-2°

Parma

Editoriale - Berlusconi bugiardo Ha tradito il ceto medio

Ricevi gratis le news
85

Giuliano Molossi

E'un Ferragosto amaro per molti italiani, vittime di una manovra odiosa e iniqua che colpisce solo i lavoratori dipendenti che vivono del proprio stipendio e che già pagano le tasse fino all'ultimo euro.
Il contributo di solidarietà (hanno avuto la faccia tosta di chiamarlo così) graverà sui fessi, i soliti noti, quelli che sono spremuti come dei limoni, e non sfiorerà i furbi, quei lavoratori autonomi che, pur dichiarando molto meno di 90 mila euro all'anno, esibiscono, senza vergogna, fuoriserie, case, barche.
La manovra non tocca neppure le ricchezze finanziarie e quelle immobiliari. Si salvaguardano le rendite e i grandi patrimoni e ci si accanisce sui redditi, senza capire che sono questi ultimi a far girare l'economia. Colpendo i redditi, e in un modo così violento, non si comprende che si deprimeranno i consumi. Il popolo dei tartassati dovrà rinunciare a ristoranti, viaggi, divertimenti. Berlusconi, patetico, dice che il suo cuore gronda sangue per essere stato costretto dalle circostanze ad aumentare le odiate tasse. Balle. Berlusconi non ha un cuore. Se l'avesse non si accanirebbe contro il ceto medio al quale deve gran parte del suo successo. Il ceto medio gli ha perdonato tutto. Gli ha perdonato le Noemi, le D'Addario e le Ruby. Gli ha perdonato le leggi ad personam, ma non gli potrà mai perdonare questo furto, perché di furto si tratta.
Berlusconi è un bugiardo. Ha mentito al Paese. Ha detto che non avrebbe mai messo le mani nelle tasche degli italiani. Invece lo ha fatto. Ha messo, anzi ha affondato le sue mani in alcune tasche, non in tutte. E questo è ancora più grave perché, così facendo, si è reso responsabile di una grave ingiustizia. E' dal '94 che il premier ci prende in giro promettendo l'abbattimento della pressione fiscale per le famiglie e per le imprese. Vi ricordate il fortunato slogan «meno tasse per tutti»? Agli annunci non sono mai seguiti i fatti. E' dal '94 che ci racconta la favola delle tre aliquote. Avrebbe potuto fare tutte le riforme fiscali che voleva prima che la crisi economica glielo impedisse, ma così non è stato. Adesso perfino uno schieratissimo giornale di centrodestra come «Libero» gli ha urlato, in un titolo a tutta pagina, «Tradimento». Berlusconi ha tradito il ceto medio. E il ceto medio lo punirà e lo manderà a casa. Qualcuno potrebbe obiettare che questa manovra è stata «caldeggiata», diciamo così, dalla Bce, che esigeva misure ben più incisive di quelle che erano state recentemente varate dal governo. Qualcuno potrebbe anche far notare che la crisi è mondiale e non riguarda solo il nostro Paese. Qualcuno, infine, potrebbe aggiungere che, tutto sommato, Berlusconi e Tremonti, pur con qualche divergenza di vedute, sono stati abili a mantenere il rigore dei conti pubblici. Tutto vero. Ma questo non è sufficiente ad assolverli per questa «porcata» di Ferragosto che ricorda certe tristi manovre della vecchia Dc.
Anche allora, alla faccia dell'equità, si bastonavano sempre solo quelli che le tasse già le pagavano. Non perché fossero più onesti degli altri, ma semplicemente perché, avendo la ritenuta alla fonte, non avrebbero potuto evadere neppure volendo. Ed è sempre lì che lo Stato va a prendere i soldi quando ne ha bisogno, perché è lì che è sicuro di trovarli. E così anche oggi tutto grava sulle spalle di quel mezzo milione di persone che dichiara più di 90 mila euro. Ma non è vergognoso che in Italia solo un italiano su cento, ai fini dei versamenti Irpef, dichiari un reddito superiore ai 90 mila euro l'anno? Non è vergognoso che gli evasori, sicuri dell'impunità, possano circolare su Suv da 150 mila euro pur dichiarando un reddito dieci volte inferiore al valore dell'auto? Cosa ha fatto il governo Berlusconi per combattere un'odiosa evasione fiscale che in Italia è doppia rispetto al resto dell'Europa? E dove sono, nella manovra, i tagli alla spesa pubblica? E le sforbiciate ai privilegi della Casta? E le tanto attese riforme strutturali? A parte l'annunciata cancellazione di 29 Province e l'accorpamento dei Comuni più piccoli, i tagli alla politica si traducono in tagli agli Enti locali che saranno costretti a intervenire su servizi essenziali, dall'assistenza sanitaria agli asili nido. Insomma, un'altra bastonata ai cittadini.
A questo punto che cosa può fare il popolo dei dipendenti a reddito fisso, massacrato da questo iniquo prelievo forzoso? Poche ma significative cose. La prima: pretendere sempre e da chiunque (liberi professionisti, commercianti e artigiani) fatture e scontrini. La seconda: alle prossime elezioni non votare più per quei partiti che hanno rovistato nelle loro tasche, con il rischio, tuttavia, che gli altri partiti, sotto questo punto di vista, possano essere perfino peggio.
Buon Ferragosto a tutti i tartassati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Sigmund

    22 Agosto @ 08.53

    DRIIIIINNNNNNNNN, DRIIIIINNNNN DRIIIINNNN La sveglia, Molossi, sono quasi 20 anni che suona.... Lei non l'ha sentita per tutto questo tempo e adesso alza il ditino????? Abbia almeno un po' di pudore e lasci perdere, vah, che è meglio. Che pena, che gente.... e poi ci lamentiamo se stiamo fallendo? Con gente così dove pensiamo di andare? Mah...

    Rispondi

  • betty

    17 Agosto @ 00.28

    Come tutti quelli che ci hanno creduto lei Sig Molossi ,dice di essere stato sempre antiberlusconiano ... Allora come mai si sente tradito ? Come mai dice " ti abbiamo perdonato questa porcata e anche le leggi ad personam ( che e' la vera porcata )??non vorrà forse parlate a nome di tutti ? Spero di no perché io mi ritengo una cittadina onesta e non avrei mai perdonato una cosa così vergognosa come le leggi ad personam mentre dei fatti di "cuore" del vigoroso indomito cavaliere , francamente non me ne frega niente

    Rispondi

  • betty

    17 Agosto @ 00.13

    Sign Molossi ! Avete perdonato a Berlusconi le vicende di "cuore" con la Daddario con Ruby e anche le leggi ad ad personam !! Su ciò avrei qualcosa da dire :per esempio che vi siete resi complici del sistema politico più anticostituzionale Che si sia mai avuto Fino a che vi e' convenuto ,ora vi sentite traditi perché il vostro prode cavaliere vi ha messo le mani in tasca ! Trovo il duo editoriale alquanto patetico e veramente poco professionale

    Rispondi

  • sabcarrera

    16 Agosto @ 20.03

    Molti evasori sono piccoli operai che fanno lavori extra e si fanno pagare in contanti. Inoltre molte attività senza la contabilità creativa chiuderebbero i battenti. Perché dovrebbero pagare per compensare pensionati che si fanno retribuire oltre il loro merito, per pagare infrastrutture che beneficiano le grandi industrie o appalti commissionati ad arte dai soliti noti?

    Rispondi

  • giancarlo

    16 Agosto @ 18.23

    w Giovannino Guareschi, Indro Montanelli......uomini con la schiena dritta..senza cappello in mano.w l'Italia libera da tutti gli ipocrati.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5