Parma

L'opposizione chiede chiarimenti su "fatture non regolari" per 6 milioni

Ricevi gratis le news
1

I capigruppo dell'opposizione Giorgio Pagliari (Pd) e Marco Ablondi (Prc) hanno presentato un'interrogazione relativa ai contenuti della lettera aperta che l'ex direttore generale Carlo Frateschi ha inviato al Comune nei giorni scorsi. Pagliari e Ablondi chiedono spiegazioni su atti di pagamento per «fatture non regolari» che ammonterebbero a 6 milioni di euro. Il Comune, attraverso una nota, precisa che non è corretto parlare di «fatture non regolari».

IL TESTO DELL'INTERROGAZIONE DI PAGLIARI E ABLONDI.
Premesso che:
in data 29.06.2011  è stata pubblicata dagli Organi d’informazione locali una lunga lettera dell’allora Direttore Generale del Comune che riassumeva i suoi circa 12 anni di attività alle dipendenze dell’Amministrazione civica;
la lettera terminava con la “forte” affermazione che qui si riporta: “Tuttavia, non sono né disposto né disponibile ad assumere eventuali RESPONSABILITA’ O COLPE altrui delle quali non sono tenuto a rispondere.”;
quel che qui maggiormente interessa, però, è quanto si legge al punto n. 2 e alla lettera c) del punto n. 3 che di seguito si riportano: “2. i fatti sotto il profilo civilistico (il danno per l’Ente) Io, E NON ALTRI, ho, invadendo il campo delle autonomie dei dirigenti, contestato e quindi sospeso sin dall’aprile del 2009 atti di pagamento di fatture per circa 6 milioni di euro formalmente già predisposti, perché emergevano, nell’ambito delle prestazioni dell’appalto del verde, controlli carenti  rispetto a quanto stabilito nel contratto. Ho quindi evitato qualsiasi danno emergente per l’Amministrazione riferito ai fatti sui quali la Magistratura sta indagando;3. i fatti sotto il profilo penale (la vigilanza )  c) il Responsabile manutenzioni del verde è stato sottoposto tempestivamente ad un’azione ispettiva da parte del sottoscritto che un anno fa aveva prodotto su richiesta riservata del Sindaco una relazione riservata, anche a firma dell’Ispettore Generale, che non lasciava dubbi e che ha determinato da parte del Sindaco azioni conseguenti a tutti note”.
Le affermazioni dell’allora Direttore Generale non possono lasciare indifferenti proprio alla luce degli sviluppi dell’indagine penale che ha portato in carcere ben 11 persone:
Si rende pertanto indispensabile acquisire piena conoscenza, sul piano amministrativo, sia dei fatti che dei comportamenti che hanno consentito la predisposizione di “atti di pagamento di fatture per circa 6 milioni di euro  che  avrebbero dato luogo a “..danno emergente per l’Amministrazione”, che delle risultanze della “azione ispettiva” svolta dall’allora Direttore Generale nei confronti  del “Responsabile manutenzioni del verde” e della conseguente  “Relazione riservata, anche a firma dell’Ispettore Generale che non lasciava dubbi e che ha determinato da parte del Sindaco azioni conseguenti a tutti note”, tranne che agli scriventi, che hanno depositato anche richiesta di accesso agli atti.
Tutto ciò premesso, i sottoscritti Consiglieri comunali
C H I E D O N O
a) come possano essere stati predisposti atti di pagamento per fatture “non regolari” di circa 6 milioni di euro?
b) se e quali eventuali provvedimenti siano stati assunti per evitare il ripetersi di analoghe situazioni e per sanzionare eventuali comportamenti non corretti?
c) quali sono le “azioni conseguenti a tutti note” che il Sindaco avrebbe assunto (così scrive l’allora Direttore generale) dopo aver ricevuto la relazione riservata del Direttore Generale sottoscritta anche dall’Ispettore Generale “che non lasciava dubbi”?
d) oltre ad eventuali misure cautelative e sanzionatorie di carattere amministrativo sono stati segnalati all’autorità giudiziaria e alla Corte dei Conti eventuali comportamenti omissivi che avrebbero o possono aver generato danno erariale per l’amministrazione?

IL COMUNE: «NUOVO SISTEMA DI CONTROLLI». In riferimento all’interrogazione dei consiglieri Ablondi e Pagliari, si precisa che non è corretto parlare di «fatture “non regolari” di circa 6 milioni di euro». Infatti il blocco dei pagamenti non deriva dalla constatazione dell’irregolarità delle fatture in questione. Si tratta in realtà di una misura cautelativa, dal momento che si era  riscontrata una carenza nei controlli rispetto a quanto previsto nel contratto. 
Va inoltre sottolineato che, a tutt’oggi, il pagamento delle fatture è ancora bloccato. 
Per  le fatture successive, sono state messe in atto le modalità di controllo previste dal contratto; è stata quindi indetta una nuova gara, per individuare  nuovi fornitori  con  nuove modalità di  verifica e  di controllo.
Si precisa infine che è stato sostituito il dirigente responsabile delle manutenzioni.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • franco

    30 Luglio @ 02.13

    6.000.000 A CHI E PER CHE COSA A FIRMA DI CHI'''??? SCUSATE MA LA RISPOSTA DEL COMUNE E' QUANTOMENO FUMOSA!!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Poliziotti americani presi in un "fuoco incrociato"

usa

I bambini fanno a palle di neve coi poliziotti Video

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Arrestato insegnante di musica: i due anni da incubo di un'allieva

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

1commento

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

1commento

colorno

Approfittano del caos dovuto alla piena per svaligiare due case Video

solidarietà

"Chi vuole ospitare sfollati di Lentigione?": Sorbolo e Mezzani aprono uno sportello

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

5commenti

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

usa

Il democratico Jones sconfigge Moore, schiaffo per Trump

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS