è al 77% di raccolta differenziata tutte le scuse cadono di fronte a questo dato reale. E' possibile riciclare al meglio, basta volerlo.

Il comune di Parma che ritira premi di sostenibilità ha qualche anno fa dato il via all'iter amministrativo che ha portato al progetto dell'inceneritore, anche se l'autorizzazione è della Provincia, e sempre in quegli anni sosteneva un impianto ancora più grande.

Non da ultimo l'approccio dell'azienda che gestisce la raccolta è fondamentale.

Deve ragionare con la prospettiva del riciclo e non dello smaltimento: l'esatto contrario di quello che accade oggi.

Iren continua a mantenere un sistema che mischia modalità differenti a seconda dei contratti con i comuni, trita insieme organico, plastica e legno degli ortofrutta nonostate il comune di Parma da oltre un anno abbia annunciato una corretta selezione degli stessi materiali.

Addirittura Iren dice bugie in una trasmissione televisiva ostentando un dato falso, senza che nessuno ponga rimedio e si opponga a questa manipolazione della realtà.

Ma nel quartiere Cittadella abbiamo assistito a un comportamento ben peggiore.

La minoranza del Pd che cavalca la protesta dei cittadini finalizzandola ad un tornaconto politico, invece che sostenere la differenziata proponendo correttivi o stimoli al confronto ed al dialogo.

Ma il Pd fa la voce grossa quando può, ma tace su temi ben più importanti come l'inceneritore.

Perché alla fine, scusate, chissenefrega della differenziata se scopro che Iren grufolerà nel cassonetto giallo togliendo la maggiorparte della plastica che i cittadini hanno differenziato per gettarla nel forno?

Capite come questa situazione di cui nessuno parla gridi vendetta?

Oggi Parma Civica sollecita la modifica dell'Autorizzazione Ambientale Integrata per chiarire la provenienza dei rifiuti senza se e senza ma. Ha fatto bene e sottolineiamo ancora una volta che se la Provincia non ha nulla da nascondere sia facile e veloce spendere due righe per rassicurare i cittadini, che tranquilli non sono.

Ma il comune deve anche fare chiarezza sulla concessione edilizia, che ieri è stata messa in discussione da un esposto in Procura. Non possiamo aggiungere altre ombre al progetto.

Ma anche sulla plastica sarebbe tempo di fare chiarezza a la stessa Parma Civica potrebbe approfondire questi aspetti senza lasciare spazio ai furbetti del momento.

E sui fanghi stesso discorso

Si tratta di due materiali che possono essere riciclati senza danno ad ambiente e persone e che invece si intendono bruciare a Ugozzolo perché costano zero e rendono molto.

L'avidità travolge anche il diritto alla salute sancito dall'articolo 32 della Costituzione?

Al Cittadella è senz'altro mancata una approfondita opera di informazione, sensibilizzazione, spiegazione dei vantaggi di questa modalità di operare. Ma sono manchevolezze recuperabili, ed anche il Gcr aveva a suo tempo dato la sua disponibilità a fare una corretta informazione nei quartieri.

Sono le nostre mani a indicare quale futuro avrà il nostro territorio.

Le stesse mani che possono favorire il riciclo dei materiali o renderlo impossibile.

Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma - GCR

Parma, 23 giugno 2011

-318 giorni all'avvio dell'inceneritore di Parma, ORA lo possiamo fermare.

+388 giorni dalla richiesta a Iren del Piano Economico Finanziario del Pai, forse perché l'inceneritore costa 315 milioni di euro?

+66 giorni dal lancio di Boicottiren: http://tinyurl.com/boicottiren

Aderisci anche tu: boicotta Iren, digli che non finanzierai un euro dell'inceneritore di Parma

Associazione Gestione Corretta Rifiuti  e Risorse di  Parma - GCR
Via Zaniboni 1 - Parma
Skype gestionecorrettarifiuti
www.gestionecorrettarifiuti.it
gestionecorrettarifiuti@gmail.com

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Davide C.

    24 Giugno @ 16.50

    Caro Roberto, arresto non significa condanna. Sicuro che la magistratura non sbagli mai? A me risulta il contrario, sia per quanto riguarda le condanne che le assoluzioni. Iren gestisce anche i termovalorizzatori di Piacenza e Reggio Emilia dove non c'è mai stato alcun problema. Perchè si protesta sempre e solo a Parma quando di termovalorizzatori nella Regione Emilia-Romagna ne esiste uno in ogni capoluogo di provincia?

    Rispondi

  • Roberto

    24 Giugno @ 13.17

    Caro Davide,visto che oggi è stato arrestato il direttore di IREN a Parma, che possibilità ci sono che l'inceneritore sarà costruito al servizio dei cittadini e non a scopo di lucro? La risposta la conosciamo tutti. I cittadini sono ormai esasperati e stanchi delle mancate risposte. Signor sindaco cosa ha intenzione di fare adesso???!!!

    Rispondi

  • riccardo

    23 Giugno @ 18.48

    Questo articolo dovrebbe campeggiare in prima pagina, altro che bambini in panchina, o il sequestro di 2 piantine di marijuana. La notizia c'era già ieri ma nulla è apparso....anche su repubblica stessa cosa..

    Rispondi

  • Davide C.

    23 Giugno @ 18.17

    Nella speranza però che sia dato lo stesso spazio a chi pensa che quelli della GCR non hanno ragione per forza. Non ho mai trovato in nessuno dei loro comunicati o nel loro sito un qualcosa che mi convincesse potessero aver ragione per quanto riguarda il termovalorizzatore.

    Rispondi

  • Lorenzo

    23 Giugno @ 17.46

    Concordo con Yatta e con Claudio. Ci vuole più spazio a notizie del genere: non un articolino a fondo pagina che sparisce il più delle volte, durante la giornata stessa. La prima pagina è importante per notizie del genere, riguardanti la salute di tutti noi! Concordo anche con Gino: ma una bella indagine giornalistica, no? E poi... non chiamatelo termovalorizzatore: cosa valorizza? L'ambiente? La salute? I materiali che potrebbero essere recuperati? Meglio inceneritore... è meno ipocrita!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

TUTTAPARMA

Le «sóri caplón'ni», angeli in corsia

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

COMUNE

Guerra: «Capitale della cultura, ecco perché possiamo farcela»

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro