-3°

Parma

Pietro De Angelis e Arrigo Allegri: "Il Comune ha fatto il suo dovere"

Ricevi gratis le news
2

"Dopo il blocco amministrativo del Termovalorizzatore imposto dal Comune i cittadini di Parma stanno assistendo ad uno scontro politico accesissimo. Vorremmo ricostruire i fatti in modo chiaro e comprensibile per tutti". Così inizia un comunicato stampa firmato da Pietro De Angelis e Arrigo Allegri e diffuso dal Comitato Gestione Corretta Rifiuti.
"Il 18 luglio 2006 il Comune di Parma firma un accordo con ENIA allo scopo di trasformare la destinazione dell’area prescelta per il Termovalorizzatore (TVC) da agricola ad industriale. In questo documento fondamentale, all’art. 2 si legge:”Il Comune assume che le suddette opere ( il TVC, n.d.r.) rientrano,per motivazioni esposte ,tra quelle previste dall’art. 7 comma 1 lett.d) della L.R. 25/11/2002 n.31”. In questo art.7 sono esposti i quattro casi di esenzione dall’obbligo di richiedere il permesso di costruire, e la lettera d) dice: “per le opere pubbliche del Comune”. Quindi nel luglio 2006 il Comune di Parma considerava il TVC una propria opera pubblica,e come tale, esente dall’obbligo di conseguire il permesso di costruire. Qualcuno però deve aver fatto notare ai tre soggetti coinvolti (ENIA, Comune e Provincia) che un’opera pubblica deve obbligatoriamente essere assegnata tramite una gara pubblica. Per evitare la gara pubblica ed assegnare direttamente ad ENIA (ora IREN) un’opera di questa importanza, alla fine dell’iter autorizzativo presso la Provincia di Parma, il TVC viene da quest’ultima definita: “un’opera privata di interesse pubblico”. Con questo “escamotage” non sarebbe quindi più necessaria una gara pubblica perché il TVC non risulta più essere un’opera pubblica del Comune bensì un’opera privata di ENIA (oggi IREN), ma come tale necessita pur sempre di un permesso di costruire. Che non c’è!"
"Infatti,conseguite le autorizzazioni ambientali dalla Provincia, ENIA ( REN) apre subito il cantiere e sui cartelloni, su cui vanno obbligatoriamente indicati gli estremi del Permesso di Costruzione, indica lo stesso art.7 della L.R. 25/1172002 n.31 che il Comune aveva citato nell’accordo del luglio 2006 con ENIA, omettendo – forse per pudore.... – la lettera d) “opera pubblica del Comune”. Questi sono i fatti e speriamo che ora siano chiari a tutti. Se i dirigenti del Comune hanno applicato e poi rinnovato il blocco amministrativo del Cantiere è perché “responsabilmente” hanno accertato la mancanza del permesso di costruzione e per la legge non avevano alternative. In poche parole hanno fatto il loro dovere, anche se l’opera (privata) è stata definita di pubblica utilità ed anche se risulta in avanzata fase di realizzazione. In Italia può oggi suonare strano ma la legge è legge. Inoltre, la mancanza del permesso di costruzione non è solo una irregolarità amministrativa ma anche un reato (abuso edilizio). Sarà quindi compito degli organi giudiziari competenti accertarne la sussistenza e le eventuali responsabilità personali".

"Questo però non è l’unico fatto “anomalo” relativo al TVC. Esso infatti ,pur essendo un forno inceneritore, non è classificato come impianto di smaltimento rifiuti ma come impianto di recupero energetico. Tale qualifica viene conseguita grazie all’apporto dell’ energia calorica prodotta dal TVC, in aggiunta a quella elettrica, per il Teleriscaldamento. Ma non è questa l’”anomalia”, bensì il fatto che la Rete del Teleriscaldamento è di proprietà IREN. Parma infatti risulta essere l’unica città dotata di Teleriscaldamento la cui rete non è di proprietà pubblica (del Comune)ma di una società privata (IREN) che la iscrive a Bilancio nei cespiti patrimoniali. In tutte le altre città italiane la Rete di Teleriscaldamento è di proprietà comunale o da questa affidata in concessione per un tempo determinato ad una società privata che poi deve restituirla al patrimonio comunale. Ma non a Parma: qui IREN è piena proprietaria della Rete di Teleriscaldamento e gode pertanto di una privilegiata quanto illegittima situazione di monopolio. La rassegna delle “anomalie” relative al TVC termina con due fatti che portano ad una ben poco rassicurante previsione. La Provincia ed il Comune di Reggio Emilia hanno recentemente comunicato ufficialmente che spegneranno il loro Forno inceneritore e che utilizzeranno altre metodologie di smaltimento. In precedenza il Comune di Piacenza aveva indetto una gara pubblica (!!) per l’adeguamento del locale Forno inceneritore. Unico offerente ENIA. Facile aggiudicazione quindi,ma stranamente questa ha rinunciato a sottoporre l’offerta, perdendo anche 40.000 euro versati a titolo di cauzione per l’offerta (bid bond). E’ azzardato affermare che anche il Forno di Piacenza, non adeguato alle nuove normative,verrà presto spento? Quando? Provate ad immaginarlo, visto che IREN è il Gestore dei rifiuti di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. E’ pensar male che il TVC di IREN, situato a Parma, brucerà anche i rifiuti di Piacenza e Reggio? O pensate che le limitazioni imposte dalla Provincia di Parma circa la provenienza e le quantità dei rifiuti, con deroghe già incorporate (punti 7 e 32 dell’autorizzazione provinciale) saranno dei baluardi inespugnabili? Noi non avremmo dubbi ma forse siamo influenzati dalle troppe “anomalie” di questo progetto..." 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Geronimo

    29 Agosto @ 16.43

    Bravi, finalmente un pò di chiarezza, speriamo che adesso siano chiari tutti i soggetti coinvolti perchè non è corretto rinegare un forno inceneritore solo per scopi elettorali quando poi lo si vuol fare davvero

    Rispondi

  • gianfranco ferrari

    29 Agosto @ 11.49

    IREN è una società privata che è riuscita a fare a Parma quello che non ha fatto altrove grazie alle autorità comunali, ed una volta completato l'inceneritore brucerà quello che gli pare.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Itis Berenini

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

Il giovane aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

7commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento