Parma

Visto da Parma - Con i simboli non si scherza

Ricevi gratis le news
2

di Pino Agnetti

Adesso che le acque si sono almeno parzialmente calmate, c’è modo e spazio per porre una semplice domanda: che bisogno c’era? Che bisogno c’era, in questa estate già destinata a entrare negli annali come una delle più tristi e anche vergognose della storia di Parma, di andare a inventarsi un incredibile quanto mortificante dualismo toponomastico fra due eroi immortali della Repubblica, quali appunto Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, e due “eroi” sì - ma del piccolo schermo e della risata - come Raimondo Vianello e Sandra Mondaini? 

Eppure, l’impresa non solo è stata pensata e tentata, ma addirittura difesa a oltranza con argomentazioni di una goffaggine pari solo alla totale assenza del ridicolo. Salvo poi compiere una – ahimé – tardiva e abbastanza contorta retromarcia quando il disastro (l’ennesimo) anche di tipo mediatico era già stato fatto. Tanto da essere ripreso, con toni giustamente a metà fra l’allibito e lo scandalizzato, pure dalla grande stampa nazionale. Di questo passo, va già bene che sotto i Portici del Grano non si siano fatti venire l’idea di sostituire la statua di Garibaldi nella principale piazza cittadina con quella di Mike Bongiorno. Il quale una statua la meriterebbe pure (per la verità ci hanno già pensato in parecchi). Ma che, di fronte alla colossale gaffe al limite dell’insulto storico che ha coinvolto indirettamente i suoi grandi amici Sandra e Raimondo, sarebbe stato costretto a mutare il suo proverbiale motto “Allegria!” in un afflitto e sconsolato “Malinconia!” (dal dizionario dei sinonimi e contrari ).
E poi scusate. Si voleva dare un lustro maggiore ai due magistrati trucidati da Cosa Nostra tramite l’intitolazione di una via o di un luogo ancora più rilevanti nel contesto urbano locale? Benissimo. Ma allora la cosa andava affrontata non nel chiuso di una Commissione o di una riunione di Giunta. Bensì, alla luce del sole. Coinvolgendo e “sondando” preventivamente la città. Quella stessa collettività che, da anni ormai, conosce e frequenta il parco in questione. E per la quale quest’ultimo resterà, per sempre, “il posto di Falcone e Borsellino”. D’accordo. Niente più di un prato verde su cui giovani e anziani si ritrovano a camminare e a sostare sotto gli alberi. Ma, proprio perciò, legato indissolubilmente a un simbolo che - per chi c’è stato e vi si è raccolto dinanzi in silenzioso omaggio - rappresenta un pezzo di storia insieme tragica e nobile della Nazione: l’albero di Falcone a Palermo. 
Anche per questo dire con toni palesemente stizziti che la decisione finale “spetta a chi governerà Parma nel 2012”, invece che riparare la tela, la lascia spiacevolmente quanto inutilmente strappata. Anche perché buttato lì senza neppure abbozzare un semplice (e certo assai più convincente e apprezzabile): “E’ vero, anche se non era questa la nostra intenzione, ci siamo sbagliati…”. Motivo in più per ribadire oggi che quel parco dovrà continuare a chiamarsi comunque, e a prescindere dai futuri assetti amministrativi di Parma, come si chiama adesso. E’ l’opinione non solo di chi scrive. Ma di tutti i parmigiani, non importa di quale colore politico, convinti in cuor loro che si può anche scherzare su tutto. Ma non con i simboli.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Pino Agnetti

    13 Agosto @ 20.11

    Vedo che nemmeno l'imminente Ferragosto induce al riposo e a un salutare consiglio il "signor Nocciola" (o chi per lui). Il quale, tra un'offesa gratuita di qua e una sparata da neurodeliri di là, insiste nel difendere l'indifendibile e nel coprirsi di ridicolo. Il tutto però mascherandosi - stavolta sì saggiamente - dietro il solito anonimato che, tanto per restare in argomento, sa tanto di cultura mafiosa. Non varrebbe nemmeno la pena di rispondere se di mezzo non ci fossero i nomi di Giovanni Falcone e di Paolo Borsellino. Forse mentre loro lottavano e morivano per difenderci, qualcun altro studiava già come difendere la "casta" sperando di ricavarne in cambio qualche misero avanzo. Auguri dunque di buon ferragosto, "sig. Nocciola": la sua brava parte l'ha fatta anche stavolta e certo qualcuno le sarà riconoscente. Prima, però, lasci che mi complimenti con lei per il freudiano e davvero geniale soprannome. Cos'è: forse le si è rotto qualcosa? Pino Agnetti

    Rispondi

  • Nocciola

    13 Agosto @ 10.13

    non so chi sia sto Pino Agnetti, di sicuro è uno che non ha letto una riga di quanto accaduto su questa vicenda e, soprattutto, non ha letto le numerose precisazione di Fecci. Ma vabbeh, si sa che fare orecchie da mercante è un'abitudine molto diffusa. Di sicuro non conosceva nemmeno i Vianello, dato che "allegria" era il motto di Mike Bongiorno. Forse sarebbe il caso di far scrivere i commenti a persone più scrupolose, che si leggono gli articoli e tengono in considerazione TUTTI gli aspetti della vicenda in questione. Ma si preferisce ignorare la delibera del 2007, così come si preferisce ignorare che Fecci si è insediato nel 2009. Quindi le pretese di lasciare certe questioni a chi verrà in futuro, non tiriamole fuori solo quando fa comodo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS