-0°

12°

Parma

Niente numero legale, "salta" il Consiglio. Protesta in piazza contro Vignali: scontri con le forze dell'ordine

Niente numero legale, "salta" il Consiglio. Protesta in piazza contro Vignali: scontri con le forze dell'ordine
Ricevi gratis le news
77

Il Consiglio comunale è «saltato» subito dopo la discussione di alcune interpellanze iniziali. E' mancato il numero legale: hanno risposto all'appello 17 persone su 41. C'erano il sindaco Pietro Vignali, i consiglieri dell'Udc, il consigliere Carmelo La Mantia; sui banchi dell'opposizione sedeva soltanto Marco Ablondi (Prc), mentre gli altri gruppi hanno fatto sapere di non voler garantire il numero legale se non sarà la maggioranza a farlo.
Nella maggioranza non si sono presentati 9 consiglieri; alcuni sono arrivati quando il Consiglio era già stato annullato per mancanza del numero legale. Il capogruppo Zannoni ha parlato anche di "problemi di parcheggio" per chi stava arrivando.

VIDEO - Le immagini del Consiglio e le interviste

L'UDC FORMA UN GRUPPO AUTONOMO. Stefano Libè, Matteo Agoletti e Pagliani da oggi formano un gruppo consiliare autonomo e, come annunciato ieri dal partito, su ogni delibera decideranno in piena autonomia rispetto alla maggioranza.

IL PD: "SI' AL DIALOGO SOLTANTO SE IL SINDACO SI DIMETTE". Guarda la video-intervista a Pagliari di Tv Parma

PIAZZA BLINDATA: CENTINAIA DI MANIFESTANTI SOTTO I PORTICI DEL GRANO. Le forze dell'ordine presidiano l'ingresso del municipio e piazza Garibaldi, dove per le 17 si sono dati appuntamento gli "Indignati" di Parma per una protesta contro la giunta Vignali (sono arrivate in piazza almeno 500 persone con cartelli e striscioni). Scene inusuali all'ingresso del palazzo municipale, polizia e carabinieri controllavano le borse e i documenti di chi voleva entrare; in piazza ci sono anche carabinieri in tenuta antisommossa.
Piazza Garibaldi è gremita: c'è una forte protesta. Ci sono numerosi striscioni; c'è chi porta rose ai passanti e agli assessori (in riferimento ai prezzi dei fiori sul Lungoparma); qualcuno è vestito come la Banda Bassotti. Altri hanno portato in piazza sacchetti dell'immondizia con sopra il simbolo dell'euro.
Poco dopo le 18 un gruppo di giovani ha tentato di entrare nel palazzo comunale da un ingresso secondario e c'è stata una breve carica delle forze dell’ordine. Pochi ragazzi sono rimasti comunque in un cortile interno e i carabinieri li hanno energicamente riportati fuori.
Ore 20,30 - E' tornata alla normalità la situazione all’esterno del municipio. Dopo una carica da parte dei carabinieri, c'è stato un fitto lancio di uova all’indirizzo delle forze dell’ordine ma attorno alle 20 la zona si era completamente svuotata.
Per giovedì mattina è stata fissata una nuova manifestazione in piazza Garibaldi, sempre sotto il municipio, con una lenzuolata di protesta.

MARINI: "IL COMMISSARIAMENTO SAREBBE UN DISASTRO PER IL COMUNE". Mario Marini ha spiegato questa mattina le ragioni del suo incarico alla guida dell'assessorato alla Cultura.
«In questo momento - ha detto Marini - un commissariamento (del Comune, ndr) fermerebbe la città, le opere in corso, le opportunità di lavoro per imprese e persone». In un Comune commissariato aumenterebbero le tariffe, secondo Marini, che aggiunge: «Sarebbe un disastro in un momento in cui un welfare responsabile sostiene il peso di tante famiglie in crisi».
Leggi l'intervento completo nel file .pdf in fondo a questo articolo.

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE A QUESTA MATTINA. La giunta perde i pezzi. Sbattono la porta l'assessore alla cultura Luca Sommi e l'assessore alle politiche abitative Giuseppe Pellacini. L'avvio di una frana che Pietro Vignali prova ad arginare con quello che a tutti gli effetti è un rimpasto lampo. La
prima delega è affidata a Mario Marini. L'altra rimane nelle mani del sindaco.

Le dimissioni di Sommi sono arrivate a sorpresa in mattinata: «Sono indignato per quanto successo». Sono le dimissioni di un tecnico, slegato da appartenenze partitiche, e che dunque non andranno a colpire gli equilibri dell'amministrazione. Previste e tutte politiche, invece, le dimissioni di Pellacini, in quota all'Udc che spiega: «Lascio e chiedo al Comune il risanamento dei conti». La sua decisione è stata presa in accordo con il partito: è il primo segnale che l'Udc spedisce a Vignali. Il secondo, se non arriveranno
le risposte attese, sarà l'uscita dalla maggioranza dei tre consiglieri centristi. Per ora l'Udc garantisce un «sottile» appoggio
esterno alla giunta Vignali. Ieri il sindaco è rimasto nel suo ufficio per buona parte della giornata. Ha incontrato alcuni assessori e esponenti politici. Poi se ne è andato senza rilasciare dichiarazioni: sembrava che il suo pensiero potesse essere affidato a una lettera aperta alla città che non è arrivata. Prevale - questo sarebbe il pensiero di Vignali - la scelta di continuare il mandato per terminare opere in via di completamento, risanare il bilancio di Stt ed evitare che il commissariamento congeli i pagamenti ai fornitori.

Nel primo pomeriggio, in Municipio, si è visto anche il direttore generale del Comune Carlo Frateschi. Proprio sul suo futuro si gioca la tregua all'interno della maggioranza: sarà rimosso?
Tutte le informazioni sulla Gazzetta di Parma in edicola, con articoli di Georgia Azzali, Marco Federici,  Gian Luca Zurlini, Margherita Portelli

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marco

    30 Giugno @ 08.18

    @GIANLUCA: Condivido!

    Rispondi

  • gianluca

    29 Giugno @ 21.57

    SIAMO AL CAPOLINEA, CHE DISASTRO. E ORA.......................LA COLPA DI CHI SARA'. FORSE DEGLI EXTRATERRESTRI, FORSE DI PAPERINO. MA NON SARA' FORSE COLPA DEI SOLITI COMUNISTI MENAGRAMO? SE LOR SIGNORI HANNO UN BRIVIDO DI ONESTA' DIMISSIONI........ IMMEDIATE..... E LA MAGISTRATURA FACCIA IL SUO CORSO INDAGHI E PUNISCA I RESPONSABILI DEL DISASTRO. CHE SCHIFO..... P.S. MANIFESTARE IL DISSENSO IN FORMA CIVILE E PREVISTO DALLA COSTITUZIONE. FORSE IL SINDACO E LOR SIGNORI NON LO SANNO. PREFERISCONO I MANGANELLI DELLE FORZE DELL'ORDINE.PER DISPERDERE I MANIFESTANTI DISSIDENTI........

    Rispondi

  • Angioldo

    29 Giugno @ 17.47

    Enrico Bondi commissario prefettizio subito, la gente ha bisogno di una persona capace e credibile, ovviamente va cercata fuori dal solito GIRO!!

    Rispondi

  • Silvio

    29 Giugno @ 15.58

    C'è giusto giusto disponibile Enrico Bondi per rimettere in piedi la città. Forse non esiste scelta più azzeccata. Colui il quale dopo aver risanato Parmalat ha commiatato gli azionisti andandosene via con una Fiat Panda. Il commissariamento è vergognoso solo per coloro che legati all'immagine di Parma "perfettina" non riescono a guardare le scempiezze di questi anni e fanno finta di non vedere gli errori commessi. La "politica-immagine" legata al centro-destra è come nascondere la polvere di casa sotto il tappeto. Prima o poi ci sovrasterà. A certi livelli il "non sapere" è indice di colpevolezza alla strenua del "far finta di nulla". Essendo in un paese democratico, se una città non crede più nel proprio sindaco è indice di intelligenza e buona creanza dare le dimissioni. Sono caduti anche Re e Regine di fronte ad un popolo in subbuglio... non ascoltarlo non può che inferocirlo ulteriormente. Saluti, S.N.

    Rispondi

  • paolo

    29 Giugno @ 13.08

    dalle riprese televisive di tv parma NON sembra che i dimostranti abbiano usato violenza. la carica della polizia è parsa decisamente ... esagerata ed inutile. chi l'ha comandata ??

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Incidente Corcagnano

Incidente

Pedone investito a Corcagnano sulla Massese: 15enne in gravi condizioni

protezione civile

L'Enza fa paura: il ponte di Sorbolo resterà chiuso fino a domani (Paura a Vignale: il video)

4commenti

autostrada

Auto si capovolge in A1 a Campegine: conducente illeso Foto

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

squadra mobile

Vicofertile, quattro kg di droga in casa del pusher "impenitente" Video

2commenti

legambiente

La Brescia-Parma tra le peggiori linee ferroviarie d'Italia con la Circumvesuviana e l'Agrigento-Palermo

1commento

ieri sera

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

26commenti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

4commenti

GAZZAFUN

Dagli ex alle coppe vinte: 10 quiz per sapere tutto del Parma

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

1commento

tg parma

Guerra: "Per Fedez nessuna location bocciata. In settimana l'annuncio"

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

1commento

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

sos animali

Sospetto avvelenamento di un cane in Cittadella

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Rimpatriata

Caro, vecchio quartiere Marchi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

sondrio

Passanti travolti al mercatino di Natale: "Ne dovevo uccidere di più"

birmania

Metodici stupri dell'esercito sulle donne Rohingya: l'indagine dell'Ap Le foto-simbolo

1commento

SPORT

Basket

Pugno all'avversaria: cestista squalificata per tre mesi

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

cultura

L’Arabia Saudita riaprirà i cinema dal prossimo anno, dopo oltre 35 anni

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS