12°

Parma

Dal Senegal a Parma per un training fomativo

Dal Senegal a Parma per un training fomativo
Ricevi gratis le news
0

Hanno 17 e 19 anni, aspirano a diventare dottoresse e sognano un Africa dove “si raggiunga la parità tra uomini e donne, perché anche le donne hanno un ruolo importante nella società. Possono e devono lavorare: hanno mente aperta e sanno produrre idee diverse da quelle degli uomini”. Ndèye Bineta Mbaye e Mame Diara Mbaaye sono due ragazze senegalesi arrivate a Parma per frequentare, fino al 7 luglio, un training formativo nell’ambito del progetto “Terre e salute, interventi di prevenzione dell'esodo rurale nei villaggi del Senegal con una mediazione al femminile”. Al termine delle due settimane in città, le due ragazze torneranno nel loro villaggio, a Pire, e questa volta in veste di formatrici, per insegnare alle altre donne ciò che hanno appreso: da come potenziare e gestire le attività di un’associazione a come organizzare progetti generatori di reddito.
Pire è un villaggio rurale nel nord del Senegal, caratterizzato da una forte emigrazione maschile verso l’Europa e verso le grandi città africane. Un’emigrazione massiccia che ha spinto le donne a organizzarsi in numerose associazioni, riunite nella “Federazione dei gruppi femminili”: una realtà di stimolo e di coordinamento della piccola imprenditoria femminile.
Questa mattina Bineta e Diara sono state accolte in Provincia dall’assessore provinciale alle Pari opportunità Marcella Saccani. “Le ragazze sono venute qui a imparare per produrre sviluppo e generare reddito nel loro villaggio, a conferma che sono proprio le donne il motore dell’Africa – ha detto l’assessore Marcella Saccani -. Non a caso le donne africane sono candidate al Nobel per la pace 2011”.
La formazione a Parma delle due ragazze rientra, come detto, nel progetto “Terre e salute”, che coinvolge, oltre a Pire, anche un altro villaggio africano, Diol Kadd. L’iniziativa, finanziata dal Fondo europeo e dalla Regione Emilia Romagna, è promossa dalla Comunità senegalese di Parma e provincia, insieme a Cuci (Centro universitario per la Cooperazione Internazionale) Mani, Anpas (Assistenza pubblica Emilia Romagna), con la collaborazione della Provincia.
“L’istruzione femminile è il volano per lo sviluppo dell’Africa  - ha sottolineato Matilde Marchesini, presidente di Mani -. Per questo continuiamo a sostenere progetti che hanno l’obiettivo di rendere le donne protagoniste: da quelli che puntano sull’agroalimentare, come “Terre e salute” o l’esperienza del microcredito, a quelli che promuovono la scolarizzazione delle bambine”.
L’obiettivo di “Terre e salute” è quello di rafforzare il tessuto sociale dei due villaggi, con strategie costruite dal basso, attraverso l’ “empowerment” femminile e la partecipazione dei cittadini. In particolare, intende favorire l’accrescimento del reddito familiare delle comunità, rafforzando il settore agroalimentare e creando occupazione; promuovere il ruolo delle associazioni di donne e del protagonismo femminile; potenziare i servizi sanitari e attivare strategie di prevenzione e tutela della salute; studiare la fattibilità della creazione di una mutua sanitaria finanziata dal reddito agricolo; contribuire a contrastare la povertà, lottando contro l’esodo dalle aree rurali.
All’incontro di questa mattina in Provincia erano presenti anche l’antropologa Anna Vittoria Sarli, che collabora al progetto, e i genitori e la cugina di Lara Araldi, la giovane psicologa  prematuramente scomparsa, socia di Mani e co-fondatrice del Centro Leuké, che ha dedicato la sua vita agli altri, rivolgendo un’attenzione particolare proprio alle giovani donne in difficoltà nei Paesi del Sud del mondo. “Continuiamo a sostenere questi progetti – ha affermato la mamma di Lara, Celestina – non solo perché era la volontà di nostra figlia ma anche perché ci teniamo molto. Progetti seri, che sono portati avanti con rigore e dedizione”.

I progetti a Pire
La Provincia, in partnership con diverse associazioni di Parma, ha sostenuto diversi progetti a Pire, a partire da “Papà portami a scuola, mamma aiutami a restarci”, realizzato con le associazioni Mani e Feeda, che ha permesso a tante bambine africane di frequentare la scuola per un anno. Il progetto finanziava le spese di iscrizione, abbigliamento, libri, materiale scolastico delle migliori allieve del territorio, così da sostenere la scolarizzazione femminile.
È stata costituita una piccola biblioteca multimediale nel Centro servizi “Musée de la femme”, un centro a sostegno della promozione del protagonismo delle donne, in cui sono state organizzate azioni di formazione. Inoltre, si è supportato l’empowerment femminile con interventi di sostegno alla produzione del reddito, in particolare l’avvio di micro imprese agricole, attraverso il progetto “Donne di Pire in movimento” co-finanziato dalla Regione Emilia Romagna. 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

1commento

capodanno

Ecco le locandine: Fedez si fa. Ma dove? Domani la risposta

1commento

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

solidarietà

"Parma facciamo squadra" in campo per i bimbi poveri

Campagna fondi al via: Barilla, Chiesi, Fondazione Cariparma e Forum Solidarietà in prima linea

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS