20°

Parma

Il Consiglio comunale approva la nuova tariffa rifiuti. Protesta in strada e insulti in aula

Il Consiglio comunale approva la nuova tariffa rifiuti. Protesta in strada e insulti in aula
Ricevi gratis le news
49

Il numero legale c'è: la seduta del Consiglio comunale si apre con la presenza dei 21 consiglieri della maggioranza (è al suo posto anche il sindaco Pietro Vignali), i tre consiglieri dell'Udc e la minoranza. Hanno risposto all'appello 32 consiglieri. La seduta del Consiglio si apre regolarmente.
I temi sul tavolo sono tanti: dal piano industriale del Centro agroalimentare e logistica al regolamento delle partecipate. 

APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE DEL CENTRO AGROALIMENTARE. Discutendo la delibera che riguarda il Centro agroalimentare (Cal), il consigliere Franco Torreggiani (Partito democratico) ha sottolineato che per Stt c'è bisogno di 43 milioni di euro e che i conti non sono in ordine, poi si è rivolto direttamente al sindaco per chiederne le dimissioni (richiesta che il consigliere del Pd Giuseppe Massari invece si è scritto... sulla cravatta). Critiche dalla minoranza sulla situazione economica del Centro agroalimentare. Giorgio Pagliari, capogruppo del Pd, chiede quali siano a questo punto le sue prospettive. Il vicesindaco Paolo Buzzi risponde alla minoranza sostenendo il bilancio del Centro agroalimentare e l'operato della Giunta stessa.
Alla fine il piano industriale del Cal viene approvato con 21 voti a favore e 14 contrari (fra i quali i consiglieri dell'Udc). Non ha votato il presidente del Consiglio comunale Elvio Ubaldi.

NUOVA TARIFFA RIFIUTI: LUNGO DIBATTITO. L'ASSESSORE SASSI RINGRAZIA I COLLABORATORI. Il dibattito sulla tariffa rifiuti va per le lunghe ma attorno alle 20,10 è approvata.
La delibera prevede un aumento della tariffa dello 0,95% contro un +1,87% previsto inizialmente. Le novità sono state illustrate dall'assessore all'Ambiente Cristina Sassi. Nel dibattito però è intervenuto anche il sindaco Pietro Vignali, che ha difeso il lavoro della Sassi e ha sottolineato, che dal 2006, Parma è passata dal 16 al 47% di raccolta differenziata.
La delibera prevede un aumento della tariffa rifiuti ma anche una serie di sconti per le famiglie grazie al Quoziente Parma. La Sassi sottolinea che la tariffa calerà del 5% per le 18mila persone che hanno introdotto il porta a porta integrale (quartiere Cittadella, Vicofertile e via Farnese; dal 2012 anche Lubiana, San Lazzaro e un piccolo pezzo del centro storico).
Il provvedimento equipara gli artigiani agli industriali: il Comune accoglie così le richieste di Gia, Apla e Cna, con sconti sulla tariffa fra il 12 e il 16%. Prevista un'agevolazione del 40% per le attività commerciali vicine a cantieri per la realizzazione di opere pubbliche, aperti per almeno 3 mesi.
D'ora in poi la tariffa rifiuti - è stato detto inoltre - non sarà più stabilita direttamente dal Comune ma dall'Ato (Autorità di Ambito Territoriale). Il consigliere Iotti (Partito democratico) ha chiesto alla Sassi quale sia il potere di negoziato dell'Amministrazione con Ato: sarà decisa la tariffa più bassa per favorire i cittadini oppure quella tariffa andrà più a favore di Iren? L'assessore ha dato una risposta che Iotti ha considerato evasiva, non soddisfacente: «Questo silenzio significa più di mille parole».
Terminando il proprio intervento, inoltre, Cristina Sassi ha ringraziato tutti «per la collaborazione di questi anni». Parole che suonano come un commiato, ha notato Iotti.
La delibera è approvata con 25 voti a favore. L'opposizione si è astenuta. C'è un voto contrario: quello del consigliere Massari, che ha sbagliato ma non è riuscito a cancellare il voto già espresso. Il presidente del Consiglio comunale Elvio Ubaldi non ha votato.

NUOVA PROTESTA IN PIAZZA. Mentre in municipio il dibattito è andato avanti, gli "indignati" di Parma hanno chiamato di nuovo i cittadini a manifestare contro la giunta Vignali. Alle 17,30 circa ci sono sotto i Portici del Grano e in piazza Garibaldi circa 200 persone: mostrano striscioni e intonano cori contro gli amministratori cittadini. La situazione è tranquilla dal punto di vista dell'ordine pubblico. La novità rispetto alle manifestazioni precedenti: gli "indignati" si sono portati il cibo da casa e alle 20,30 mangeranno sotto il Comune.
Dopo le 18 i manifestanti hanno dato vita ad un corteo nelle strade vicine al municipio: via Farini, via Cavour e via Mazzini.

URLA NELLA SALA DEL CONSIGLIO: UBALDI FA ALLONTANARE UN GRUPPO DI MANIFESTANTI. L'aula ha discusso a lungo la delibera sul piano finanziario della gestione dei rifiuti urbani. Nel momento del voto si è levata una forte protesta nella sala del Consiglio: circa 15 persone hanno gridato «Ci fate schifo! Fascisti! Non avete il coraggio di affrontare la piazza!». Il presidente del Consiglio comunale Elvio Ubaldi ha fatto sgomberare l'aula, aggiungendo: «Poi chiariremo perché c'è un solo vigile in una situazione come questa». Nei minuti della protesta sono arrivati applausi ironici verso i manifestanti dall'assessore Giovanni Paolo Bernini e dai consiglieri Moine e Pantano.
La delibera sul piano finanziario della gestione dei rifiuti urbani è passata con 23 voti a favore e il "no" di Lamantia. Il consigliere ha criticato il fatto che il consigliere Stefano Bianchi rappresenti il Comune nell'Ato pur essendo dipendente di Iren. Bianchi ha risposto sottolineando che in passato la questione è stata affrontata con una verifica legale, che ha stabilito come il suo ruolo nell'Ato sia legittimo.

INCIDENTE FERROVIARIO, IN VIA PONTASSO SARA' COSTRUITO UN SOTTOPASSAGGIO (MA I LAVORI SONO FERMI). Nelle prime fasi della seduta consiliare si è parlato della tragedia sfiorata al passaggio a livello di via Pontasso. In questa strada nascerà un sottopasso, mentre in via Volturno bisogna aspettare che le Ferrovie realizzino l'interramento della linea.
Il capogruppo di maggioranza Zannoni ha chiesto spiegazioni alla Giunta dopo l'incidente di ieri. Secondo Zannoni, un intervento è ormai improcrastinabile. «Si è rischiata una tragedia: non si può andare avanti così». Zannoni sottolinea che in passato le Ferrovie «non hanno mai dato risposte soddisfacenti».
L'assessore Aiello ha spiegato che, dopo l'incidente al passaggio a livello, il Comune ha contattato Rete Ferroviaria Italiana (Rfi), che gestisce la Pontremolese. In via Pontasso è previsto un sottopasso. I lavori - dice Aiello - sono fermi perché durante gli scavi sono state rinvenute alcune tombe longobarde. La situazione però dovrebbe sbloccarsi «in tempi brevi».
Per quanto riguarda via Volturno invece bisogna soltanto aspettare, ha aggiunto l'assessore. Le Ferrovie faranno la linea interrata: per questo non si possono costruire sovrappassi o sottopassi in quel punto.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Marcos88

    15 Luglio @ 11.24

    DECIMA MAS... CONTINUA ILTUO DELIRIO IO PROTESTO DEMOCRATIMENTE NELL'ITALIA DEL LEADER NANO! NON MI INTERESSA ANDARE A CUBA, AMO L'ITALIA PER QUESTO SONO INDIGNATO DA QUESTO SCHIFO. AMO LA MIA CITTA' PER QUESTO CHIEDO SOLO CHE SE NE VADO CHI HA RUBATO. TUTTO QUA! TU PENSA A COMMENTARE DAL DIVANO E DIMOSTRARE COSI' L'AMORE PER IL TUO PAESE! FIDATI DI TE STESSO.. VEDRAI CHE CAMBIERANNO LE COSE...CON LA FORZA DEL PENSIERO!

    Rispondi

  • lele

    15 Luglio @ 01.39

    Caro Pietro,pensi che se io andassi a protestare in piazza con una bandiera raffigurante il Tricolore Italiano,visto che sono italiano,non rischiierei di essere frainteso o perlomeno deriso dalla maggior parte dei presenti,solo perche porto il Tricolore?Sai quanta gente sputerebbe sulla nostra bandiera?Va di moda la bandiera di Cuba(bella democrazia quella!), il Che (grande guerrigliero,ma i pacifisti sono un'altra cosa),qualche falce e martello(ancora....ma basta!!!),e chi e' orgoglioso di essere italiano(non ho mai votato Forza Italia,preferisco Forza Nuova)se ne deve stare in casa!Ma caro Pietro vai avanti tu che mi scappa da ridere,sperando che dall'altra parte ci sia Lino Banfi che ti dica:<<vieni avanti cretino:>>.Anche questa protesta e' chiaramente strumentalizzata,nonostante doverosa ,legittima ed indispensabile:

    Rispondi

  • sabcarrera

    14 Luglio @ 20.50

    Se Vignali se ne va dove vanno questi rifiuti? Avete una ricetta oppure continuerete a buttarli in campagna?

    Rispondi

  • Emanuele

    14 Luglio @ 19.51

    Scusate, ma faccio fatica a capire le polemiche, oppure affermazioni tipo 'è strumentalizzazione politica'. Vignali ha dimostrato di essere o corrotto, o estremamente sprovveduto, e in entrambi i casi non è una persona adatta a fare il sindaco: in un paese normale, non dovrebbe essere necessario chiederne le dimissioni, perché le avrebbe già rassegnate lui. Per rispetto nei confronti di se stesso e delle istituzioni, che sono di tutti noi, di destra e di sinistra, e che paghiamo profumatamente. Ragazzi, sembra che oltre alla politica non ci sia altro da fare nella vita: ma perché Vignali non si trova un lavoro 'normale', come tutti (purché non vada a fare l'impiegato amministrativo...), e non lascia finalmente il governo della città a chi è in grado di occuparsene? Il mio vi sembra forse un discorso 'strumentalizzato politicamente'? Ma il buon senso dov'è finito?

    Rispondi

  • Pietro

    14 Luglio @ 19.45

    Forza con la protesta civile senza partiti per liberare la città' http://www.facebook.com/pages/Liberiamo-Parma/129190393830620

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

IGERS

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

VIA EMILIA EST

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

2commenti

VIANINO

Furto all'alba nel supermercato

GAZZAREPORTER

Parma 2017, bello spettacolo Barriera Garibaldi...

4commenti

Euro Torri

Ruba una felpa e spacca una parete in cartongesso

Un giovane minorenne italiano

Via Bizzozzero

Auto pirata investe una bambina. Chi ha visto?

Appello della mamma della piccola

Incidente

Auto contro scooter a Fontevivo

Oltretorrente

«Ci riprendiamo il nostro quartiere: yoga in strada e biciclettate»

3commenti

Vandalismo

Strage di gomme in borgo Gazzola

1commento

COMUNE

Carte d'identità elettroniche, il trasporto per anziani e disabili

Appennino

Transumanza, lezione tra i monti per gli studenti del Bocchialini

FONTANELLATO

Riapre il box della torta fritta

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

7commenti

Comune

Sciopero generale di venerdì 27 ottobre, i servizi garantiti

ambiente

Prima l'acqua poi il vento, ma misure d'emergenza fino a giovedì

6commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

RUGBY

Doppia intervista: Minozzi e Giammarioli, «gemelli» azzurri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CONTROLLI

Autovelox, la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

3commenti

SPORT

GAZZAFUN

Lucarelli il migliore con l'Entella: consolida il primo posto

serie b

Le pagelle in dialetto

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

2commenti

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

L'UTILITARIA

Skoda Fabia Twin Color più ricca

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro