-2°

10°

Parma

La Guarnieri: Il Festival Verdi? Un fantasma

Ricevi gratis le news
1

Tanta pubblicità al Festival Verdi, ma a un mese e mezzo dall'inizio della manifestazione, ancora non si sa nulla del programma. A denunciare la situazione paradossale è Maria Teresa Guarnieri, consigliere comunale di «Altra Politica - Altri Valori».  «Sulle reti Mediaset sono usciti gli spot che pubblicizzano il Festival Verdi di Parma. La cosa strana è che, se si cerca sul sito dedicato all’evento, o su quello della Fondazione Teatro Regio, non si riesce a trovare - a un mese e mezzo dall’inizio della kermesse - la minima traccia di un programma, se non una generica indicazione di titoli», scrive la Guarnieri. «Per un’Amministrazione che desidera che il Festival sia un evento di grande  livello nazionale e internazionale, e quindi fortemente attrattivo per la città, è una mancanza sconcertante. - continua - Quali possono esserne i motivi? Innanzitutto, la mancanza di fondi. La Fondazione Teatro Regio ha problemi di bilancio seri e un passivo significativo, anche a causa dal mancato arrivo di risorse statali, tante volte promesse e annunciate, ma mai giunte e che probabilmente mai arriveranno». Inoltre, prosegue la Guarnieri,  «c’è il problema degli artisti. Sembra, infatti, che molti tra coloro che si sono esibiti nella edizione 2010 non siano ancora stati pagati e rivendichino, legittimamente, i  loro compensi. Anche nomi prestigiosi, che calcano le scene dei teatri di tutto il mondo, risulterebbe “stiano discutendo” con il nostro teatro  per il mancato rispetto dei pagamenti, con un’ulteriore ben magra immagine della nostra città. Anche a livello culturale, invece di  Parma città europea e della cultura, Parma città dei debiti!». «E’ lecito chiedersi a che punto sia effettivamente la programmazione del Festival, quali siano davvero le opere in programma e gli artisti coinvolti e quanto ci costerà, considerato il momento di crisi che stiamo vivendo - scrive la consigliera comunale -. O forse dobbiamo incominciare a pensare che il Festival Verdi non si farà?». Secondo la Guarnieri, «di certo anche per il Teatro Regio è finita la fase della “grandeur”. La città non può più permettersela. L’attuale dirigenza del teatro e la sua produzione artistica hanno costi assolutamente eccessivi, superiori di gran lunga a quelli di molti altri teatri italiani più grandi, e comunque non rapportabili ai risultati prodotti. Il Teatro Regio e la produzione lirica a Parma possono continuare con qualità anche in altro modo, a costi differenti e più ridotti. Dobbiamo valorizzare le capacità parmigiane interne al Teatro, senza continuare ad acquistare “chiavi in mano” da altri. Siamo un teatro di produzione; abbiamo valenti artigiani come falegnami, sarte, attrezzisti e scenografi, che paghiamo e che mortifichiamo professionalmente». «Non coltiviamo rapporti con altri teatri per coproduzioni e collaborazioni. Senza bisogno di rivolgerci sempre all’esterno, qui abbiamo professionalità artistiche di egregia qualità». «E’ ora che si cambi atteggiamento culturale. Occorre capire che bisogna fare un salto di qualità nel rapporto tra il Teatro Regio, la Città, la sua Provincia e la sua Regione. E’ la fase del lavoro serio, dell’umiltà e dell' equilibrio, per uscire dalla difficile situazione attuale, facendo del Teatro una risorsa viva del nostro territorio!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • franco

    26 Agosto @ 17.59

    Sicuramente ci saranno broblemi di bilancio : E i suoi NEL DISTRETTO di Fidenza , che amministra dietro Lauto Ricompenso , A quanti MILIONI di euro ammontano ? Lo VORREI SAPERE io ed anche ALTRI !!!!!! FALCO .

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Luca Guadagnino

Luca Guadagnino

cinema

Oscar: quattro nomination per il film di Luca Guadagnino

Ciak... si gira! Il meglio dei nostri quiz sul cinema

GAZZAFUN

Ciak... si gira! Il meglio dei nostri quiz sul cinema

Ascolti tv: Romanzo Famigliare vince ancora, L'isola dei famosi debutta con il 25% di share

TELEVISIONE

Ascolti tv: Romanzo Famigliare vince ancora, L'isola dei famosi debutta con il 25% di share

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

NOSTRE INIZIATIVE

Domani lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

12commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

4commenti

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

5commenti

SALUTE

In calo l'incidenza dei tumori a Parma, Piacenza, Reggio e Modena

Presentati i dati dell'Area Vasta Emilia Nord

chiozzola

Sorprendono il ladro in cortile. Il sindaco: "Cittadini, ingrassate le navette"

10commenti

INCHIESTA

Nomine al Maggiore, chiesto il rinvio a giudizio per l'ex rettore Borghi

1commento

PARMA

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

1commento

modena

'Ndrangheta: fermato il presunto nuovo reggente della cosca emiliana

Carmine Sarcone, provvedimento della Dda e dei Carabinieri

polemica

Eramo: "Sulla sicurezza la giunta non si auto-assolva: mancano scelte coraggiose"

"Perché non avete chiesto ai vigili di fermare i consumatori di droga?"

2commenti

economia

Rapporto Ismea, Parma nettamente in vetta per l'agroalimentare

DILETTANTI

Clamoroso a Felino: si dimette Pioli

Lutto

Millo Caffagnini, una vita intensa con Bardi nel cuore

TECNOLOGIA

Telefoni e tablet in classe: a Parma non sono una novità

salso

Addio alla maestra Angela Bonassera, in cattedra per 35 anni

COLLECCHIO

In vent'anni, in Comune, 20 dipendenti in meno

1commento

ALLARME

Bocconi avvelenati al parco Martini: area transennata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

IL VINO

Gin Mi e Gin Ti, semplicemente «miti» per distillati d'autore

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

Politica

Grillo separa il suo blog dal M5S: "Parliamo di futuro"

MILANO

Il pm chiede la confisca della casa di Fabrizio Corona

SPORT

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

TENNIS

Australia: Nadal si ritira, Cilic in semifinale Foto

SOCIETA'

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

hi tech

Amazon apre supermercato 4.0: è senza casse

MOTORI

LA NOVITA'

Mitsubishi Eclipse Cross, il Suv con l'anima del coupé

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti