-2°

Parma

Green Money: gli inquirenti hanno interrogato Facini

Green Money: gli inquirenti hanno interrogato Facini
Ricevi gratis le news
0

Gianluca Facini, uno degli imprenditori del verde arrestati a Parma nel corso del blitz della Guardia di Finanza dello scorso 24 giugno, è stato interrogato per la seconda volta. Attorno alle 9,30 è arrivato in Procura Gian Luca Facini, titolare della Pieffe, per essere ascoltato dagli inquirenti. Un interrogatorio che si annunciava lungo, dopo il primo «assaggio» della settimana scorsa nel carcere di Forlì, in cui è detenuto. L'interrogatorio è terminato attorno alle 14,30.

Facini, titolare della Pieffe Opere in Verde srl, era stato già sentito dagli inquirenti il 5 luglio nel carcere di Forlì dove è detenuto. Stando a fonti vicine alla Procura, Facini avrebbe deciso di collaborare con gli inquirenti e di svelare quanto a sua conoscenza del sistema di tangenti scoperto dalla Gdf. Gli interrogatori sono stati finora secretati. Il suo legale non ha commentato ma si è affidato a quanto detto al termine dell’interrogatorio di garanzia avvenuto 48 ore dopo l'arresto. In quell'occasione l’imprenditore aveva spiegato di aver sempre eseguito i lavori appaltati e di non aver mai emesso, quindi, fatture "gonfiate" e men che meno fatture per lavori inesistenti. L’indagato ha eseguito i lavori di sistemazione del LungoParma (il viale che fiancheggia il torrente che taglia in due l’abitato) impiantando cespugli di rose che in un’intercettazione vengono definiti «d’oro» per quanto sono costati (circa 180 mila euro).

Intanto questa mattina inoltre il gip Maria Cristina Sarli ha concesso gli arresti domiciliari ad un altro imprenditore indagato nella vicenda 'Green money 2'. Si tratta di Norberto Mangiarotti, già presidente dell'associazione Parma people. Anche per
Mangiarotti fonti vicine alla Procura assicurano che l’indagato sta fornendo piena collaborazione agli inquirenti e l'applicazione di una misura cautelare meno afflittiva della detenzione in carcere sembrerebbe fornirne conferma. E' possibile che Mangiarotti, già interrogato due volte in Procura, possa essere sentito ancora. Anche nel suo caso i verbali di interrogatorio sono stati secretati. Domani invece il tribunale del riesame di Bologna dovrà esprimersi, ma è più che probabile una riserva, sulle richieste di scarcerazione presentate da altri tre indagati nell’inchiesta sulle mazzette per gli appalti pubblici: Emanuele Moruzzi, dirigente del settore ambiente del Comune di Parma, Carlo Iacovini, al momento del suo arresto responsabile di Progetto ma fino a qualche mese fa anch’egli alto dirigente comunale, e Ernesto Balisciano, presidente di Engioi, società partecipata del Comune. Tutti e tre hanno chiesto attraverso i loro legali l’applicazione dei domiciliari. Lunedì inoltre il Riesame dovrà affrontare le richieste presentate da altri tre indagati: Gian Vittorio Andreaus e Tommaso Mori, rispettivamente presidente e vicepresidente della Cooperativa di lavoro studentesco Sws, che per la Procura era il "collettore" del danaro pubblico drenato dalle casse del Comune attraverso il sistema di false fatturazioni o fatture gonfiate, e Alessandro Forni, titolare della società Verdissimo, finito in manette una seconda volta dopo l’arresto dello scorso anno nella prima fase dell’indagine. E' presumibile che il Riestame si riservi anche per queste tre posizioni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biancanve

fiabe

Biancaneve, gli 80 anni della prima principessa Disney

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

6commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

PADOVA

Azienda non riusciva a trovare 70 operai: dopo l'appello 5mila domande

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPORT

sci

Sofia Goggia e' tornata, Hirscher gigante in Badia

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande