22°

Parma

Caso Bonsu, la "verità" dei vigili

Caso Bonsu, la "verità" dei vigili
Ricevi gratis le news
0

 Raccontano  la loro verità su quel pomeriggio al parco  leggendo una memoria. Scandendo i ricordi davanti al giudice. O consegnando uno scritto.  Hanno deciso di non farsi interrogare, solo dichiarazioni spontanee sull'operazione antidroga del 29 settembre 2008 che portò al fermo di Emmanuel Bonsu.    A farsi avanti, ieri pomeriggio, nell'ultima udienza prima della discussione finale,  sono l'ex vice comandante Simona Fabbri, l'ispettore  Stefania Spotti e gli agenti Andrea Sinisi, Graziano Cicinato e  Giorgio Albertini. Tutti imputati, insieme agli agenti Mirko Cremonini, Marco De Blasi, gli unici due che si sono sottoposti all'interrogatorio in aula,  e Pasquale Fratantuono,  di lesioni aggravate, sequestro di persona, calunnia e falso nei confronti di Bonsu, uscito con un occhio pesto da quell'operazione al parco Falcone e Borsellino.

L'ex  vice comandante  chiarisce subito che l'operazione nacque dopo l'esposto girato al comando dall'allora assessore alla Sicurezza, Costantino Monteverdi. «Come peraltro fece moltissime altre volte», dice.   E poi ribadisce con forza, riferendosi ai suoi colloqui con l'allora comandante Emma Monguidi: «Io non avrei mai proceduto se non mi avessero autorizzato».  Racconta di  aver partecipato al fermo dello spacciatore palestinese bloccato  quel pomeriggio al parco, ma precisa di non avere  nulla a che vedere  con quello di Bonsu  e dei ragazzini minorenni. «Prima di lasciare il comando, quella sera - aggiunge -  avvertii il pm di turno, la dottoressa Licci,  che erano stati fermati dei minorenni, ma gli parlai anche del palo, perché  ricordo che il pm mi chiese se era minorenne».  
Nulla, invece, su ciò che avvenne al comando, su come in particolare fu trattato Bonsu durante le quattro ore in cui fu trattenuto, perché - aggiunge -  «io andai nel seminterrato (dove era trattenuto il ragazzo, ndr),  forse un paio di volte, solo per prendere un caffè e una bottiglietta d'acqua».
Nemmeno Cicinato, secondo quanto racconta, partecipò  al fermo di Bonsu. Ma sul ragazzo afferma: «Al parco notai che incrociò lo sguardo dello spacciatore e poi mosse il braccio mentre teneva in mano il telefonino. Per questo ipotizzai che fosse il complice».  Poi Cicinato ripercorre la sua presenza al comando in via Del Taglio, dopo essere rientrato dall'operazione, analizzando i fotogrammi delle telecamere che lo riguardano.   E ribadisce il fatto di essere uscito dalla sede per raggiungere la questura verso le 20,30: un'assenza di 40-45 minuti per far controllare i cartellini fotosegnaletici   dello spacciatore e di Bonsu.
Chi, invece, sottolinea di aver partecipato al fermo del ragazzo ghanese al parco, è Sinisi. «Non sono mai entrato in contatto con lui. Fu ammanettato, ma mai usai violenza nei suoi confronti né ho visto i colleghi usare violenza». L'agente sostiene di aver gridato più volte «alt, polizia» mentre rincorreva Bonsu.  «Non ho mai detto che fu il ragazzo a procurarmi la lesione al ginocchio, ma mi ferii durante l'inseguimento», precisa.  Mai, poi, avrebbe firmato atti falsi  sulla vicenda. E poi  dà una mano al collega De Blasi, inguaiando  Fernando Villani, l'agente già condannato in primo grado   a 2 anni e 10 mesi con rito abbreviato: «Ho saputo da Fratantuono che a fare  la foto ad Emmanuel   (quella scattata dentro al comando, ndr) fu Villani», sottolinea.
Tutta incentrata, invece,   sulla propria storia personale la dichiarazione davanti al giudice   di Stefania Spotti che, oltre ad aver consegnato una memoria difensiva,  dice: «Dall'età di 17 anni ho fatto volontariato con minori e tossicodipendenti e   catechismo. Sono entrata in polizia perché credo nella giustizia e nel valore delle regole».  
Silenzio, invece, da parte di Albertini, che per la prima volta è comparso in aula. La sua ricostruzione di quel pomeriggio al parco  e del secondo atto al comando è stata affidata ad alcune pagine scritte  consegnate al giudice.
Ma quella di ieri era anche  l'ultima occasione per  partire al contrattacco da parte dei difensori.  Il giorno in cui, terminata l'istruttoria del processo, era possibile chiedere l'ammissione di nuovi elementi di prova per poter dimostrare che gli otto  vigili sono finiti ingiustamente sotto accusa.  E c'è chi ha chiesto  una perizia  psichiatrica  su Emmanuel Bonsu,  uscito con un occhio tumefatto  da quell'operazione antidroga al parco Falcone e Borsellino.   Un accertamento,  secondo l'avvocato Elisa Pigozzi, difensore  di Mirko Cremonini,  per «poter valutare  se eventuali danni psichici pregressi  ai fatti possano  aver influito sullo stress post traumatico di Bonsu». 
Dalla richiesta di perizia a quella di un sopralluogo al parco, avanzata dall'avvocato Noris Bucchi, difensore dell'ex vice comandante  Simona Fabbri, per verificare i luoghi  teatro dell'operazione.  Ma c'è anche spazio per richiedere la  riammissione della testimonianza del medico del Pronto soccorso che diagnosticò a Bonsu una prognosi di due giorni, mentre poco dopo fu ricoverato per la frattura del pavimento orbitale.  Sono solo  alcune delle numerose istanze  avanzate  ieri dagli avvocati. Proposte a cui si sono opposti sia il pm Roberta Licci che la parte civile, oltre all'avvocato difensore del Comune, Pier Luigi Collura.  Una lunga serie di richieste che, dopo oltre due ore di camera di consiglio, il giudice Paolo Scippa ha respinto in toto.    In  particolare, riferendosi alla perizia psichiatrica, il magistrato ha parlato di una richiesta «infondata e priva di rilevanza probatoria». 
Chiusa l'istruttoria, dopo l'estate si entrerà nella fase finale. La requisitoria del pm è fissata per il 19 settembre.  E la sentenza  arriverà sicuramente entro l'anno.G. Az.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

4commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Anteprima Gazzetta

Intervista all'avvocato parmigiano che sparò ai ladri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

CATALOGNA

200mila manifestanti in piazza a Barcellona

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

2commenti

SPORT

CHAMPIONS

Napoli battuto a Manchester: recrimina per un rigore sbagliato

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»