10°

22°

Parma

Strisce mortali: come intervenire?

Strisce mortali: come intervenire?
Ricevi gratis le news
23

Morire sulle strisce. Purtroppo succede ancora, nonostante i tanti interventi sulla segnaletica e sulla illuminazione.

Ma l'incidente di ieri (al di là degli accertamenti sulle cause specifiche, che ovviamente tocca alle forze dell'ordine) è l'ennesimo episodio che testimonia una situazione nuova, che si è accentuata con la diffusione delle piste ciclabili e con l'istituzione dei passaggi ciclo-pedonali, che si sono aggiunti alle "normali" strisce pedonali. La differenza è che sulle strisce pedonali hanno la precedenza solo i pedoni (mentre i ciclisti devono scendere dalla bicicletta), mentre gli atraversamenti ciclopedonali consentono al ciclista di attaraversare in bicicletta, mentre le auto devono dare precedenza.

I problemi sono: 1) la scarsa informazione di molti utenti della strada; 2) la difficoltà di distinguere di primo acchito i due tipi di attraversamento; 3) l'imprudenza e la velocità sostenuta di troppi automobilisti nel traffico cittadino; 4) l'imprudenza, viceversa, di troppi pedoni o ciclisti che talvolta si "buttano" sulle strisce in modo affrettato e irrazionale.

Occorre trovare qualche rimedio (ad esempio colorare in modo diverso i dude tipi di attraversamento), e occorre soprattutto magguore prudenza. Da parte di tutti. Per non avere altri morti.

Guarda le interviste del Tg Parma e vota il nostro sondaggio

LA TRAGEDIA DI IERI

Tragico incidente, intorno alle 11, in via Emilia ovest. Una donna che stava attraversando sulle strisce pedonali, ma sulla sua bicicletta, è stata travolta da una Lancia Lybra familiare, che sopraggiungeva, all'altezza del numero 23.

L'urto fra auto e bici è stato molto violento: la donna è stata sbalzata a distanza. Immediatamente sono giunti i mezzi del 118, e la ciclista è stata trasportata al Maggiore. Le sue condizioni sono state subito giudicate gravissime, e la donna è deceduta poco dopo.

L'incidente ha bloccato parte della carreggiata, e quindi la Polizia municipale ha chiuso la via Emilia ovest dalla rotatoria della Crocetta fino a piazzale Caduti del Lavoro, con conseguenti code nella viabilità.

Purtroppo è l'ennesimo episodio di questo genere. Nei giorni scorsi (vedi articolo) avevamo sottolineato la pericolosità che si è creata in città per la coesistenza di passaggi pedonali e ciclopedonali. Molti utenti della strada (che si tratti di pedoni, ciclisti o automobilisti) non conoscono bene la dfifferenza. E forse occorrerebbe anche una segnaletica più evidente per differenziare i due tipi di attraversamento.

(la foto dei rilievi ci è stata inviata da un lettore)

E nel primo pomeriggio (vedi articolo), un altro grave incidente si è verificato a Sissa: vittima un bambino. A Parma, sempre attorno alle 14, un camion dell'Enìa e uno scooter si sono scontrati sullo stradone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Antonella

    29 Settembre @ 12.52

    Le piste ciclabili esistenti sono molto pericolose perchè esistono solo dei tronconi. Gli attraversamenti vanno alzati per far andare le auto a velocità più consona ad una città abitata.

    Rispondi

  • Marco

    28 Settembre @ 18.23

    Non c'è soluzione se la gente non sta attenta: ci vuole rispetto per tutti sulla strada. All'estero quando uno passa sulle striscie l'auto si ferma e sono stiscie segnate per terra, niente di particolare. La colpa è di chi va come dei matti e le istituzioni dovrebbero aumentare le pene per chi non rispetta il codice della strada.

    Rispondi

  • Francy

    28 Settembre @ 13.39

    Bisognerebbe anche metter in sicurezza gli attraversamenti. Due esempi. Attraversamento ciclabile alla fine di via Pellico angolo via Spezia: a parte la discesa e salita del marciapiede sono ripidissime, l'attraversamento è messo in modo che chi (proveviendo da barriera Bixio) svolta da via Spezia in via Pellico) non vede in tempo le strisce ciclopedonali e spesso si trova davanti il ciclista. Franata brusca e pericolo di tamponamento da parte dell'auto che sta dietro. Stesso problema per chi svolta da via Calatafimi in via Volturno. Io percorro quei tratti sia come ciclista che come automobilista e mi rendo conto che in entrambi i casi ho problemi di visibilità.

    Rispondi

  • Angelo

    28 Settembre @ 09.28

    una cosa che si potrebbe attuare come avete detto voi della gazzetta sarebbe quello di colorare di diverso colore le strisce ciclopedonali in modo da distinguerle,poi magari mettere dei segnali visivi tipo una luce lampeggiante visibile magari di un colore diverso da quelli soliti del semaforo, sulla carreggiata attivata dal ciclista prima di attraversare, che poi si spegne dopo un tot di secondi quando ovviamente non c'è nessun ciclista che attraversa. Angelo

    Rispondi

  • Alle

    28 Settembre @ 00.28

    Vado in macchina, bici, moto e a piedi. In città 8 volte su 10 sono in bici. Mi capita spesso di vedere dei ciclisti kamikaze che attraversano rotatorie e strade con la testa tra le nuvole. senza guardare da nessuna parte. Le piste ciclabili sono poco usate.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

1commento

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

Calcio

Parma, cambia il modulo?

Contro l'Entella il tecnico D'Aversa potrebbe apportare qualche modifica al disegno tattico dei crociati

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

24commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

SCUOLA

Più di 1.100 supplenti in cattedra

BEDONIA

Telecamera a caccia di meteoriti

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

1commento

SPORT

Moto

MotoGp, Marquez leader nelle libere 1 in Australia

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto