12°

22°

Parma

Lapide per Salò, la Valdrè: basta odio, serve pietas

Lapide per Salò, la Valdrè: basta odio, serve pietas
Ricevi gratis le news
27

Sul caso della lapide posta alla Villetta per ricordare i caduti della Repubblica di Salò, è intervenuta con una nota scritta la consigliera comunale di Impegno per Parma, Maria Vittoria Valdrè. «Dopo ripetute proteste sul di ritto di asilo al cimitero della Villetta della lapide che ricorda i caduti e i dispersi della Repubblica sociale Italiana (1943-1946), sorge una triste e amara riflessione: sono passati più di 65 anni ed ancora ci si impegna a mantenere vivo l'odio!» «Credo che altro debba essere la funzione di una associazione quale è l'Anpi, - continua Maria Vittoria Valdrè - quella di onorare ed esaltare il sacrificio di coloro che hanno combattuto e che sono morti per una causa giusta, perché ci hanno liberato dalla dittatura e ci hanno consegnato alla Democrazia». «Accanto a costoro tuttavia - prosegue la consigliera comunale - possono e devono stare anche quei giovani che hanno perso la vita nella certezza di compiere il loro dovere verso la Patria e che pertanto meritano il rispetto de gli uomini giusti: vicinanza que sta che onora la Pietas e che soprattutto conferma la tradizione di una generosa comunità cittadina che voglia porsi da esempio per i giovani». Infine, la Valdrè conclude: «La pace eterna stenda una coltre pietosa su passioni ideali, sofferenze: questo silenzio non va turbato da grida, inutili per i morti e dannose per i vivi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Massimo

    28 Giugno @ 22.42

    E allora onoriamo i caduti dell'esercito nazista, soprattutto le SS, perchè anche loro lottavano per i loro ideali di una "grande patria"; onoriamo allora le milizie serbe e corate che nella ex-Jugoslavia hanno causato tanti massacri, perchè anche loro lottavano per una "grande patria", altissimo ideale per loro; e onoriamo anche i caduti delle guerre coloniali, chi massacrava per il "diritto a essere superiori". ma non si vergogna questa donna? l'odio che ancora è in chi difende i valori democratici e antifascist non è per persone morte, ma per idee stupide e criminali che ancora portate avanti, dopo tutti questi decenni; il nostro odio è per la stupidità umana che non finisce mai, non per delle persone, vive o morte che siano.

    Rispondi

  • Nicola Martini

    27 Giugno @ 19.06

    Egr. Sig. Carlo G. (commento h. 10.19), le do ragione sul fatto che oggi sia facile fare distinzioni trancianti, sopratutto senza aver vissuto le tragedie insite negli eventi bellici tra il '40 ed il '45. Durante la Seconda Guerra Mondiale le circostanze di vita erano ben diverse da quelle attuali e ci si poteva trovare da una parte o dall'altra a seconda della zona in cui si aveva la fortuna/sfortuna di abitare, pertanto anche a seconda del caso. Senza alcun intento polemico, però, da persona che ama le materie storiche e che le studia da una quindicina d'anni, sebbene per puro interesse personale, mi permetto di fare una distinzione tra chi combatté per la repubblica sociale e chi decise di prendere la via delle montagne per unirsi alla Resistenza. Dalla Resistenza e da chi ha sacrificato la propria vita per gli ideali da essa propugnati è nata, per quanto imperfetta, beninteso, una Democrazia che permette il diritto di parola e di pensiero. Chi perse la vita sotto la bandiera di Salò, stato fantoccio asservito al nazismo in contrasto col legittimo Governo di Roma, cercò di perpetuare una dittatura decisamente spietata. A distanza di molti anni da quei tragici eventi, laceranti per l'intero Paese, alcuni cercano di far passare concetti revisionisti secondo cui tutti erano uguali e si comportavano con il medesimo modus operandi e per fini simili. Ciò non è rispondente a realtà. Le distinzioni di allora valgono ancora oggi e questo, quantomeno, perché gli Alleati e la Resistenza italiana ci hanno permesso di vivere in Democrazia. Proprio per questo motivo ritengo che non sia il caso di creare targhe commemorative collettive, in quanto il ricordo del defunto (peraltro legittimo) si mischia inevitabilmente con quello dell'organizzazione politico di cui esso faceva parte. Questo è il mio modo di pensare, per giusto o sbagliato che sia, ed essendo una opinione è per definizione opinabile. Auspico, comunque, che in futuro si riesca a superare quelle divisioni che per troppo tempo hanno tenuto su barricate distinte l'intero Paese.

    Rispondi

  • Francesco

    27 Giugno @ 18.46

    Visto che ci sono i cippi e le lapidi per i banditi e/o partigiani, come dir si voglia, ad ogni angolo della provincia, mi sembra giustissimo che ci sia una Lapide anche per i Caduti di Salò. Basta con i due pesi e le due misure. Ricordiamo tutti i nostri Caduti, cominciando proprio da Don Giuseppe Violi, Parroco di S.Lucia di Medesano, ucciso per strada e alle spalle, dall'odio comunista e gappista!

    Rispondi

  • federicaJacobo

    27 Giugno @ 18.31

    xcantadori-........io non odio nessuno però.........bella premessa, anch'io faccio un giudizio politico ricordando che la maggior parte dei partigiani erano comunisti e non è che combattessero proprio per la la libertà e la democrazia come si è visto nell'immediato dopoguerra, quindi il problema resta solo di bassa speculazione politica a cui lei evidentemente si associa.Una lapide (senza simboli di regime o frasi oltraggiose o qualsivoglia provocazione..sic!) vuole solo essere un luogo per i parenti dove depositare un fiore, visto che molti di quei caduti non hanno mai avuto una tomba, tutto qui....

    Rispondi

  • marco

    27 Giugno @ 12.45

    Adesso la lapide ai repubblichini... Via Tito esiste da vent'anni... il comune di Parma onora i fucilatori di italiani... da qualsiasi parte PROVENGANO !!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

SERIE B

Parma, batti un colpo

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: si vota per la finale

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

6commenti

Anteprima Gazzetta

Caso Florentina: la procura chiede l'archiviazione per Devincenzi

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

LECCE

Bimbo di due anni muore schiacciato dal televisore

SPORT

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

F1 GP USA

Libere: domina Hamilton. Vettel (terzo) gira poco

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: