22°

Parma

Quei 24 cicloturisti parmigiani nell'inferno di Oslo

Quei 24 cicloturisti parmigiani nell'inferno di Oslo
Ricevi gratis le news
0

Gian Luca Zurlini

C'era anche un gruppo di parmigiani nella Oslo stravolta dall'attentato con l'autobomba che ha sconvolto, assieme alla strage di giovani innocenti compiuta sull'isola di Utoya. Sono un gruppo di 24 cicloturisti soci del Cral Cariparma che venerdì sera si sono ritrovati catapultati nell'atmosfera irreale della capitale norvegese dopo una settimana trascorsa pedalando nell'incantevole panorama dei fiordi. E, anche se sono stati solamente sfiorati dal dramma, hanno comunque vissuto appieno il clima di tensione che si respirava a Oslo, rischiando anche di dover ritardare il loro ritorno a Parma che era previsto per ieri.

Le testimonianze
«Abbiamo preso venerdì pomeriggio a Bergen l'aereo per ritornare a Oslo da dove poi saremmo ripartiti per l'Italia senza sapere nulla». A parlare è Cesare Quintavalla, uno dei componenti della comitiva tutta parmigiana. Che poi spiega: «Siamo atterrati all'aeroporto della capitale poco dopo le 19 e abbiamo capito subito che era successo qualcosa di grave. L'atmosfera era irreale, con un silenzio e una calma inusuali, ma anche molti più  agenti del normale.  Ma a farci realizzare che c'era stato un attentato sono stati gli schermi televisivi, che trasmettevano in continuazione immagini dei danni provocati dall'autobomba e anche di quello che stava succedendo sull'isola». Per la comitiva parmigiana non ci sono stati momenti di panico, ma di tensione e preoccupazione sì. «Quando siamo arrivati all'uscita dell'aerostazione per salire sul pullman che doveva portarci al nostro albergo - spiega il capocomitiva Daniele Barbarini - ci sono stati momenti  di incertezza estrema. Infatti, in un primo momento sembrava che buona parte del centro di Oslo potesse essere evacuato e, considerato che il nostro albergo si trovava a poco meno di un chilometro dalla zona dove è avvenuto l'attentato, abbiamo temuto di dover restare in aeroporto. Poi, finalmente, è stato dato il “via libera” e quindi siamo andati verso l'hotel».

I danni e la città deserta
Arrivati all'albergo senza problemi, però, i cicloturisti si sono trovati proiettati in un'atmosfera inusuale. «A poche decine di metri dall'ingresso dell'hotel c'erano gli sbarramenti della polizia che impedivano l'accesso alla zona dell'attentato, che distava diverse centinaia di metri - dice Quintavalla - ma il fatto che si vedevano vetri rotti e qualche pezzo di detrito anche a quella distanza ci ha fatto capire la violenza dello scoppio provocato dall'autobomba».   Lo scenario era totalmente diverso da quello abituale di una capitale nordica: «Una settimana prima - prosegue il cicloturista - avevamo passeggiato per il centro, passando anche non molto lontano dalla zona in cui è esplosa l'autobomba. L'altra sera, anche al di fuori della zona vietata, non c'era praticamente nessuno in giro. Abbiamo provato a entrare in una kebaberia per mangiare qualcosa, ma ci hanno detto che ci servivano qualcosa solo se andavamo a mangiarlo fuori. E poi  si capiva chiaramente che gli abitanti erano rimasti stupiti e sconvolti da quello che era avvenuto, anche perché non erano ancora ben chiare le motivazioni dell'attentato e chi erano i colpevoli». Così l'ultima sera norvegese della comitiva parmigiana si è trasformata in una visione della tv nelle camere dell'hotel, con le terribili immagini che arrivavano soprattutto dall'isola.

Il ritorno difficoltoso
Al risveglio di buon'ora di ieri mattina, poi, ci sono state altri strascichi. «Subito - spiega Barbarini - sembrava addirittura che venisse chiuso lo spazio aereo e quindi ci hanno detto che non si sapeva se l'aereo sarebbe partito. Poi siamo invece andati all'aeroporto e lì lo scenario era più vicino a quelli che si vedono in televisione negli aeroporti del Medio Oriente che a quello di una capitale del Nord Europa.  Dappertutto c'erano agenti armati fino ai denti  e poi ci hanno controllato documenti e bagagli per ben tre volte a causa della sospensione del trattato di Schengen.  Alla fine siamo partiti con un'ora di ritardo rispetto all'orario previsto, anche se fortunatamente nessuno di noi ha avuto gravi inconvenienti».  «Non abbiamo avuto paura - confessa Quintavalla - però di certo non è stato bello trovarsi proprio nel mezzo di una città così sconvolta. Fortuna ha voluto che tutto è successo quando ormai avevamo finito la nostra vacanza, che è stata bella e piena di momenti piacevoli, perché se l'attentato ci fosse stato una settimana prima di certo non sarebbe stata la stessa cosa per noi».   Per i 24 cicloturisti parmigiani, dunque, rimane il ricordo di una vacanza piacevole («pensi che siamo anche stati intervistati  da alcuni giornali locali perché eravamo una comitiva insolitamente numerosa») conclusa in un modo assolutamente imprevedibile. «Di certo, andando in Norvegia non pensavamo di incappare in problemi di terrorismo e di attentati, ma per fortuna ne siamo stati soltanto sfiorati», conclude Barbarini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

20commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Vola con la tuta alare e si schianta: morta una donna

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»