-2°

Parma

La lettera - Quei giocatori di baseball in Cittadella

Ricevi gratis le news
15

Questa la lettera inviata da un lettore, Francesco, al nostro sito:

Buongiorno,

Volevo segnalare al vostro giornale un evento che si ripete ormai giornalmente e che allo stesso tempo un po' condivido e un po' non. Io e mia moglie siamo degli abituali "podisti" della Cittadella e per due o tre volte la settimana andiamo a farci una corsa dopo il lavoro verso sera. E' da un po' di tempo che nel prato a destra del ponte di ingresso (entrando al parco da Viale Martiri) si apposta un gruppo di ragazzi cubani/caraibici/sudamericani per intavolare una partita di baseball. Ogni giorno che passa il gruppo è sempre più numeroso.
Premetto, per non passare per il contestatore di turno degli extracomunitari, che sono un grande appassionato di baseball e di altri sport made in USA e so benissimo che le nazioni da cui provengono questi ragazzi amano alla follia questo sport. Infatti apprezzo molto anche il fatto di vedere questi ragazzi che si ritrovano a giocare il loro sport preferito tra risate ed esclamazioni spagnoleggianti (quasi quasi andrei anch'io a giocare con loro!). L'unico problema è che il battitore di turno si piazza sotto il muro del primo bastione e se la natura l'ha dotato di un buon istinto e di una moderata forza nelle braccia, questo riesce a scagliare la palla molto lontano, ad una distanza che più o meno coincide con il passaggio pedonale. Io una volta ho visto arrivare una palla contro luce verso di noi e non ho potuto fare altro che mettermi le mani sulla zucca sperando in bene, mentre la volta dopo ho visto una palla sfiorare la schiena ad una coppia di anziani. Non vorrei che prima o poi una pallinata (la palla da baseball ha un'anima di piombo e anche negli stadi della Major League si consiglia agli spettatori di non perdere mai di vista l'azione in campo proprio per non rischiare di venire colpiti) vada a finire in testa a qualcuno, magari ad un bambino piccolo, evento dal quale anche i poveri ragazzi cubani trarrebbero spiacevoli conseguenze. Ripeto, non ce l'ho con loro perché sono semplicemente extracomunitari, anzi (mi darebbero fastidio allo stesso modo dei parmigiani), ma penso che questo loro passatempo sia abbastanza rischioso per la gente che transita dentro e fuori dalla Cittadella. Forse basterebbe che battessero verso l'alto muro del primo bastione, ma anche li alcune palle battute male potrebbero volare all'indietro verso la gente (cosa che succede spessissimo anche nelle partite vere, infatti dietro il battitore ha una rete di protezione molto alta).
Non so, sarebbe brutto negargli questo loro passatempo e questo bel ritrovo, ma ogni volta che li vedo e che passo da li non posso fare altro che accelerare il passo sperando che non arrivi un homerun del battitore, augurando allo stesso tempo un in bocca al lupo a chi passerà dopo di me :-)
Grazie dell'attenzione.
Saluti.
Francesco

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giovanni

    23 Luglio @ 16.58

    ma e problema di razzismo o di rompere alla gente che si diverte a giocare baseball con una palla fatta di rotoli di calze...e noi nn siamo cubani ma siamo dominicani e nn siamo extracomunitari ma siamo cittadini e paghiamo le stesse tasse che pagano tutti... e sono uno di quei ragazzi che gioca li .. e chi vuole giocare ben venga perche qua tutti anno lo stesso diritto di tutti....e meglio divertisi che rubare o spacciare nel parmense mkt

    Rispondi

  • giovanni

    23 Luglio @ 16.46

    sono un passante e vado contro questo giudizzio perche la palla e fatta di calze e nn e affato pericoloso ..quindi e meglio divertirsi sani

    Rispondi

  • fabrizio ferrari

    22 Luglio @ 17.56

    Le partite a baseball da tanara in via bernini sono nei miei ricordi e nella storia di tanti amici ,quindi posso dire che invidio quei ragazzi che giocano in cittadella e si divertono come facevamo noi. anche allora c'era chi si lamentava delle pallinate e delle urla ,giocate pure, anche quelli saranno ricordi. fanno sport ,si divertono e sono molto meno pericolosi di altri che non hanno mazze e palline ma bottiglie di birra e droga.

    Rispondi

  • Pietro

    22 Luglio @ 15.13

    Non c'era Internet dove lamentarsi C'era la gazzetta dove scrivere e lo spagnoleggiante era il grande Guzman. Da giovane ho giocato a baseball in Cittadella, nei campi di via Zarotto, a san Benedetto con sacchetti di plastica come basi, senza protezioni, senza reti, grasso che colava quando c'era la maschera del catcher nessuno ci ha mai detto niente. Anzi andava di moda un gioco ancor ben più pericoloso Il Gerlo, quel pezzo di legno appuntito se lo colpivi bene schizzava via come un razzo. Appena più grande sono andato per un periodo negli Stati Uniti e anche li bastava un prato libero per tirare palle e cercare di batterle più lontano possibile, nessuno si è sognato mai di lamentarsi o dirci qualche cosa. Sono d'accordo che una palla da baseball può far male ma come tutte le cose c'è da fare attenzione come andare in bicicletta, in auto, e correrre a piedi. Forse che anche se attraversa la strada sulle striscie non guarda a dx e a sx e si assicura che nessunoi passi? Non credo che si possa recintare tutti i campi dove si voglia fare due tiri a pallone o due lanci a baseball, lasciamo che i ragazzi si divertano e si aggreghino spontaneamente. Non Rompiamo. Quei ragazzi se non sono gia stati plagiati da noi se colpiranno qualcuno chiederenno scusa e si vergogneranno dipiacendosi tantissimo quasi vergognandosi se invece qualcuno prende una pallonata passando vicino a dove qualche ragazzo gioca a pallone con la maglia giallo blu grasso che cola se non viene mandato a... Per Luca adesso i pomodori si raccolgono con le macchine non c'è bisogno di tanta gente.

    Rispondi

  • new boy 1973

    22 Luglio @ 11.41

    ...TUTTA COLPA DELLA MOVIDA....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Finardi, una grande voce e un immenso cuore al Regio Foto

confartigianato

Finardi, una grande voce e un immenso cuore al Regio Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Lealtrenotizie

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

PARMA 2020

«Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

fidenza

Con una borsa modificata ruba vestiti per 6mila euro all'outlet: arrestato

1commento

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

serie b

Parma, confronto tra giocatori, staff e proprietà: al momento D'Aversa resta Video

6commenti

serie B

Il Frosinone vince e (con l'Empoli) vola in fuga La classifica

1commento

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

15commenti

Ko a Empoli

Parma rosso di vergogna

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

1commento

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

OAXACA

Ancora terremoto in Messico: scossa di magnitudo 5.9 nel sud

reggio emilia

Gli propone sesso ma gli ruba il finto Rolex: denunciata 25enne

SPORT

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa