-2°

Parma

"Mio figlio malato e i cattivi maestri"

"Mio figlio malato e i cattivi maestri"
Ricevi gratis le news
0

La droga non come causa dei problemi del suo ragazzo, ma come conseguenza di altri problemi. Gravi (e decennali) difficoltà di ordine psichiatrico, che non sono state affrontate con cure adeguate e di fronte alle quali un'intera famiglia si è sentita abbandonata, sola. In una lunga lettera-sfogo al direttore, la mamma del 33enne arrestato mercoledì sera dai carabinieri, dopo che nella sua mansarda erano state scoperte 17 piantine di marijuana, spiega il dramma suo e del figlio. Precisa alcuni aspetti e spiega retroscena che permettono di avere un'altra prospettiva della vicenda. Innanzitutto, la madre rivela di essere stata lei stessa a segnalare ai carabinieri la «serra» fuorilegge nel sottotetto. Una denuncia che suona come una disperata richiesta d'aiuto.
«Ma io - scrive la donna -  non ero la sola a sapere della piantagione domestica di mio figlio. A questo proposito, vorrei sottolineare un altro risvolto della notizia, che mi sembra più importante,  perché chiama in causa il modo in cui la nostra società procede alla riabilitazione dei suoi membri in difficoltà.  Mio figlio è affetto da gravi problematiche e, per questo, seguito, con scarsi risultati,  dai servizi pubblici. Quello che in tutti questi anni mi ha sempre meravigliata è il fatto che in questo campo sia concesso agli operatori di agire in totale autonomia, senza che venga chiesto loro di giustificare il proprio operato né tantomeno di valutarlo secondo criteri di oggettività. Questo dovrebbe essere tanto  più vero quanto più il caso è difficile». «Prendiamo l’esempio di mio figlio: due anni fa - prosegue la donna - lo psichiatra che lo ha in cura decide che l’interdizione potrebbe facilitare un “serio progetto terapeutico”. Al paziente si lascia credere che l’iniziativa sia della madre, con evidenti conseguenze sul nostro rapporto privato. La sottoscritta incassa, come incassa le vedute lassiste dello psichiatra, malgrado le sembrino più nocive che proficue. A seguito dell’interdizione, tutta la famiglia è tagliata fuori dal percorso riabilitativo di mio figlio (mi è stato addirittura proibito di andare a casa sua), passato interamente nelle  mani del tutore e del protutore, esponenti di punta nel campo socio-sanitario. Conclusione: il ragazzo non è stato minimamente controllato né curato. Le suppliche della famiglia per cambiare metodo di cura, più restrittivo, sono rimaste inascoltate e la situazione, prima di tutto psichica, è andata degenerando. Naturalmente quella tossicologica è seguita a ruota». «Siccome al ragazzo non era prescritta nessuna terapia farmacologica precisa, la droga si occupava di riempire il vuoto. E’ di fronte all’accettazione supina di tale stato di cose che ho deciso di intervenire. Adesso mio figlio si rende conto che il suo non è un semplice uso personale e forse troverà il tempo per riflettere sulla strada senza uscita che aveva imboccato.  Tuttavia, la foto sul giornale non doveva essere la sua, ma quella dei cattivi maestri, senza professionalità, che sapevano e non sono mai intervenuti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

calcio

Il Parma s'accontenta

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

1commento

Gara

La grande sfida degli anolini

1commento

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

5commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

SPORT

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

SOCIETA'

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande