11°

22°

Parma

Due sconfitte

Due sconfitte
Ricevi gratis le news
13

E' finita con due sconfitte.

E la più grave non è certamente la serie B, bensì quel giovane poliziotto che ora  è in un letto d'ospedale con gravi ferite alla milza. Uno dei sei feriti di una domenica che avevamo auspicato fosse solo e comunque di festa.

A Parma si è chiuso un anno bruttissimo. E anche qui non parliamo di serie B, ma di un calcio che non sembra più in grado di sfuggire a chi vuole farne un pretesto di violenza: pugni, calci, a volte anche peggio. Neppure due tragedie, pur tutte da chiarire nella loro dinamica e nelle responsabilità delle singole persone, sono bastate a unire tutti almeno su una cosa: la necessità di combattere la violenza, da chiunque venga.

Anche il pasticcio (romano, non parmigiano) della gestione della trasferta parallela di Roma e Inter ha portato confusione e tensione. Se a Parma da domani si dovrà lavorare per riconquistare sul campo la serie A, per tutti (politici, forze dell'ordine, tifosi, mondo del calcio, e naturalmente anche per noi giornalisti) si dovrà pensare a come fare in modo che le domeniche (e i sabati, che il prossimo anno in B toccheranno alla nostra città) siano occasioni di gioia e non di guerriglia.

Dite la vostra sulla giornata di oggi e sulle inziative possibili per combattere la violenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Mary

    19 Maggio @ 09.51

    Non penso che impedire le straferte sia il modo giusto, per frenare la violenza davanti agli stadi tanto vediamo che non serve perchè arrivato comunque i tifosi con mezzi propri. Bisognerebbe soltanto che i VERI TIFOSI isolassero i facironosi e non li appoggiassero ad inneggiare contro le forze dell'ordine. Dovremmo avere più senso civico tutti.

    Rispondi

  • Ennio

    19 Maggio @ 09.26

    Una domenica triste sotto tantissimi punti di vista... l'ordine pubblico... (si sapeva da tempo che ci sarebbero stati scontri e disordini)... quanti polizziotti e carabinieri ci sarebbero voluti per evitare ciò che è successo? non sarebbe stato meglio lasciar entrare i tifosi dell'Inter allo stadio? Occorre riflettere ancora una volta sulla problematica "calcio" perchè è un problema serio, delicato e come è già accaduto, spesso ha avuto risvolti drammatici... Occorre fermezza... se i tanti addetti al settore si giustificano sempre dicendo che questi non sono tifosi ma teppisti allora bisogna agire di conseguenza... Leggi certe e pene ancora più certe... Se in Inghilterra sono riusciti ad estirpare dal loro calcio il fenome "holighans" non vedo perchè "noi" italiani non possiamo "cacciar" via dagli stadi queste "persone"... Per ultimo: meno male che tante famiglie "sagge" non hanno aderito all'invito di far occupare, gratuitamente, il settore della curva sud (quello riservato agli ospiti) ai propri figli... Spero che la squadra della nostra città torni presto in serie "A" perchè la serie cadetta è dura sotto tutti i punti di vista...

    Rispondi

  • Lory

    19 Maggio @ 09.25

    Le forze dell’ordine, essendo la trasferta proibita, invece che accogliere i tifosi dell’Inter al casello dell’autostrada e portarli con gli autobus fin sotto il Tardini, dovevano rispedirli a casa. Chi c’era ieri davanti allo stadio sa cosa è successo, siamo stati trattati da ospiti in casa nostra, come succede ogni volta che si presentano “certe” tifoserie. Complimenti al Questore ed al Prefetto! Ora chi li paga i danni fatti alla nostra città? A chi dobbiamo presentare il conto? E’ una VERGOGNA!!

    Rispondi

  • un parmigiano

    19 Maggio @ 09.23

    E questa la chiamano sicurezza....e pensare che proprio per la "domenica della speranza" la maggior parte dei parmigiani avrebbe, ripeto avrebbe voluto dimostrare a tutta l'italia calcistica e non, che cosa vuol dire la "parmigianità", era in programma una domenica di festa nonostante il risultato fosse stato a nostro sfavore. per iniziare era in programma un ritrovo da parte non solo della tifoseria, ma di tutti i parmigiani, un ultimo caloro "abbraccio" alle 13 davanti all'ingresso del "glorioso tardini", ma purtroppo un orda di barbari, liberi di scorazzare nella nostra casa, magicamnete liberi nonostante un divieto alquanto discutibile di entrare allo stadio. Ma visto che le leggi italiane, come i suoi plitici sono fatti a modo loro, entità non certe, e visti i fatti, mancanti di concretezza, gli "amici interisti" sono arrivati a PARMA per fare il bello e il cattivo tempo. Mi chiedo se il prefetto e il questore si rendano conto dei danni provocati alla nostra amata città, e spero si facciano un grosso esame di coscienza a riguardo delle loro capacità di poter mantenere l'ordine in occasioni come una partita di calcio. io so solo che quella che doveva essere una "festa comunque fosse andata", si è trasformata in una invasione violenta e irrispettosa da parte di gente incivile. Mi chiedo chi pagherà i danni all'asilo,al bar, alle macchine, agli autobus, al manto erboso del tardinie alle persone. Per non parlare del fine partita, mi chiedo se io fossi entrato in campo a milano alla fine della partita, quante botte e anni di diffida mi sarei preso, Comunque penso che non l'avrei mai fatto per rispetto sia della tifoseria di casa, sia delle norme cosidette "speciali", ma sono fatte solo per alcuni, perchè a napoli, milano, roma per fare alcuni esempi le tifoserie fanno sempre ciò che vogliono....ma così è l'italia....ormai ci siamo "abituati"?... no, basta bisogna cambiare!!! orgoglioso di essere parmigiano e di averci creduto fino alla fine.

    Rispondi

  • pier

    19 Maggio @ 09.17

    CHE VERGOGNA PER LA CITTA' CIVILE DI PARMA, COMPLIMENTI PER LE DECISONI DEI RESPONSABILI DELL'ORDINE PUBBLICO DI FARE ARRIVARE I TIFOSI AVVERSARI, SENZA POTERE ENTRARE, FINO AL PETITOT A 20 METRI DAI PARMIGIANI IN FILA ACCALCATI DAVANTI A UNA PORTICINA DI 1 METRO FERMATI DAGLI STEWARD PER UN CONTROLLO ASSURDO CHE NON AVVENIVA NEANCHE !!.ROBA DA MATTI, SE GLI INTERISTI SFONDAVANO POVERI NOI E I NOSTRI BAMBINI IN FILA CON RISCHIO DI ESSERE SCHIACCIATI. BEN VENGA LA B COSI' STIAMO LONTANO DA QUESTI INCOMPETENTI

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

7commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

2commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

5commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: 5 passi nel nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto