-2°

Parma

Quei 24 cicloturisti parmigiani nell'inferno di Oslo

Quei 24 cicloturisti parmigiani nell'inferno di Oslo
Ricevi gratis le news
0

Gian Luca Zurlini

C'era anche un gruppo di parmigiani nella Oslo stravolta dall'attentato con l'autobomba che ha sconvolto, assieme alla strage di giovani innocenti compiuta sull'isola di Utoya. Sono un gruppo di 24 cicloturisti soci del Cral Cariparma che venerdì sera si sono ritrovati catapultati nell'atmosfera irreale della capitale norvegese dopo una settimana trascorsa pedalando nell'incantevole panorama dei fiordi. E, anche se sono stati solamente sfiorati dal dramma, hanno comunque vissuto appieno il clima di tensione che si respirava a Oslo, rischiando anche di dover ritardare il loro ritorno a Parma che era previsto per ieri.

Le testimonianze
«Abbiamo preso venerdì pomeriggio a Bergen l'aereo per ritornare a Oslo da dove poi saremmo ripartiti per l'Italia senza sapere nulla». A parlare è Cesare Quintavalla, uno dei componenti della comitiva tutta parmigiana. Che poi spiega: «Siamo atterrati all'aeroporto della capitale poco dopo le 19 e abbiamo capito subito che era successo qualcosa di grave. L'atmosfera era irreale, con un silenzio e una calma inusuali, ma anche molti più  agenti del normale.  Ma a farci realizzare che c'era stato un attentato sono stati gli schermi televisivi, che trasmettevano in continuazione immagini dei danni provocati dall'autobomba e anche di quello che stava succedendo sull'isola». Per la comitiva parmigiana non ci sono stati momenti di panico, ma di tensione e preoccupazione sì. «Quando siamo arrivati all'uscita dell'aerostazione per salire sul pullman che doveva portarci al nostro albergo - spiega il capocomitiva Daniele Barbarini - ci sono stati momenti  di incertezza estrema. Infatti, in un primo momento sembrava che buona parte del centro di Oslo potesse essere evacuato e, considerato che il nostro albergo si trovava a poco meno di un chilometro dalla zona dove è avvenuto l'attentato, abbiamo temuto di dover restare in aeroporto. Poi, finalmente, è stato dato il “via libera” e quindi siamo andati verso l'hotel».

I danni e la città deserta
Arrivati all'albergo senza problemi, però, i cicloturisti si sono trovati proiettati in un'atmosfera inusuale. «A poche decine di metri dall'ingresso dell'hotel c'erano gli sbarramenti della polizia che impedivano l'accesso alla zona dell'attentato, che distava diverse centinaia di metri - dice Quintavalla - ma il fatto che si vedevano vetri rotti e qualche pezzo di detrito anche a quella distanza ci ha fatto capire la violenza dello scoppio provocato dall'autobomba».   Lo scenario era totalmente diverso da quello abituale di una capitale nordica: «Una settimana prima - prosegue il cicloturista - avevamo passeggiato per il centro, passando anche non molto lontano dalla zona in cui è esplosa l'autobomba. L'altra sera, anche al di fuori della zona vietata, non c'era praticamente nessuno in giro. Abbiamo provato a entrare in una kebaberia per mangiare qualcosa, ma ci hanno detto che ci servivano qualcosa solo se andavamo a mangiarlo fuori. E poi  si capiva chiaramente che gli abitanti erano rimasti stupiti e sconvolti da quello che era avvenuto, anche perché non erano ancora ben chiare le motivazioni dell'attentato e chi erano i colpevoli». Così l'ultima sera norvegese della comitiva parmigiana si è trasformata in una visione della tv nelle camere dell'hotel, con le terribili immagini che arrivavano soprattutto dall'isola.

Il ritorno difficoltoso
Al risveglio di buon'ora di ieri mattina, poi, ci sono state altri strascichi. «Subito - spiega Barbarini - sembrava addirittura che venisse chiuso lo spazio aereo e quindi ci hanno detto che non si sapeva se l'aereo sarebbe partito. Poi siamo invece andati all'aeroporto e lì lo scenario era più vicino a quelli che si vedono in televisione negli aeroporti del Medio Oriente che a quello di una capitale del Nord Europa.  Dappertutto c'erano agenti armati fino ai denti  e poi ci hanno controllato documenti e bagagli per ben tre volte a causa della sospensione del trattato di Schengen.  Alla fine siamo partiti con un'ora di ritardo rispetto all'orario previsto, anche se fortunatamente nessuno di noi ha avuto gravi inconvenienti».  «Non abbiamo avuto paura - confessa Quintavalla - però di certo non è stato bello trovarsi proprio nel mezzo di una città così sconvolta. Fortuna ha voluto che tutto è successo quando ormai avevamo finito la nostra vacanza, che è stata bella e piena di momenti piacevoli, perché se l'attentato ci fosse stato una settimana prima di certo non sarebbe stata la stessa cosa per noi».   Per i 24 cicloturisti parmigiani, dunque, rimane il ricordo di una vacanza piacevole («pensi che siamo anche stati intervistati  da alcuni giornali locali perché eravamo una comitiva insolitamente numerosa») conclusa in un modo assolutamente imprevedibile. «Di certo, andando in Norvegia non pensavamo di incappare in problemi di terrorismo e di attentati, ma per fortuna ne siamo stati soltanto sfiorati», conclude Barbarini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

nuoto

Europei, tris d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

SOCIETA'

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5