-3°

Parma

Disturbi psichiatrici: ne soffrono 6 mila persone

Disturbi psichiatrici: ne soffrono 6 mila persone
Ricevi gratis le news
1

 Francesco Bandini

Oltre seimila persone. Tanti sono fra Parma e provincia coloro che sono seguiti dai Centri di salute mentale dell'Azienda Usl. Più di seimila persone (per la precisione 6.223, dati aggiornati alla fine del 2010) che soffrono in modo più o meno acuto di disturbi mentali. Sono loro i «matti» degli anni Duemila. Dentro ci si può trovare di tutto: dalle nevrosi alle psicosi, dai disturbi della personalità a quelli dell'umore, ma anche le patologie neuropsichiatriche dei minorenni e le dipendenze patologiche di chi ha problemi di droga o alcol. Insomma, i disturbi più diversi e, ovviamente, con i più diversi livelli di gravità, dai più lievi ai più acuti.
Ma dove sono tutte queste persone a Parma? A oltre trent'anni dalla chiusura dei manicomi, avvenuta con la legge 180 che ha radicalmente riformato il sistema psichiatrico italiano, sono ancora in tanti a porsi questa domanda. La risposta è duplice. Innanzitutto si può dire dove non sono: non sono in alcun posto che assomigli a un manicomio, specie a Parma, dove nel tempo l'offerta di assistenza a chi ha problemi di salute mentale ha raggiunto livelli di specializzazione e diversificazione che - anche quantitativamente - superano gli standard regionali. Sono invece in una rete, quella dei servizi messi in campo dal sistema sanitario territoriale. Una rete che, come spiega il direttore del Dipartimento assistenziale integrato di salute mentale e dipendenze patologiche dell'Ausl, Franco Giubilini, «fornisce risposte altamente diversificate e personalizzate, specifiche per il tipo di problema che la persona presenta». La maggior parte di queste persone ha esigenze di cura e supporto che non necessitano di ricovero in strutture psichiatriche di tipo ospedaliero o residenziale. Ogni persona con problemi di salute mentale viene presa in carico da un Centro di salute mentale (fra Parma e provincia i Csm sono 19), che predispone un piano di cura personalizzato. La maggior parte dei soggetti è seguita ambulatorialmente, potendo usufruire dell'assistenza psichiatrica, psicologica, infermieristica e riabilitativa che i Csm offrono. Ma la rete dispone anche di circa 300 posti letto di tipo residenziale, che vanno dai 15 posti del Diagnosi e cura, ai 14 del Servizio psichiatrico ospedaliero intensivo a direzione universitaria dell'Ugolino (che si trasferirà a breve al padiglione Braga), ai 40 posti di Villa Maria Luigia a Monticelli. Poi c'è tutta la rete dei posti letto di tipo residenziale e semiresidenziale, a diversi livello di intensità: residenze sanitarie a trattamento intensivo, a trattamento protratto, a trattamento socio riabilitativo, le comunità alloggio e i gruppi appartamento. «Tutte strutture - spiega Giubilini - con un'assistenza continuativa». Ma la cosa più importante, precisa, è quella che definisce «la visione dinamica del disturbo mentale: spesso si guarisce, quasi sempre si migliora, e in base all'evoluzione della situazione la persona può passare da un servizio a un altro. Sta in questo la riabilitazione». 
D’altra parte, come spiega lo stesso Giubilini, «il perno del trattamento non sono i posti residenziali, ma il trattamento sul territorio, e la regia delle cure è nei Csm. Fatti salvi casi di estrema urgenza psichiatrica, che dal pronto soccorso vengono inviati direttamente al Diagnosi e cura, tutti gli altri accedono alla rete di servizi attraverso i Csm». Diverse centinaia di persone vengono seguite anche a domicilio: «È il caso di chi, ad esempio, dopo un’esperienza in un gruppo appartamento, torna a una domiciliarità indipendente». Una cosa è certa, e Giubilini tiene a evidenziarla: «Non esisterebbe alcun ospedale psichiatrico in grado di contenere tutte le persone che afferiscono ai nostri servizi. L’unico modo è seguirle dove vivono, non escludendo interventi di tipo residenziale o anche ospedaliero per chi ne ha bisogno». Il concetto alla base di questo metodo è molto semplice: «Curare la persona e non la malattia: questo vale in tutta la medicina, ma specialmente in psichiatria, perché dietro a ogni persona c’è una specificità di problemi che va colta. E tutto questo non solo per un principio etico e di rispetto umano, ma anche per essere efficaci nelle cure. E l’efficacia del trattamento passa attraverso il principio della personalizzazione del progetto di cura». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Piero

    11 Agosto @ 09.07

    Cio che più mi lascia perplesso in tutto questo viavai di situazioni di degrado esistenziale ( lo dico per esperienza diretta avendone a che fare attualmente, mio malgrado, di persona con qualcuno di loro ) e' il fatto che, in determinate circostanze, si lascia all' assistito di turno, in regime di semiautonomia sociale, la facoltà se farsi curare o meno ( nel caso preso da me in esame si tratta di caso di alcoolismo ), nonostante l' evidente necessità di mettere in atto, da parte delle strutture preposte, trattamenti periodici in regime di TSO. Il mio intervento non vuol certo mostrarsi come un atto di accusa nei confronti di chicchessia, ma ritengo che un minimo di attemzione in più, in rapporto al percorso di riabilitazione sanitaria e reinserimento sociale di questo tipo di soggetti, non sia da sottovalutare.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Itis Berenini

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

REGIONE

Ambiente e problemi idrogeologici: 55 milioni di euro per Parma e Colorno

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

Il giovane aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

7commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento