19°

Parma

La Piazza minuto per minuto - Municipio Varazzani su Stt: "Fatti dannosi e illeciti, al via un'azione di responsabilità"

La Piazza minuto per minuto - Municipio Varazzani su Stt: "Fatti dannosi e illeciti, al via un'azione di responsabilità"
Ricevi gratis le news
30

IL CONSIGLIO COMUNALE IN DIRETTA

Ore 15,44: Vignali entra in Sala Consiglio. L'appello è previsto per le 16,30. La seduta potrà iniziare solo se in aula sarà stato raggiunto il numero legale: ovvero tutti i 21 consiglieri di cui è composta la maggioranza. Per il momento, sono presenti due esponenti dell'Ucd su tre: Stefano Libè e Matteo Agoletti.  I tre sono recentemente usciti dal gruppo "Impegno per Parma".

ore 15,54: Si inizia con la lettura delle interpellanze. Ablondi (Prc): "Estendere la raccolta differenziata del verde e dell'umido anche in centro storico".  Risponde l'assessore all'Ambiente Sassi: "Presto la raccolta dell'organico anche in centro con stazioni interrate o itineranti a giorni alterni".

Ablondi pone l'attenzione su alcuni rigonfiamenti dei pavimenti del plesso scolastico Racagni. Aiello: "Situazione costantemente monitorata.  Il degrado è da risolvere non solo con la manutenzione, ma con un intervento drastico". "Si chiede che chi fa le perizie le faccia con competenza e onestà - risponde Aiello -. Prima di essere demolita, deve essere presa in considerazione la pericolosità".

ore 16,10: Lette due interrogazioni di alcuni consiglieri Pd sul degrado dell'area verde del plesso scolastico di via PIni e sull'eccessivo traffico davanti al centro Ausl di via Pintor. Mora: "Aumenteremo la vigilanza della Polizia Municipale in zona".

ore 16,15: E' arrivato anche il terzo esponente dell'Udc Mario Taliani.

ore 16,19: In aula anche Paolo Conforti, sulla cui presenza erano stati sollevati dei dubbi a causa di un impegno precedentemente fissato con il ministro Frattini.

ore 16,23: Tutti i consiglieri di maggioranza sono presenti in aula. 

ore 16,25:  Marco Ablondi  (Prc) chiede lumi su un incarico "di alta specializzazione" (il riferimento è all'ispettore generale del Comune  Manuele Stelio) che secondo il consigliere non sarebbe stato conferito a norma di legge, in quanto questa prevede che incarichi del genere non possano essere conferiti a persone con oltre 70 anni di età. Il vicesindaco Buzzi ha risposto che la situazione è "molto delicata e controversa. E' stato chiesto un parere pro-veritate arrivato ieri, che in questo momento è in fase di analisi e daremo indicazioni precise in ordine al contenuto e per le decisioni che l'amministrazione andrà a intraprendere". Ablondi: "Quando è stato assunto, non c'era alcun atto deliberativo".

ore 16,35: Appello: tutti presenti. Viene data l'ufficialità del numero legale. La Mantia del Gruppo Misto fa partire un applauso, seguito da altri consiglieri.

ore 16,45: E' stato ufficialmente composto il gruppo Udc. Capogruppo è Matteo Agoletti.

ore 16,47: Prende la parola il capogruppo del Pd Giorgio Pagliari: "Abbiamo chiesto le dimissioni come gesto di responsabilità. Ora chiediamo chiarezza su una vicenda che ci sembra incredibile: ci risulta che i dirigenti rimossi siano al loro posto e che il direttore generale sia in ferie. Non è pensabile rimanere in questa situazione".

Vignali: "Non c'è nessuna retromarcia né confusione. I contratti non si possono sciogliere dalla sera alla mattina. Nella Giunta di giovedì approveremo un atto di modifica della macrostruttura del Comune che eliminerà le aree apicali e la figura del direttore generale"

ore 16,54:  Prende la parola Massimo Moine: c'è una fetta di cittadinanza, dice, che "è sconcertata, che è colpita negativamente" da questa vicenda,  "ma che sostiene la politica del sindaco perché la città è cambiata e tante cose sono state fatte bene". "La nostra posizione è quella di fiducia al sindaco chiedendo un cambio di passo - continua -, e maggiore politica nelle decisioni". Moine ha anche parlato di un "inaccettabile clima di violenza verbale, che diventa poi anche violenza fisica".

ore 17,00: Ablondi (Prc) parla di messaggi inquietanti nella lettera scritta da Frateschi alla stampa e ne legge alcuni passi.
Vignali: "Presteremo tutte le attenzioni del caso. L'indagine a cui fa riferimento Frateschi è quella partita da me l'anno scorso e al termine della quale abbiamo rimosso il responsabile della manutenzione del verde (Moruzzi, ndr) perché erano emerse problematiche sul global service del verde. Abbiamo confermato il non pagamento a Iren per 6 milioni di euro, quindi abbiamo evitato di dover pagare tutto quello che prevedeva il contratto per il global service. La modifica della macrostruttura è vero che deve essere approvata dal Consiglio comunale, ma se rispecchia le linee generali e di indirizzo approvate già dal Consiglio comunale,  la competenza è della Giunta".

ore 17,11: Guarnieri (Altra politica-Altri valori): "Com'è possibe smantellare la funzione di direzione generale? Questo non lascia aperta la strada ad un atteggiamento gattopardesco di cambiare tutto per non cambiare niente? di lasciare le persone dove sono a fare quello che hanno sempre fatto?" La rimozione significa mantenimento della retribuzione e che in quella funzione possa essere messo qualcun altro? Finora ho utilizzato toni moderati perché il momento è difficile, ma le regole della politica prevedono verità e rispetto nei confronti della città. Se venisse tenuto tutto come prima l'amministrzione si esporrebbe a una responsabilità gravissima".

Vignali: "Non rimarrà tutto come prima. Lo Statuto comunale dice che può essere istituita la figura del direttore generale e che può essere revocato dal sindaco. La figura sarà quindi eliminata".

ore 17,24: Torreggiani (Pd)  ha posto l'attenzione sui lavoratori di Banca Monte.  Vignali: "Il tavolo interistituzionale si è riunito due volte perché l'ho chiesto io"

ore 17,27: Inizia la discussione delle delibere. Soggetto la Sogeap; in particolare gli accordi con il nuovo socio privato Meinl Bank con le conseguenti modifiche statutarie e i nuovi patti parasociali.
Nonostante diverse criticità, il Pd ha espresso il suo voto positivo. "Le difficoltà dell'aeroporto sono note a tutte, ma crediamo che questa infrastruttura sia essenziale", ha spiegato il capogruppo Giorgio Pagliari.
Vignali: "L'aeroporto per noi è un investimento strategico al pari della Fiera".
La delibera passa con un voto contrario (Ablondi) e un'astensione.

ore 18: Viene presentata la variazione di bilancio che prevede l'utilizzo parziale dell'avanzo d'amministrazione (17 milioni)  a Stt per la Stu Stazione. "Il contributo di 17 mln alla stu stazione è vincolato al fatto che il piano di risanamento di Stt venga accettato dagli istituti di credito", è stato spiegato in Consiglio. A questo contributo, vanno aggiunti 50mila euro (Funzioni nel campo dello sviluppo economico-Conferimenti di capitale).
Duro l'intervento di Massimo Iotti del Pd, dopo la richiesta all'opposizione da parte di Giovanna Michelotti di un'assunzione di responsabilità. "Avete voi dimostrato responsabilità a gestire questa società? Questa operazione non sta in piedi. Rischiamo di buttare via anche le ultime risorse che ha questo Comune. Dopo questo non c'è più nulla".  Durissimo anche Torreggiani:"Abbiamo bisogno di un Varazzani al Comune; abbiamo bisogno di una persona terza che guardi nei cassetti che non volete aprire. Siamo ancora nell'area delle balle: vogliamo la verità perché senza verità non c'è responsabilità", ha detto il consigliere del Pd.
Guarnieri (Altra politica- Altri valori): "Questa è la prova che il bilancio comunale va pensato insieme a quello delle partecipate".

Il vicesindaco Buzzi all''opposizione: "Fate i catastrofisti, parlate come se ci fosse una situazione debitoria cristallizzata come se, per esempio, non si potessero allargare i vincoli del patto di stabilità. La responsabilità ce la prendiamo tutta ma cercando di mandare avanti le cose e non facendo del disfattismo".

Massimo Varazzani, presidente di Stt, ha preso la parola spiegando che con i 17 milioni e con altri 15 milioni dei fondi ex metropolitana dovrebbero risanare la società. 

Nelle dichiarazioni di voto, Agoletti (Udc) spiega che il gruppo voterà a favore perché "si fermerebbe un cantiere e una grande opera che riteniamo possa avere un grande ritorno per la nostra città non solo in termini urbanistici, ma perché unirà due zone divise da una ferrovia". Ablondi (Prc) annuncia che il suo sarà un voto contrario; sulla stessa lunghezza d'onda anche Pagliari (Pd) che chiedendo ancora una volta le dimissioni del sindaco ha detto che "Sarebbe irresponsabile darvi la responsabilità di queste partite".

ore 19,35: La delibera viene approvata con 25 voti favorevoli, 12 contrari e 1 non votante (Guarnieri).

ore 19,50: Si passa a discutere il piano industriale di Ade spa.
Iotti (Pd): "Quella dei piani industriali è una forzatura. La procedura non è né condivisibile né trasparente, perché si chiede di approvare piani industriali, ma nessuno approva i bilanci consuntivi". Guarnieri: "Non esprimerò né voto favorevole né contrario; ma se la maggioranza vuole portare avanti queste operazioni lo faccia con la sua faccia". Sandroni (Impegno per Parma): "Ci sono le condizioni per portare l'azienda in utile nel 2011"

ore 20,40 - La delibera passa con 22 voti favorevoli, 8 contrari (Caselli, Crialesi, Iotti, Mantelli, Massari, Scarpino, Vescovi e Zennaro)e 4 astenuti (i tre esponenti dell'Udc, più Ubaldi)

ore 20,46  - Seguiranno le presentazioni e le discussioni sui piani industriali di Parma Infrastrutture, Infomobility, Cal Srl, Stu Pasubio, Pge spa, Engioi, It City.

ore 20, 50 - Si inizia con Parma Infrastrutture. In particolare, la discussione si concentra su una lettera di patronage di 7 milioni  sottoscritta da Frateschi chiesta da Bnl come condizione per erogare 25 milioni alla società. Massimo Iotti ha contestato la legittimità della delibera e ha chiesto al segretario di esprimersi.

ore 21,53 - Un primo emendamento stato votato da 24 presenti: 20 favorevoli 1 contrario (Ubaldi), 3 astenuti (Agoletti, Libè, Ricci). Il secondo emendamento ha visto 19 voti favorevoli su 23 presenti. Tre gli astenuti (Agoletti, Libè, Ricci), e un non votante (Conforti).
La delibera passa con19 favorevoli, 3 astenuti  (Agoletti, Libè, Ricci) e un non votante (Conforti).

ore 22 - Si passa ad analizzare il piano industriale di Stt.  Varazzani parla di un'azione di responsabilità autorizzata dalla Giunta che ha incaricato un legale per vederci chiaro su fatti che Varazzani ha definito "dannosi e illeciti"
Pagliari (Pd): "Le parole di Varazzani sono la conferma dello sperpero di denaro pubblico. Quello che abbiamo denunciato inascoltati era assolutamente vero". Ablondi: "Dalle parole di Varazzani emerge il fallimento di questa Giunta" e dichiara che non parteciperà al voto per far sì che l'amministrazione si accolli le sue responsabilità.

Ore 22,44 - Su venticinque presenti, 21 hanno votato a favore, tre si sono astenuti (Ricci, Libè, Agoletti), e uno non ha votato (Ubaldi).

Ore 22,55 - Il piano industriale di Engioi passa con 19 voti favorevoli, 2 astensioni (Agoletti e Ricci) e un non voto (Ubaldi)

Ore 23,04 -  Il piano industriale della IT City viene approvato con 20 voti favorevoli, 3 astensioni  (Agoletti, Libè e Ricci) e un non voto (Ubaldi).

Aggiornamenti anche sulla nostra pagina Twitter

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • filippo

    06 Luglio @ 15.48

    Per il Sindaco Vignali: a casa!!!! a casa!!!! a casa!!!

    Rispondi

  • Sara Valenti

    06 Luglio @ 10.35

    E' un grande risultatp er la città e per il nostro sindaco. Andiamo avanti; la manifestazione invece faceva veramente RIDERE!!. Saluti Sara

    Rispondi

  • gian luca

    06 Luglio @ 07.49

    Caro Davide PER ORA nessun membro della giunta è direttamente coinvolto dall'inchiesta ma spiegami una cosa : come ti sentiresti se tu avessi assunto delle persone ( magari qualche tuo amico e compagno di scuola...) e dopo avergli dato posti di responsabilità queste persone fossero arrestate per aver rubato ... Io credo che tu una responsabilità morale la sentiresti senz'altro ( ammesso che tu non sapessi cosa combinassero dei collaboratori scelti direttamente da te...) , ma il succo della storia è questo : UNA MANCANZA TOTALE DI SENSO CIVICO E DI MORALITA' ( e il vocabolo moralità se vuoi lo puoi interpretare in tutti i sensi che preferisci ) . Non so chi sarà ad amministrare la città dopo ma ora sono sicuro di una cosa , questa giunta tirando a campare si sta bruciando QUALSIASI possibilità per il futuro , per me il tempo delle ideologie è finito , guardo solo i risultati e questa giunta ha purtroppo segnato il futuro della città per i prossimi 10 anni , prendi una calcolatrice e fai due conti....

    Rispondi

  • stefano

    05 Luglio @ 23.03

    @Davide. Le persone erano uguali a prima? Non mi ricordo di Iacovini, tanto meno di Jacobazzi, tanto meno di Mori nel giro dei Comune di Parma, tanto meno di Moruzzi....Sa quanto prendeva Iacovini? Sa quante ore lavorava? Sa quanti soldi si è intascato con i suoi giochini che sono emersi dalle intercettazioni? E per ora parliamo solo di Green Money Lei pensa che l'obiettivo di Vignali era fare del bene alla città di Parma con un progetto politico? Lo pensa veramente? Ma si rende conto cosa hanno fatto Iacovini e company? I casi sono due: o Vignali è un interdetto, oppure è era a conoscenza di tutto quello che i suoi migliori amici messi in posti dirigenziali facevano. Decida lei. Stiamo parlando di centinai e centianai di migliaia di euro che si intascavano questi signori, mica di centesimi di euro. E mi creda, anch'io sono di centro destra, ma davanti a questo schifo spero che Vignali se ne vada subito e che venga un commissario. Per le prossime elezioni spero in una lista civica perchè la sinistra di Parma è il peggio che possa capitare dopo Vignali. Meglio degli immobilisti che un sindaco che assume dei ladri

    Rispondi

  • Matteo

    05 Luglio @ 22.20

    Qui non si tratta di ragionare in termini di destra o sinistra, o se Vignali è meglio di Ubaldi , ma di pretendere che chi non è stato in grado di scegliere dirigenti decenti, chi non ha vigilato su di essi e le loro ruberie, chi ha gestito male la cosa pubblica subissandoci di debiti cementificando la periferia, chi ha preteso di trasformare una città di 180000 persone in una grande capitale fallendo miseramente, si faccia da parte. Adesso. La gente valuterà alle prossime elezioni.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Il CineFilo per domenica 22 ottobre - La battaglia dei sessi - Nico 1988 - It - Blade runner 2049 -

IL CINEFILO

It, il nuovo Blade Runner, La battaglia dei sessi: i film della settimana

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma - Entella 3 - 1: fai le tue pagelle

10' GIORNATA

Parma-Entella 3-1: fai le tue pagelle

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

8commenti

Parma

Ai domiciliari per maltrattamenti, va a lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

32commenti

AUTOSTRADA

Incidente in A1: coda tra Parma e Fidenza questa mattina

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

SPORT

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro