-2°

Parma

Vignali scrive alla città: "Nel 2012 non mi ricandiderò ma oggi non posso lasciare"

Vignali scrive alla città: "Nel 2012 non mi ricandiderò ma oggi non posso lasciare"
Ricevi gratis le news
86

La lettera aperta del sindaco Pietro Vignali alla città: 

Sento il dovere in queste ore, dopo i fatti che hanno scosso e sbigottito tutti noi, di rivolgermi ai parmigiani per dire che considero in dirittura d’arrivo la mia vicenda di amministratore di questa città: nel 2012 non mi ricandiderò alla carica di sindaco.
Ne sono profondamente addolorato.
Essere sindaco, però non è soltanto un onore, ma anche una grande responsabilità a cui non intendo sottrarmi e lasciare oggi senza guida questa città avrebbe conseguenze gravissime.
Se rimango ancora in carica, non è per l’attaccamento alla poltrona o per la mia carriera politica, ma soltanto per ottenere i finanziamenti e approvare i piani industriali che sono necessari per pagare le imprese, per non lasciare a metà i cantieri di opere fondamentali su cui sono stati già spesi milioni di euro, per mettere definitivamente in sicurezza il sistema delle società partecipate. Diversamente tutto questo sarebbe a rischio.
Sto parlando di pochi passaggi amministrativi che sono il frutto di un lunghissimo lavoro con le banche, con il territorio, con il Governo, che sarebbe irresponsabile abbandonare ora.
Lasciare oggi sarebbe la soluzione più facile, almeno personalmente. Ma la peggiore per la città.
Spero che tutti, la città, il Consiglio Comunale, la maggioranza e l’opposizione, lo comprendano.
La mia maggioranza ha dato indicazioni precise e responsabili in questo senso, sottolineando la necessità di un percorso condiviso con le forze sociali ed economiche e con la stessa opposizione consiliare. Esiste la loro disponibilità a condividere un’agenda di fondamentali priorità?
Certo, non avrei mai pensato di dover dire queste parole per parlare della mia esperienza di amministratore.
Un’esperienza che ha assorbito completamente più di dieci anni della mia vita.
Ci ho messo anima e corpo, tutto il mio impegno, tutte le mie capacità prima come assessore e poi come sindaco. Lo voglio dire: non mi sono risparmiato, e sono convinto di aver anche lavorato bene.
Ci siamo trovati in mezzo al fiume mentre arrivava la piena di una crisi economia pesantissima, con le finanze pubbliche svuotate, in uno scenario politico sempre più deteriorato. Ma con le famiglie e le imprese che guardavano a noi per essere aiutate e sostenute.
Allora mi sono reso conto che era necessario invertire la rotta, che quell’idea di città che avevamo tutti perseguita, non era più sostenibile in un mondo completamente cambiato. Innanzitutto mi sono reso conto che era impossibile realizzare la metropolitana, e che era molto difficile, ma ormai imprescindibile, riprendere il controllo di una mole di investimenti che il Comune aveva già programmato negli anni precedenti la crisi, ma che rischiavano, in questo nuovo contesto, di trascinare come una zavorra il Comune a fondo.
Nonostante quello che si continua a dire la situazione finanziaria del Comune, di STT, Parma Infrastrutture sono sotto controllo. Manca solo l’ultimo passo.
Ci sono stati errori? Certamente sì. I fatti di questi giorni lo dimostrano.
Non ne sapevo nulla e ho provato a dirlo alla città.
Ma mi rendo conto che oggi c’è il rischio che si faccia di tutta l’erba un fascio, e che quindi sia lesa la credibilità dell’intera Amministrazione, e compromesso il lavoro della mia giunta e dei dipendenti di questo Comune che in questi anni hanno lavorato tanto e bene.
Meritano la gratitudine mia e della città.
Ritengo pertanto che sia giusto fare un passo indietro, ma non scappare davanti alle responsabilità.
La città era in mezzo a un guado pericoloso, ora siamo a un passo dalla riva. Voglio portarla su quella riva, poi lascerò.

Pietro Vignali
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Lamierino zigrinato

    10 Febbraio @ 01.13

    Rileggere oggi questi commenti e vedere la veemenza di certi utenti permette capire perché Parma è finita così male. L'interesse personale e gli egoismi valgono - ancora oggi - molto più degli interessi dei molti o, per meglio dire, di tutti.

    Rispondi

  • www.gazzettadiparma.it

    29 Giugno @ 15.25

    @ FRAMBO: Non pubblichiamo "solo i commenti contro", come dice lei, ma ogni commento che arriva, purché non sia diffamatorio o offensivo (anche verso altri lettori). Nei vari articoli sulla vicenda potrà trovare commenti di tutti i generi.

    Rispondi

  • roberto

    29 Giugno @ 14.09

    BRAVO !!!! Sai come le avresti vinte le elezioni del 2012 !!!!! Ma com ha fatto a fare politica fino ad oggi un simile individuo! Si lggesse almeno Machiavelli una volta nella vita ! Ah... Già... con la testa che ha forse non o avrebbe caito .....

    Rispondi

  • Valeria

    29 Giugno @ 13.29

    Per signor Norino 28/06/2011 ore 20,08: non vorrei, ma so che lei ha proprio ragione , purtroppo! E tutti onesti allo stesso modo e noi a far sacrifici per arrivare a fine mese a per cercare di dare un futuro ai nostri figli! (che sono quelli che dovrebbero andare al mercato alle cinque del mattino a lavorare! Ma ci andassero i nostri politici e tutti i loro parenti!). Ed è inutile recriminare su Vendola non si è dimesso per cui nemmeno Vignali deve dimettersi. Tutti devono andarsene, quando sono disonesti non importa il colore!

    Rispondi

    • Andrea Bruschi

      29 Giugno @ 15.27

      Secondo me è un atto di coraggio rimanere per finire la legislatura e mettere a posto i conti del Comune. Sarebbe molto più facile ma irresponsabile fare come l'assessore Sommi di tirarsi fuori per fare la figura di quello pulito. Non sto dicendo di non essere sdegnato dall'accaduto, ma mi sembra più responsabile metterci la faccia fino in fondo che cercare di uscirne per far finta di non centrare con l'amministrazione.

      Rispondi

  • Ginko

    29 Giugno @ 12.58

    In questi giorni, sono state scritte e dette tante parole.Tutte uguali, sempre le stesse cose.Mai proposte costruttive, solo chiacchere al vento e inutili. E' facile dire al Sindaco di dimettersi, facile e comodo per qualcuno.Più difficile restare e andare avanti. Signor Sindaco, faccia piazza pulita, e tolga di mezzo tutte le persone che hanno operato in modo errato, faccia controllare anche le altre aziende dove il Comune di Parma ha voce in capitolo(TEP;IREN ecc), si liberi di dirigenti poco affidabili e disonesti, ma LEI RIMANGA, faccia vedere a tutti la persona che è. Io sono convinto che può farcela, e che potrà dimostrare a tutti di essere un OTTIMO SINDACO. Grazie per tutto quello che ha fatto per Parma. Vi ricordate come era prima?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi in centro: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere fuori servizio

1commento

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

20commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa