11°

Parma

Omicidio stradale: a Parma raccolta di firme

Ricevi gratis le news
10

Omicidio stradale: se ne parla anche a Parma. Nei giorni scorsi abbiamo riportato, in particolare, gli interventi del'assessore alla sicurezza fecci, che da tempo appoggia l'ipotesi di istituire questo reato. Ora, si registra anche un intervento di Tonino Morreale, che da tempo si batte a Parma sul tema della sicurezza stradale, e che con la sua associazione intende promuovere anche a Parma una raccolta di firme. Ecco il testo della sua lettera alla Gazzetta di Parma.

Signor direttore,mi ritengo in diritto e in dovere di mettere in ordine la faccenda dell’«omicidio stradale». Già nel 2003 usavo questo termine per differenziare gli eventi stradali, cioè quelli che comunemente chiamiamo «incidenti» dividendoli tra eventi prevedibili ed eventi non prevedibili, questi ultimi giustamente li chiamiamo incidenti, per cui davo il termine di «omicidio stradale» agli eventi stradali prevedibili, che sono tutti quei casi in cui l’evento è stato causato da varie situazioni di pericolo dovuto alle infrastrutture, dalla buca alla cattiva progettazione della strada, dalla posizione errata della segnaletica alle piante che impediscono la visuale. Realtà che ancora oggi fatica a trovare un suo ruolo nel campo della sicurezza stradale.L’Aifvs (Associazione italiana familiari e vittime della strada - onlus) di cui faccio parte, ha allargato l’uso di questo termine ai casi di incidenti in cui il responsabile è ubriaco o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, e da qui si passa nel 2009 allo studio da parte degli avvocati dell’Aifvs di una proposta di legge per creare una pena adeguata al caso, in più si chiede che venga equiparato a morte lo stato di coma irreversibile.Purtroppo faccio fatica ad organizzarmi per raccogliere le firme, ma se qualcuno ha tempo e voglia di aiutarmi si faccia sentire.

Tonino Morreale toninomorreale@libero.it tel. 338.6118857Membro Aifvs, Gruppo prevenzione, Sede provinciale di Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giorgio Ossimprandi

    23 Agosto @ 14.19

    l'omicidio, stradale.statale,o diqualsiasi categoria,è sempre omicidio, e non vedo il motivo per fare delle distinzioni.

    Rispondi

  • sabcarrera

    23 Agosto @ 13.48

    Spero che le pene proposte vengano applicate anche alla guida pericolosa ed all'incidente causato da eccesso di velocità

    Rispondi

  • Marco

    23 Agosto @ 11.20

    Proposta che non mi entusiasma. D'accordo su punizioni durissime a chi causa morte per guida in stato di ebbrezza o dopo avere assunto stupefacenti. Ma il problema è a monte, non si è abbastanza duri con chi viene sorpreso al volante dopo avere assunto cocaina, cannabis o dosi di alcool di oltre 1 mg. Ci vuole il morto per fare quello che si doveva fare prima? Intendo sospensione della patente per almeno 10 anni, durante i quali chi ha messo a repentaglio la vita altrui deve essere sottoposto a test continuativi (capelli, sangue e quanto altro possibile). Se vogliamo salvare delle vite (e non solo quelle delle vittime, anche quelle dei carnefici) la strada è questa.

    Rispondi

  • frusta

    23 Agosto @ 08.45

    @muet: quindi, secondo il tuo e di molti ragionamento, per essere soddisfatti non basta il pagamento di tutti i danni da parte dell'assicurazione ma ci vuole anche l'arresto? quindi con anche l'arresto si sarebbe soddisfatti, il dolore per la perdita sarebbe minore? a parte che, grazie a questa legge, le assicurazioni non pagherebbero mai se si tratta di omicidio stradale causato da alchool o droga... per essere soddisfatti bisogna vedere il responsabile in carcer? e quanto poi se è incensurato? un anno, cinque, dieci, ergastolo? si sarebbe poi soddisfatti? il problema di fondo è che fondamentalmente non sareste soddisfatti ma lo sarebste solo se vi fosse la pena di morte e di conseguenza il responsabile venisse eliminato per sempre! questa è la legge dell'okko per okkoi dente per dente! un po come in quei paesi dove se rubi un fazzoletto ti tagliano la mano! sarebbe giusto? ricordo a te e agli altri che le leggi ci sono già e sono pesanti per questi fatti. Pensate davvero che una persona messa in carcere con l'accusa di omicidio volontario stradale possa uscire dal carcere migliorato per la società??? se un domani tuo figlio, con tasso alcolemico appena al di sopra del limite si trovasse coinvolto in un incidente mortale magari senza averne la colpa, saresti soddisfatto nel vederlo in carcere??? ma svegliamoci gente! questa legge serve solamente per favorire coem sempre le lobby delle assicurazioni che saranno nella condizione di non pagare se accade un incidente del genere! aprite il cervello e cercate di ragionare un pokino senza farvi prendere dal facile prurito di vendetta! la vendetta, perchè di questo si tratta, non porta mai a nulla di buono, anzi!

    Rispondi

  • Ettore Musini

    22 Agosto @ 17.17

    a frusta il 22/08/2011 alle 15:20 Perche' una persona per te quanto vale ? Se l'assicurazione paga quanto chiedi ti ritieni soddisfatto ? l'eventuale mancanza improvvisa di un tuo congiunto non la senti nel cuore ? Comunque io sono assicurato anche con la bicicletta, E NON BEVO.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Sei un esperto di... tutto! Rispondi ai nostri 10 quiz

GAZZAFUN

Pronto ad un nuovo ripasso di cultura generale? Provaci subito

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni per ricordare Giulia davanti al liceo Marconi: foto

PARMA

Striscioni per ricordare Giulia davanti al liceo Marconi Foto

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

tg parma

Fango, acqua, lavoro e tanta amarezza: parlano gli sfollati di Colorno Video

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

ENZA

Si lavora per il ripristino delle sponde di Enza e Parma Video

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

1commento

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

6commenti

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

I torrini del Battistero danneggiati: arrivano le impalcature Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

La Commissione Ue contro Ryanair: "Lo sciopero è un diritto fondamentale"

BOLOGNA

Peculato: condannato l'ex capogruppo Pd in Regione Marco Monari

SPORT

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

RUGBY

Carlo Orlandi (Zebre): "Cerchiamo di migliorare il possesso palla" Video

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

CONSIGLI

Nozze rovinate: la sposa è allergica alla torta

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS