12°

19°

Parma

Aiello: "Il commissario incontrerebbe troppe difficoltà"

Aiello: "Il commissario incontrerebbe troppe difficoltà"
Ricevi gratis le news
28

Ospitiamo ampi stralci della lettera dell'assessore ai Lavori Pubblici, Giorgio Aiello, sulla difficile situazione che si è creata in Comune.

Caro Direttore,
vista la situazione decisamente difficile che si è venuta a creare in Municipio a seguito degli ultimi avvenimenti - una situazione grave che non è certamente mia intenzione commentare in questa sede né difendere o giustificare - e considerato, però, che mi ritrovo all’interno di questo nubifragio o terremoto che dir si voglia, vorrei poter semplicemente ribadire la mia opinione, peraltro condivisa in diversi ambienti, sulla pericolosità, o meglio ancora sulla sciagura, che la città di Parma dovrebbe affrontare se il sindaco Pietro Vignali si dimettesse ora, senza aver prima messo in sicurezza la macchina amministrativa con alcuni atti formali che ne garantiscano la stabilità. Innanzitutto, sgombriamo il campo da un’assurdità ripetuta troppe volte da tutta la minoranza, e cioè che, perché essa possa dare una mano o collaborare con questa Giunta, deve dimettersi Vignali. Questa è una contraddizione in termini, in quanto, non essendo più sindaco, nessun aiuto, in realtà, gli potrebbe essere fornito. Inoltre, non potrebbe essere d’aiuto neanche all’eventuale futuro Commissario, perché questi non avrebbe alcun organo né di Giunta né di Consiglio, ma tutt’al più altri sub commissari di sua esclusiva fiducia. Ho letto attentamente l’articolo di Gianluca Zurlini sulla Gazzetta, che ha riportato le dichiarazioni della dottoressa Cancellieri, già Commissario nel nostro Comune per 95 giorni. La Cancellieri ha spiegato i meccanismi temporali e la struttura che un Commissario potrebbe mettere in campo, ma non ha speso una parola sulle difficoltà da affrontare e su come affrontarle in un simile delicatissimo frangente. Nessuno nega che il mondo possa andare avanti in mancanza del sindaco Vignali, ma deve però essere altrettanto chiaro che le disgrazie, se uno può, è obbligo evitarle. E proprio di disgrazia si tratterebbe se si dimettesse oggi il sindaco, perché il Commissario non potrebbe in pochi mesi approfondire la conoscenza e i risvolti di accordi in essere, il più delle volte basati su rapporti fiduciari che si traducono in atti solo alla fine di un percorso lungo e difficoltoso. Basti pensare ad esempio alle conclusioni di alcuni lavori. La nuova sede Efsa che si concluderà naturalmente alla fine di quest’anno, ma per la quale con le varie associazioni sono in corso da mesi trattative per i contratti di affitto e le varie convenzioni di accordo d’uso. La prima parte di Stu Stazione e di Stu Pasubio che vedono ormai la conclusione del primo stadio entro l’anno con la chiusura dei primi cantieri e la prosecuzione dei secondi stadi già concordati ma non ancora deliberati. La conclusione della scuola Europea anch’essa in una fase finale nella quale, però, le opere da concludersi devono ancora essere definite nei loro minimi particolari. La realizzazione del centro sociosanitario Lubiana, dove, come noto, in questi giorni si è conclusa la serrata valutazione di un appalto, inizialmente assegnato a un’impresa della provincia di Caserta e ora in corso di annullamento per l’assegnazione alla seconda impresa offerente. L’avvio del nuovo Palazzetto dello Sport, che necessita in queste settimane di procedere finalmente alla sottoscrizione dei contratti con la banca e l’impresa, pur in pendenza degli espropri. L’Ospedale Vecchio e il trasferimento degli Archivi di Stato. Il progetto Ghiaia in fase di avanzata conclusione ma comunque con una lunga serie di accordi e convenzioni da sottoscrivere e concludere. La fatidica rotatoria su via Spezia all’ex Simonazzi anch’essa ormai in gara e da assegnare pur in pendenza di conclusione di accordi con alcuni proprietari. Sono, queste, solo alcune delle numerosissime opere che potrebbero subire pesanti ritardi, senza poi parlare dei danni alla credibilità finanziaria del Comune di Parma, già ampiamente espressi dall’assessore al Bilancio, Broglia, mancanza di credibilità che creerebbe un dramma nella società Stt e nelle sue partecipate, in primis Parma Infrastrutture, che, come noto, è quella a cui tutti oggi noi guardiamo per la realizzazione delle opere pubbliche. Ha detto bene la Cancellieri circa la prosecuzione dell’iter delle pratiche e sul fatto che non ha fermato l’iter del Prg quando era a Parma, ma vorrei proprio vedere come un Commissario potrebbe mai portare avanti e a compimento in tempi ragionevoli, e comunque prima della tornata elettorale, quegli accordi o quelle trattative che sono in corso da anni, presso le Stu Stazione e Pasubio, con la Società della Ghiaia o altri ancora. E come potrebbe proseguire un cantiere come l’Ospedale Vecchio? Valgano due esempio fra tutti. Dopo due anni di contenzioso con artigiani o piccoli imprenditori che sono insediati o che stanno per insediarsi nei due Pip (Piani Industriale Produttivi) in via Mantova e in San Pancrazio, in questi ultimi mesi si è giunti, dopo una serrata trattativa fra le varie parti, alla conclusione del contenzioso che permetterebbe, grazie al piano anticrisi, di ridurre a questi operatori una notevole parte degli oneri di urbanizzazione dovuti al Comune, accordi che si sarebbero dovuti concludere anch’essi in questi giorni. Qualora intervenisse il Commissario detti accordi sarebbero sicuramente nulli e come tali accantonati e si dovrebbe obbligatoriamente ripartire da capo con grave danno a tutti gli operatori economici interessati. Ecco, caro direttore, perché non posso farla semplice come ha purtroppo, invece, lasciato intendere la commissaria Cancellieri, anche se devo riconoscere alla signora una notevole efficienza e una grande capacità operativa. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • meg

    05 Luglio @ 07.43

    si condivido chi dice che non si vuole lasciare la poltrona!avete già fatto abbastanza danni e non cercate certo di tutelare le ditte visto che buona parte è già stata fatta fallire!un esempio: pista ciclabile di v Volturno iniziata dopo tante contestazioni e ora abbandonati i lavori nel caos perchè la ditta è fallita!ho avuto modo di conoscere e so che al buon Aiello non è un gran bene comune che interessa!meglio chiudere con questo scempio e cementificazione mazzettiera!COMMISSARIAMENTO!

    Rispondi

  • franco

    04 Luglio @ 09.33

    E' curioso vedere questi amministratori che pochi mesi fa erano arroganti tanto da ignorare i cittadini, ora si sprecano in lettre alla città. Scrivono tutti fior di lettere a spiegare quello che prima non si abbassavano a spiegare. Mi spieghino i soldi per le ridicole mini-rotatorie della via Emilia, i marciapiedi di via Lisoni così stertti da impedire l'imbocco delle vie laterali. Il doppio senso di via Zarotto, tanto richiesto e tanto negato, ora miracolosamente fatto. La gente cari signori, non si fa bbindolare da quattro chiacchiere e da poche concessioni......dovevate farle prima queste cose ora volete chiudere la stalla, ora che i buoi sono scappati...

    Rispondi

  • ze

    03 Luglio @ 21.57

    L'assessore Aiello è bravo e pragmatico.Ha lavorato un sacco e vorrebbe vedere il suo lavoro finito(giusta soddisfazione). Ma.. ma questo sindaco non ha risposto alle attese e alla fiducia dei cittadini.E' il sindaco quello che risponde alla cittadinanza che lo ha votato, non l'assessore da lui nominato. Dunque da un punto di vista politico e amministrativo il Sindaco Vignali dovrebbe dimettersi.

    Rispondi

  • Gianluca

    03 Luglio @ 21.33

    Cosa non si dice pur di rimanere attaccati alla poltrona! Ricordo che nessuno è insostituibile anzi a volte e proprio meglio sostituirlo perchè è molto probabile che il successore non faccia peggio di quanto fatto fino d'ora!

    Rispondi

  • filippo

    03 Luglio @ 18.14

    Le disgrazie , volevano evitate prima !!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

AVEVA SOLO 48 ANNI

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

Calcio

Parma, tre punti d'oro

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

STADIO TARDINI

Pazzo campionato: il Parma segna su azione, vince ed è a 3 punti dalla vetta

Guarda la classifica. Barillà:"Stiamo crescendo" (Video) - Scozzarella: "Iniezione di fiducia" (Video) - Grossi: "Tre punti pesanti" (Videocommento)

3commenti

polizia

Furgone in sosta in centro per la consegna, spariscono dei vestiti

1commento

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

via carducci

Insulta i clienti di un bar e i poliziotti. Denunciato slovacco 46enne

2commenti

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

DA GENNAIO

E la Ue "sdogana" gli insetti a tavola

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

1commento

SPORT

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

RUGBY

Zebre, crollo nella ripresa: avanti 30-7 perdono 38-33

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va