19°

Parma

A tu per tu con i "furbetti" delle due ruote

A tu per tu con i "furbetti" delle due ruote
Ricevi gratis le news
18

Natalia Conti

Non c'è strada, vicolo, borgo o angolo di città che non riescano a «dominare»: sono loro, i ciclisti. Il popolo delle «due ruote» che imperversa senza sosta, ad ogni ora, in ogni stagione e in ogni zona. A volte commettendo infrazioni. E’ sufficiente fare un giro in centro e accorgersi di quanto le strade siano ormai diventate una sorta di «giungla», dove velocipedi rosa, blu, bianchi, con o senza cestino a fiori, portapacchi e bandierine sui manubri, viaggiano violando sovente le regole della strada. Non tutti, per la verità, sono indisciplinati ma basta fare un giretto per le strade della città per accorgersi che i «furbetti» delle due ruote non sono pochi.
Come la signora che ieri pedalava compiaciuta in via Padre Onorio nel senso contrario di marcia. O un ragazzo che con la sua mountain bike scorazzava sul marciapiede di via XXII luglio ostacolando il passaggio di una mamma con la carrozzina. E se non bastasse il fatto che era già in errore perché stava transitando sul marciapiede, diciamo pure che era contromano. Se ci si sposta sulla più larga e facilmente percorribile via Garibaldi, lo scenario non cambia di certo. I sensi di marcia sono due, uno dei quali non percorribile dai veicoli se non autorizzati, elemento che darebbe ai ciclisti una sorta di maggiore sicurezza. No, neanche questo li sprona a pedalare nel senso corretto.
«Scusi ma che fastidio diamo?». Questa la pacifica risposta di una signora alla quale è stato fatto notare che stava viaggiando sul suo «bolide» a due ruote in senso opposto a quello consentito. «Sarebbe meglio che si stesse attenti gli automobilisti, non a noi», ha aggiunto un po' scocciata prima di ripartire, continuando a viaggiare contromano. Per non parlare dell’attraversamento delle strisce pedonali. Come dice la parola stessa, non sembrerebbe difficile intuire siano riservate ai soli pedoni, ma evidentemente c'è ancora chi non ha ben chiaro il concetto. Viale dei Mille, una ragazzina in sella alla bici vuole attraversare sulle suddette strisce e lungi da lei scendere e portare a mano la bicicletta, come sarebbe corretto. Stesso comportamento che andrebbe tenuto nel percorrere i vialetti che attraversano piazza della Pace. Ma anche qui, di biciclette «alla mano» se ne vedono poche. Di cellulari invece, se ne vedono parecchi. Ci spostiamo in via Langhirano ed ecco una piacevole sorpresa. Un ciclista sta pedalando sulla giusta corsia di marcia e non sul marciapiede, ma l’entusiasmo dura poco. Delle due mani una sola è sul manubrio, l’altra lo aiuta a sorseggiare una bella bottiglia di birra. Che dire di più, un viaggio alla scoperta del mondo dei ciclisti ci ha trasportato in una realtà quasi parallela dove i trasgressori indisciplinati non erano certe «mosche bianche». Certo, c'è anche chi dimostra rispetto per le regole, per sé stesso e per gli altri inforcando i pedali del proprio mezzo in maniera corretta, ma purtroppo questa immagine viene quotidianamente sfuocata da comportamenti che di corretto hanno ben poco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sabcarrera

    16 Agosto @ 16.03

    Il codice stradale è li non per essere seguito alla lettera come fanno gli stolti ma per proteggerci. La quasi totalità degli incidenti mortali sono causati da veicoli motorizzati ed è li dove serve un rigore maggiore e più sanzioni.

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    16 Agosto @ 15.07

    @kdg - Agli autisti di bus con telefonino abbiamo dedicato recentemente quasi un'intera pagina. Alle trasgressioni delle auto decine di articoli. Quindi, se siamo "talebani", li siamo semplicemente del buon senso e della sicurezza di TUTTI coloro che vanno in strada, e che a loro volta hanno diritti ma anche doveri da rispettare... - @Demetro - ...e questo giustifica una pagina di giornale, non solo in agosto. (G.B.)"

    Rispondi

  • marco

    16 Agosto @ 13.35

    Vedo bici viaggiare ovunque... MENO CHE sulle PISTE CILCLABILI .

    Rispondi

  • costante

    16 Agosto @ 11.12

    credo che non ci sia una categoria più virtuosa rispetto alle altre.... quando si parla di attuare il buon senso e rispettare il codice della strada, non credo che i pedoni siano meglio dei ciclisti o degli automobilisti. Sta di fatto che mettiamo in atto dei comportamenti che oltre ad essere poco rispettosi della libertà di ciascuno di noi, sono anche stupidi perchè mettono a repentaglio la propria e l'altrui vita. Ne vale la pena?

    Rispondi

  • Roberto

    16 Agosto @ 10.54

    io a chi le regole di buon senso proprio non le vuole intendere ,lo manderei a pedalare contromano (ma pure con lo scooter i monopattini e i pattini a rotelle) in autostrada dove ,dopo un frontale contro (possibilmente) un camion potrebbe esternare tutte le sue giustificazioni del caso ... ;-)

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

27commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

storia

Inaugurato il monumento ai Paracadutisti della Folgore

FONTANELLATO

Al via le "Autorevoli cene" al Labirinto della Masone: focus con Massimo Spigaroli e Michela Murgia Ascolta

Le interviste sono state realizzate in diretta da Andrea Gatti su Radio Parma

economia

Approvata all'unanimità la fusione di Banca di Parma in Emil Banca

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro